Jo-Wilfried Tsonga: “Avere un figlio cambia alcune priorità”

Jo-Wilfried Tsonga diventerà padre, ma non perde di vista i suoi impegni sportivi

Jo-Wilfried Tsonga: “Avere un figlio cambia alcune priorità”

Jo-Wilfried Tsonga approda a Parigi entusiasta e motivato: atteggiamento positivo derivante dalla scorsa finale a Vienna, persa contro Andy Murray. Infatti il tennista francese non conquista un Masters dal 2010, anche a causa dell’infortunio al ginocchio e i vari ritiri al Roland Garros, agli US Open e Coppa Davis semifinale non aiutano il tennista a migliorare la sua posizione. Tuttavia l’orgoglio del francese non muore mai e si rimette in carreggiata proprio nei tornei di Shanghai, Vienna e comincia bene anche il Master 1000 di Parigi Bercy. “E’ stata una stagione ricca di eventi e difficile. A livello emotivo quest’anno è da dimenticare, perché non è stata una buona stagione. Ho dovuto rinunciare al Roland Garros, mi sono ritirato agli US Open, non ho giocato la Coppa Davis in semifinale quando l’umore del team è stato favoloso e non avevo mai sperimentato una Coppa Davis simile prima! Tutto ciò è stato molto frustrante per me”, ha dichiarato Tsonga, che parlando della sua possibile qualificazione alle Finals afferma: “Non ci penso affatto, perché non dipende solo da me. Nella mia testa, l’obiettivo è quello di dare il massimo nel  torneo di Parigi. Sto notando che tutti gli eventi sono importanti per me. Quando gioco in un torneo, voglio vincere”.

Tsonga ha grandi aspettative per il suo 2017, ma non solo dal punto di vista sportivo:Sarà un anno interessante, in ogni caso e spero di poter avere la migliore preparazione! E il 2017 sarà anche diverso perché Noura (la mia compagna) è incinta e diventerò papà. Sono molto orientato verso la famiglia e dovrò gestire il mio calendario e la mia stagione”. Questa notizia non costringerà Tsonga ad allontanarsi dai campi, anzi: Avere un figlio cambia alcune priorità. Si tratta di trasformare tutto questo in positivo. Sono quasi convinto che sarà qualcosa di molto positivo e che farà venire voglia di fare ancora meglio. Fare tornei e essere padre è di vitale importanza per me. Avere un figlio è qualcosa che ho sempre voluto”. Infatti il futuro papà Jo accoglie la notizia entusiasta e pensa che un figlio potrà portare ulteriori benefici alla sua carriera: “A volte il benessere passa attraverso una vittoria, ma anche attraverso notizie come questa”.

 

 

CATEGORIE
TAG
Condividi