1682161-rafael_nadal_wimbledon_2012

Rafa sei ancora tu il principe di Wimbledon?

TENNIS FOCUS - A pochi giorni dall’inizio del torneo di Wimbledon, il 5 volte finalista del torneo, Rafael Nadal, ha bisogno di riscattare le opache prove degli anni precedenti. Tentiamo di capire se e perchè possa ancora avere chance di vittoria sull’erba, essendo considerato il più grande giocatore in attività su questa superficie, dopo Federer.

Streaming gratuito e scommesse live: tutto il tennis su bwin.it

Partiamo subito con alcuni interessanti dati statistici: nella sua oramai lunga e gloriosa carriera, l’attuale numero uno del mondo è uscito al secondo turno di un torneo dello Slam solo 4 volte (Us Open 2003, 2004, Wimbledon 2005, 2012) e in un’unica occasione al primo turno (Wimbledon 2013). Numeri interessanti che attestano le difficoltà di adattamento che Nadal ha avuto nel corso degli anni sull’erba e sul cemento americano.

Passiamo poi ad altri numeri: 5 finali e 2 vittorie sull’erba di Wimbledon, che fanno dello spagnolo il giocatore più vincente in attività, dopo (of course) Roger Federer che, con i suoi sette successi all’All England Club può essere posizionato tra i primi due giocatori più forti di sempre su questa superficie (lo svizzero o Sampras?). Quale delle due osservazioni è dunque corretta? Qual è il vero Nadal? Quello delle 5 finali su altrettante partecipazioni o quello degli ultimi 2 anni? Naturalmente il vero Rafa è quello di entrambe le occasioni: quello che alla fine di un match memorabile, dopo 4 ore e 48 minuti alzava il suo primo trofeo londinese nel 2008 ma anche quello che lo scorso anno perse dal folletto impazzito Darcis, senza abbozzare la minima reazione.

Perchè Nadal è riuscito ad adattarsi all’erba e a spodestare Roger Federer nel 2008? Che cambiamenti ha adottato insieme al suo staff? Oltre ai miglioramenti (estremamente visibili se si mette a paragone la finale di Wimbledon 2007 con quella dell’anno successivo) nel servizio, con un movimento differente e una prima palla molto più perforante, e ad un rovescio mai più incisivo come in quella edizione, lo spagnolo è stato in grado di inserire il fattore “atletismo moderno” nel tennis su erba, cosa che mai nessun vincitore (a scanso forse di Hewitt) sui prati verdi era riuscito a fare. Lo stesso quinquennio di Borg ha visto lo svedese scendere in maniera continuativa nei pressi della rete. Chiaro che l’erba degli anni 80 era completamente diversa rispetto a quella odierna, e il cambiamento (iniziato nel 2001) abbia certamente aiutato lo spagnolo (ma che colpa ne ha?). D’altro canto, si ricordi che anche la terra parigina è stata velocizzata negli ultimi anni (sfido chiunque a dire che il Roland Garros del 1982 dove fu Wilander a trionfare in una noiosissima partita contro Vilas, in cui il pubblico francese fu costretto addirittura a fischiare i due, si sia giocato su una terra simile a quella odierna, per questo di parla di OMOLOGAZIONE delle superfici).

Parlavamo appunto di atletismo: già, Rafa è stato in grado di concentrare tutta la sua straripante potenza fisica anche sui campi verdi, e lo si è visto già dal 2006, anno in cui lo spagnolo arrivò a strappare un set a Federer in finale, senza straordinari mezzi tecnici, con un servizio lento e un gioco di volo inesistente. Solo col fisico per l’appunto. Come detto prima, è chiaro che Rafa sia poi clamorosamente migliorato riuscendo a sposare la fisicità con i miglioramenti tecnici, tant’è che resistendo la prima settimana, dove l’erba è più scivolosa e problematica per lui, negli ultimi 7 giorni è sempre riuscito ad ottenere vittorie e prestazioni interessanti.

Tant’è. Ma gli anni passano, le fatiche iniziano a farsi sentire e il fisico lo lascia a piedi un pò più spesso ultimamente. Arriviamo così agli ultimi due anni. Nel 2012 Nadal uscì al secondo turno da uno straordinario Lukas Rosol, prima di fermarsi per 7 mesi e tornare poi a Febbraio del 2013 (ma al di là dell’infortunio sono convinto che quel match lo avrebbe perso in qualunque caso). Lo scorso anno invece fu Darcis a estrometterlo al primo turno in 3 set, provocando una sconfitta sicuramente più clamorosa della prima, visto l’avversario e la condizione tecnica. Francamente ho sempre pensato che quest’ultimo match fosse frutto di un Nadal scarico psicologicamente, quasi arrendevole e mollo sulle gambe (emblematico il terzo set se qualcuno lo ricorda).

