Radek Stepanek

L’erba di Wimbledon allunga la vita? Federer ci spera

TENNIS – In uno sport sempre più caratterizzato dall’atletismo, uno studio recentemente fatto potrebbe rovesciare i favori del pronostico dell’imminente torneo di Wimbledon portando qualche “vecchietto” alla ribalta. Da Radek Stepanek a Feliciano Lopez oltre ovviamente al sette volte campione Roger Federer.
Federico Carnesecchi 

Più si invecchia, più si gioca meglio: almeno sull’erba.

L’assunto avrebbe dell’incredibile pensando a come gli atleti siano tirati a lucido nei tempi moderni, ma un interessante studio dimostra che non è necessariamente così.

La ricerca ivi effettuata induce a svolgere una breve riflessione.

Se è vero, infatti, che le ultime dieci edizioni di Wimbledon maschile e femminile sono quasi sempre state vinte dal giocatore o dalla giocatrice più forti,  la ricerca menzionata dimostra come, passati i 27 anni, sull’erba il gioco – specialmente delle tenniste – migliori.

I fattori possono essere diversi ma il dato è certamente interessante e a Wimbledon parrebbe trovare conferma.

Analizzando, infatti, i Championships degli ultimi dieci anni (escludendo le vittorie over 27 di Roger Federer e Serena Williams), abbiamo avuto dei validi riscontri.

Partendo dall’edizione del 2004 troviamo nei quarti di finale femminili ben due giocatrici di anni 28: Lindsay Davenport e Jennifer Capriati.

Nel Wimbledon 2005 è lo svedese Thomas Johansson a raggiungere, all’età di 30 anni, la semifinale perdendo da Andy Roddick.

Nell’edizione del 2006 un altro svedese all’alba dei 34 anni avrebbe raggiunto la semifinale : Jonas Bjorkman.

Nell’anno solare 2008, come dimenticare un eroico Rainer Schuttler agguantare la semifinale a 32 anni ed una coraggiosa Tamarine Tanasugarn irrompere nei quarti di finale a 31 anni?

E ancora, risultati brillanti di campioni over 27 si sono verificati nel 2009 – uno splendido Tommy Haas in semi a 31 anni – e nel 2011 anno in cui l’americano Mardy Fish diede filo da torcere a Rafa Nadal nei quarti.

Nel 2012 fu Mikhail Youzhny a raggiungere i quarti e nel 2013 toccò a Marion Martoli  vincere l’edizione.

A questa breve carrellata va ricordata la sempiterna Kimiko Date che nel 2013, alla tenera età di 43 anni, raggiunse il terzo turno del torneo lasciando a bocca aperta esperti del mestiere e scommettitori più o meno occasionali.

Il perché di questo miglioramento sull’erba oltre ad una certa età può essere dovuto a più fattori: ad esempio,  la maggior esperienza che un giocatore od una giocatrice con gli anni acquisiscono e nel gestire i rimbalzi irregolari della pallina a fronte dell’inesperienza delle giovani leve.

Senza nulla togliere alle quote che i bookmakers assegnano ai potenziali vincitori, chi scrive sarebbe contento se una simpatica “vecchietta” o un arzillo “vecchietto” andassero avanti anche nella prossima edizione di Wimbledon ribaltando – per un solo attimo – le gerarchie imposte, in parte, anche dall’età.

Federico Carnesecchi 

Sul sito non è consentito inviare commenti offensivi o diffamatori verso persone, enti e organizzazioni. A seguito di esplicita richiesta inviata all'editore (scrivere a direttaubitennis@gmail.com) i messaggi che non rispettano tali regole saranno rimossi. L'editore non si considera comunque responsabile del contenuto dei commenti.
  • JS83

    mmh.. vediamo dopo Wimbledon.. potrei studiarci su.. mi dai un’idea..

  • Uolter Riz

    …. forse perché nel confronto con le altre superfici, su questa le partite sono più rapide e meno faticose, pertanto l’età conta meno?

  • Mario

    Ottima notizia: la Svizzera di Perderer dal centrocampo napoletano è stata sepolta dalla Francia, e l’Ecuador ha vinto

  • Dr. Tennis

    Se Federer supera indenne i primi turni e non trova Nadal in semifinale, ha ottime possibilità di vincere il torneo. In questo momento sull’erba può giocarsela contro Djokovic e Murray.