Mondo Challenger: Bublik al primo titolo, Janowicz continua l’ascesa

Primo titolo in carriera per il 19enne kazaco in Messico. A Bergamo Seppi delude e lascia strada libera all'ex top 15 polacco

Mondo Challenger: Bublik al primo titolo, Janowicz continua l’ascesa

Bergamo (€64 000 + H) – In Lombardia si è giocato il torneo con il montepremi più alto della settimana, con il numero 3 d’Italia Andreas Seppi al ritorno in un torneo del circuito minore partendo da favorito. L’altoatesino ha racimolato solo sei giochi contro il qualificato tedesco Yannick Hanfmann, aprendo la parte alta del tabellone al francese Quentin Halys. Il protagonista della settimana è stato l’ex top 15 polacco Jezry Janowicz, che ha onorato la wild card ricevuta dagli organizzatori, vincendo il torneo dopo aver perso un solo set. Nonostante i tanti italiani presenti in tabellone, solo il 21enne Matteo Berrettini è riuscito a raggiungere i quarti di finale, dove è stato sconfitto dopo una bella lotta dal kazaco Andrey Golubev.

Risultato finale:
[WC] J. Janowicz b. [7] Q. Halys 6-4 6-4

 

Morelos, Messico ($50 000 + H) – Il Morelos Open si è giocato sul sintetico all’aperto, con l’australiano Jordan Thompson, numero 63 ATP, partito da grande favorito, alla luce delle quasi cento posizioni di distacco con la seconda testa di serie, l’eclettico russo Teymuraz Gabashvili (161 ATP). A soli 19 anni e otto mesi, in Messico c’è stata l’affermazione del kazaco Alexander Bublik (tds numero 3), che ha conquistato il suo primo titolo Challenger. Bublik è anche il più giovane vincitore nel circuito del 2017: grazie a questa vittoria avanza di oltre settanta posizioni in classifica, entrando per la prima volta nei primo 140 del mondo.

Risultato finale:
[3] A. Bublik b. N. Jarry 7-6 (5) 6-4

Kyoto, Giappone ($50 000 + H) – Come a Bergamo, a Kyoto si giocava su un tappeto sintetico al coperto, in un tabellone guidato dal nipponico e detentore del titolo Yulchi Sugita (n. 115 ATP),  e dallo sloveno Grega Zemlja (152 ATP). Alla fine è stato un altro giocatore di casa a conquistare il titolo, Yasutaka Uchiyama, che ha deliziato il pubblico battendo in finale la testa di serie numero 6, lo sloveno Blaz Kavcic. Si tratta della seconda vittoria giapponese a Kyoto dopo quella di Sugita dello scorso anno. Settimana da ricordare per Uchiyama, che non giocava una finale Challenger dal luglio 2015.

Risultato finale:
Y. Uchiyama b. [6] B. Kavcic 6-3 6-4

 

CATEGORIE
TAG
Condividi