In molti hanno provato a capire il motivo di questa scarsa attitudine su erba negli ultimi anni ma in realtà non c’è una vera e propria spiegazione tecnica: Nadal per andare avanti a Wimbledon, più che in qualsiasi altro torneo (anche Us Open), deve arrivare a Church Road in perfette condizioni psicofisiche e tecniche, quello che molti chiamano il 100%. Sul cemento e, ovviamente, sulla terra, è più difficile trovare la mina vagante in grado di estromettere i top player dagli Slam, anche se questi ultimi non sono in perfette condizioni. Vedasi Nadal-Isner 2011 al Roland Garros con un Nadal frastornato dalle batoste di Djokovic, che si salva al primo turno e poi va a vincere il torneo, o anche il Roland Garros dello scorso anno, con lo spagnolo che parte in sordina, e ha il tempo di carburare e trovare la migliore condizione nelle due settimane. Questo a Wimbledon non può permetterselo. Il margine di errore, per lui (ma un pò per tutti) sull’erba è molto più sottile che sulle altre superfici e un problema fisico o tecnico che sulla terra si rivelerebbe non troppo incisivo o comunque curabile, sull’erba ti ha già sbattuto fuori dal torneo. D’altro canto gli specialisti del veloce come i vari Rosol, Stakhovsky, Brown, Janowicz ecc, sono tanto rari quanto estremamente pericolosi e imprevedibili per le teste di serie odierne, o comunque molto più dei terraioli.

Detto questo passiamo al dilemma di inizio articolo: è ancora Rafa il principe dell’erba? Sarà questo Wimbledon a dircelo, sarà questo Wimbledon a farci capire se lo spagnolo possa disputare un buon torneo, se possa ulteriormente avvicinare i 17 slam di Federer. Le premesse, ad onor del vero, sono molto simili a quelle degli ultimi due anni, con  un Halle decisamente sottotono (non che questo non sia stato calcolato dal suo staff) e dichiarazioni non del tutto incoraggianti. Ma Rafa, si sa, è uno che mette le mani avanti, non essendo mai pienamente convinto di sè stesso e spesso essendo dilaniato da milleuno dubbi. Credo si possa comunque dire che indicative possano essere le prime due-tre partite; se Nadal dovesse passare la prima settimana, allora la sua candidatura prenderebbe seriamente corpo. Fino ad allora però, c’è sempre un nuovo Rosol in agguato e i big questo lo sanno bene, specie a Wimbledon.

Sul sito non è consentito inviare commenti offensivi o diffamatori verso persone, enti e organizzazioni. A seguito di esplicita richiesta inviata all'editore (scrivere a direttaubitennis@gmail.com) i messaggi che non rispettano tali regole saranno rimossi. L'editore non si considera comunque responsabile del contenuto dei commenti.
  • JS83

    Finale Nadal-Murray e i quattro big four in semifinale. Per l’ultima volta.

  • Premio Soderling

    Ci permettiamo un’osservazione circa l’omologazione delle superfici.

    Negli anni ottanta si giocava a Parigi da fondo ed a Londra a rete (quantomeno, in attacco)

    Oggi, a Parigi si gioca sempre da fondo, ed a Londra… anche da fondo!

    Quindi omologazione un corno, chiamiamolo rallentamento, e basta. Con l’arrotomane che ringrazierà in eterno.

    • Syl

      Chiama quello pure l’omologazione rallentamento, fatto sta che a Parigi si è velocizzato… Sul campo veramente lento di una volta non so quante possibilità avrebbe potuto avere Roger Federer, pure senza Nadal di mezzo… E non so su quali superfici tu abbia visto il tuo vincere 17 slam… Su quelle omologate… Che strano… Che debba ringraziare anche lui in eterno? :)

      • Riccardo Madruga Madrigali

        Ti vorrei ricordare che Federer ha fatto 4 finali a Monte Carlo, il campo più lento del mondo. Possiamo concordare sul fatto che a Parigi il campo si sia leggermente velocizzato ma mai quanto l’erba di Wimbledon si è rallentata. Non parliamo poi dell’ Australian Open e dei vari Master americani.

  • Franco Franz

    Se ci ha perso Nadal, io non oso pensare cosa avrebbe potuto fare Federer, che nella prima settimana di quel Wimbledon non mi sembrava in grandissima forma.

