Fed Cup, sospiro di sollievo Italia: contro Taiwan si gioca in casa

La federazione taiwanese fa un regalo alle azzurre di Garbin: la sfida da dentro o fuori del 22-23 aprile si disputerà in Italia. Scontata la scelta della superficie?

Fed Cup, sospiro di sollievo Italia: contro Taiwan si gioca in casa
Francesca Schiavone - Italia vs Slovacchia, Fed Cup 2017 (foto Fabrizio Maccani)

Proprio mentre il crollo in classifica di Errani, le titubanze di Roberta Vinci e il probabile addio di Francesca Schiavone stavano contornando la trasferta asiatica di pericoli extra è arrivata una notizia che rasserena gli animi in casa Italia. Lo spareggio del 22-23 aprile valido per rimanere all’interno del World Group della Fed Cup 2017 si disputerà entro i nostri confini e non più a Taiwan come inizialmente previsto. La federazione taiwanese ha chiesto e ottenuto – previa richiesta all’ITF e accettazione della federazione italiana – l’inversione di sede. Il regolamento prevede che in questo caso la nuova nazione ospitante si assuma gli oneri organizzativi e finanziari della sfida, con diritto di selezione della superficie. Molto probabile a questo punto la terra rossa, con concrete possibilità che si giochi all’aperto visto il favorevole periodo stagionale.

Si sgonfia quindi, almeno parzialmente, il pericolo-retrocessione. La nazionale asiatica – che può contare sulla n. 102 WTA Su-Wei Hsieh come punta di diamante – non andrà comunque sottovalutata, ma la possibilità di poter contare sul favore della superficie e sull’apporto del pubblico, oltre all’assenza delle problematiche di una lunga trasferta, conforta parecchio. La scelta della Chinese Taipei Tennis Association appare singolare ma non si tratta della prima volta. Tra i (rari) precedenti ne esiste uno che riguarda proprio l’Italia, nello specifico la squadra maschile. Nella Davis 2007 infatti gli azzurri – già guidati da Barazzutti – dovevano affrontare il Lussemburgo in trasferta ma anche in quel caso la nazionale ospitante chiese ed ottenne l’inversione di sede. La squadra di Gilles Muller però mantenne il diritto di scegliere la superficie, possibilità allora contemplata nel regolamento ma ad oggi non più presente. Si giocò infatti ad Alghero ma sul cemento scelto dai lussumburghesi. In quel caso gli azzurri portarono a casa il risultato con un netto 4-1: speriamo sia di buon auspicio.

 

CATEGORIE
TAG
Condividi
ARTICOLO PRECEDENTE