  • Special One

    ATTREZZI

    le superfici c’entrano poco o nulla

    • Hamed

      Le superfici c’entrano eccome !

  • kinder

    nadal e’ principe,e’ re, e’ papa.Vincera’ 22 slam e sara’ irragiungibile per i prossimi cento anni.A wimbledon puo’ sfruttare la obiettiva mediocrita’ della concorrenza ,nella quale nessuno si segnala per brillantezza.Tutto cio’ premesso,non diro’ che mi piace nemmeno di fronte al plotone d’esecuzione.

    • Dario

      Speriamo almeno che siano 17 Roland Garros più 5 altrove e non diversamente.

  • Syl

    Ovvio…
    Che la prima settimana e i primi turni in specie siano decisivi per saggiarne le possibilità…
    Che dal 2012 i problemi al ginocchio ne abbiano minate le possibilità di giocare bene anche sull’erba…
    Che quest’anno, stando meglio il ginocchio, si sia messa la schiena a creargli dubbi…
    Che non sia sicuro di vincere…
    E allora… se tutto questo è ovvio, che vuol dire che mette le mani avanti? Semmai si potrebbe dire che è realista e non fa sfoggio di ottimismo…

  • Premio Soderling

    Vorremmo poter dire lo stesso.

  • Dario

    Ahaha antoine sta capendo che ormai tutti hanno capito che si cela dietro qualche altro nick e prova a confondere le acque prendendo una posizione anti-djokovic ! Lol non ha più una vita, rafigno consola il nonno !

  • Syd Barret

    peccato che l unico tra murray djokovic e federer ad aver perso una finale a wimbledon sia proprio il re…e poi se uno che fa una carriera come Nole e considerato perdente, io e te cosa siamo?

    • Teo

      ma che cavolo dici??? hanno perso tutti i Fab4 una finale a Wimbledon! Aggiornati!

    • S.u.a.i.m.e.p

      nadal ha perso la finale nel 2006, 2007, 2011, Murray nel 2012, Djokovic nel 2013.

  • Michelino

    Quanti match sul’erba ha giocato Nadal negli ultimi due anni? Cinque? Sei? La scarsa abitudine a questa superficie, combinata con la fatica del RG, potrebbe riusultare fatale anche quest’anno. Per sua fortuna Klizan è tutt’altro che un grande erbivoro.

  • Premio Soderling

    Sicuramente, ma le superfici sono oggettivamente rallentate. Lo dimostrava quel video che mostrava, su uno stesso identico servizio di Federer, le altezze e le velocità di rimbalzo tra Wimbledon 2003 e Wimbledon 2009. Ora non riusciamo a trovarlo, ma in molti lo conoscono.

  • Premio Soderling

    E’ innegabile che Wimbledon sia stato stravolto mostruosamente di più rispetto al Roland Garros.

    Per questo è più corretto parlare di “rallentamento” più che di “omologazione”.

  • Syl

    Su cosa basi la tua supposizione? La terra è più veloce a Parigi ed è visibile… Ma se pure fosse invisibile, ci sono testimonianze che lo affermano… E’ una mescola diversa… Credo che su questa terra Mc al suo massimo avrebbe vinto un titolo… Poi negli anni ci sono state delle condizioni che sono mutate… Attrezzi… Palline… Indubbio… Per non parlare del tempo, che influisce anche sulla velocità dei campi… Nel 2009, ad esempio, mi pare che le palline fossero piccole e veloci…
    Una sciocchezza, poi, scusa, che negli anni ’80 ci sia stato un difensivismo per
    adattamento… Ho visto gente fare serve&voley sulla terra… Oggi è
    pressocché impossibile…

  • Syl

    Cervellotico? Re sulla terra, secondo per titoli , ergo principe, sull’erba…

  • Syl

    Paura e ansia… Causate, e non è poco, da un’infammazione cronica al ginocchio che gli rende problematico raccogliere gli slice… Se sta meglio in questo senso, come dice, potrebbe anche sorprenderci in positivo… Sempre che il suo servizio recuperi profondità e potenza…

    • lavitagra

      “infiammazione cronica al ginocchio” LOL

  • Syl

    Forse si… Fece uno sforzo pazzesco al Rolando… Ma, se non ricordo male, aveva anche qualche problemuccio sul suo lato sx…

  • fabio06

    il torneo che inizia sarà forse lo slam più incerto degli ultimi anni.
    Federer probabilmente ha qui la sua ultima possibilità di raggiungere quota 18 anche grazie ad un tabellone favorevole.
    Parliamoci chiaro un Federer in finale con Djokovic o Murray non lo vedo perdere.
    Così come non vedo un Nadal in finale a Wimbledon perdere da Murray.
    Perciò molto dipende da Nadal, se salta lui prima della semifinale, Federer diventa il favorito d’obbligo, se Nadal arriva in semi non ci credo a una vittoria di Federer e quindi diventa il primo favorito Nadal, che comunque potrebbe perdere in finale da Djokovic.
    Sorprese ne vedo possibili solo per Djokovic e Nadal, Murray e Federer tabelloni che sembrano troppo lisci per non arrivare in semifinale.

    • Dario

      Djokovic che batte nadal in finale slam ?! Ahahah

  • City Hunter

    ma perché il tennis di Djokovic è bello? Quello di Del Potro? Mah…io non discuto le qualità ma in quanto a bellezza, vedere tirare bordate su bordate tutte più o meno uguali non credo che sia il massimo. Anzi il problema sono proprio gli “attaccanti” da fondo perché i difensori o pallettari sono sempre esistiti, questi attaccanti moderni sono la pessima evoluzione degli attaccanti di una volta

  • Filip (Il Bel Passonatore)

    Ti sembra lo stesso Murray? Trovi che Nadal possa ripetere le prestazioni del 2010? Uno che ha giocato pochissime partite sull’erba negli ultimi anni..
    Per Murray questo è lo Slam per eccellenza e se batte Nole in semi ha già il trofeo in mano.

    • Syl

      Non è lo stesso Nadal… Ma il suo gioco crea molti più problemi a Murray di quanti non gliene dia Nole… Oltretutto Murray ha sin troppe pressioni sopra…

    • federerthebest

      Ma dove le vedi tutte queste differenze fra il murray di prima e quello di adesso?

  • kinder

    feliciano lopez batte gasquet e si presenta come mina vagante a londra.

  • Premio Soderling

    Evidentemente hai iniziato a vedere il tennis con Nadal. Suggeriamo di trovarti gli highlights del match tra Federer e Sampras del 2001.

    • The King Of Clay

      Esatto era Wimbledon 2008!!

  • Kamke abbaia non morde

    Parole sante!

  • Tennis_Love

    come al solito non perdi occasione per fare brutte figure :) confondi la causa con l’effetto… Federer ormai và molto poco a rete proprio perchè le superfici sono lente… ;)
    ——
    Buon Wimbledon

  • Tennis_Love

    « L’importante non è vincere ma partecipare. La cosa essenziale non è la vittoria ma la certezza di essersi battuti bene. »
    (Pierre de Coubertin, citando il vescovo anglicano Ethelbert Talbot[1])

    ——
    Buon Wimbledon

    • mattiacintia

      ahaaha mi manca la citazione de coubertiniana

  • mattiacintia

    già,forse,chissà,se,probabile…la storia si basa sui numeri,solo chi li ha migliori è il migliore,stop,nn sapete a cosa attaccarvi ahhh

    • Riccardo Madruga Madrigali

      A noi tifosi di Federer dici che la storia si basa sui numeri e non sappiamo su cosa attaccarci? Seriamente?

      • mattiacintia

        perchè sapete meglio di me che a breve saranno superati alcuni di questi,e dopo nn vi rimarrà che riavvolgere il nastro e vedere le repliche delle partite giocate ai tempi di mussolini

        • Riccardo Madruga Madrigali

          Penso anch’io che il record degli Slam verrà superato, tutti gli altri no. Poi comunque sia è da vedere.

  • Dario

    Ohohoh

    • Gabriel

      Guarda che mi era piaciuta la battuta

  • Syl

    Si capisce che tifi Federer… Ma, ripeto, non hai la controprova di quello che dici e quel nonostante mi sa di forzatura… Oltretutto mi sa che rappresenti chi di tennis capisce poco…

    • Gabriel

      Federer non merita tali tifosi

  • Syl

    Federer a Wimbledon e’ più pericoloso di Murray per Nadal…

    • Leandro Paes

      aspetta almeno il 31 dicembre per sparare i botti…

  • Riccardo Madruga Madrigali

    Secondo me tu punti al record di cretinate scritte sul blog. Ci sei vicino quanto Nadal è vicino a Federer.

  • Psichedelic Roby

    Nadal ha da poco dichiarato di aver ancora problemi al ginocchio, quindi via con iniezioni di ormoni della crescita autorizzati in quella parte del corpo e giocatore bionico con slam in saccoccia. A questo punto dico, ma viva la camera iperbarica e forza Nole e Andy.

    • Dario

      Fonti

      • Gabriel

        La rete la rete

    • The Wall 80

      Ma se ha appena sostenuto il contrario?

  • S.u.a.i.m.e.p

    L’importante nella vita è perdere. Io in questo sono un maestro.

    • Gabriel

      Quest’uomo ha 27 anni ed ha giá vinto 6 slam (senza contare M. 1000, ATP World Finals, coppa davis e bronzo olimpico) rispetto per favore

      • S.u.a.i.m.e.p

        antoine, fai il bravo, vai a letto su

  • federerthebest

    ci sarà un motivo se non ci va spesso.Fatto sta che non lo sapremo mai come si sarebbe comportato con condizioni di gioco diverse

  • federerthebest

    Dove l’hai presa questa statistica?

    • chiara

      Era sul sito federale, c’è anche la % dei s&v rispetto ai punti giocati nei vari anni , a livello generale , si è passati dal 29% di dieci anni fa al 7% dell’anno scorso. Fa pensare.

      • federerthebest

        Grazie dell’informazione.Comunque è fin troppo evidente anche senza statistiche

        • chiara

          Direi che il suo problema non è certo che non sappia andare a rete, ci andava di più quando questo gioco era possibile, poi meno causa materiali, superficie ecc….che permettono di recuperare e passare con più facilità . Io comunque fossi in lui, se mantiene una prima solida, ci andrei il più possibile, soprattutto ai primi turni , e vero che a volte ti passano, ma è anche vero che fai un sacco di punti relativamente facili!

  • Gabriel

    Tu non mi hai capito, per me il Re di W è Roger per questo la vittoria del 2008 è epica

    • lollo

      Pensavo stessi scherzando. Grazie. Complimenti per l’obiettivita

  • Gabriel

    Ma non rispondergli, cerca notorietá

  • Gabriel

    Nadal perse meritatamente con Darcis, stava bene forse era, secondo me eh, un pó stanco e scarico mentalmente dopo un inizio di stagione pauroso. Non è una giustificazione ma una “colpa” in caso. Possiamo anche dire peró che grazie all’uscita prematura di W Nadal ha potuto fare l’incredibile tripletta americana. (magari risuccedesse quest’anno)

  • Syl

    Oddio, che Nadal sogni i rovesci in lungo linea suon troppo di cavolata… Sono così pochi… Qualche rovesciuccio e un bel controbalzo sulla linea di Rafa, più dei magnifici diritti, inoltre, valgono due o tre volte il prezzo di un biglietto… A voler aprire gli occhi, ovvio… Ma se riduci il gioco di Rafa a un gioco attendista… E vedi il gioco di Djokovic come propositivo…

    • Leandro Paes

      di sicuro Nole è più propositivo dello spagnolo e lo dimostrano i vincenti medi a partita, la posizione in campo e i km percorsi a partita… poi puoi costruirti tutte le teorie e favole del mondo per negare che sia così… ma contento tu…

  • Dario

    A me non risulta affatto. I problemi lamentati stavolta sono stati alla schiena e ha accennato a presunti problemi alla spalla (mah).

    Comunque sul resto concordo.. detesto tutte quelle schifezze, ormoni della crescite, sangue rigenerato e iniezioni varie. Nadal senza i progressi della medicina sarebbe già a casa da un pezzo, e inoltre secondo me dovrebbero essere resi illegali. Se un giocatore si infortuna o si opera o prova a recuperare nei tempi naturali, altrimenti fuori.. tutte queste accellerazioni curative sono veramente spregevoli, il proprio corpo non è una semplice macchina..

  • Leandro Paes

    attacchi in back? volées in tuffo? ma chi le fa più? neanche su erba si vedono… ormai, con gli attrezzi e le palline attuali è diventato un suicidio attaccare, perchè si viene passati puntualmente… neanche Federer gioca più a rete… ma tu sei davvero rimasto all’era di Mc? Più che dire che non ti piace djokovic dovresti dire che non ti piace nessun giocatore attuale… ma poi non capisco cosa ci sia nel gioco di nadal di meno monotono rispetto a quello di djokovic o del potro… almeno loro il punto se lo costruiscono, nadal il più delle volte fa il tergicristallo per tutto lo scambio e con un colpo eccezionale si porta infine a casa il punto…

    • City Hunter

      Niente non leggi proprio. Il discorso era relativo al commento di Premio Soderling che era contro Nadal reo di avere un tennis “muscolare” e io risposto che anche Djoko e Delpo ecc… non hanno questo gioco che sia una gran bellezza. Non ho dettp che il gioco di Nadal sia bello e meno monotono. Dato che in quasi tutti i tennisti moderni manca la fantasia.

  • darkness

    secondo turno.