ATP Estoril: terzo titolo in carriera per Carreno Busta

Lo spagnolo vince il torneo portoghese battendo in due set il lussemburghese Gilles Muller e conquista il suo primo titolo sulla terra rossa alla seconda finale dell’anno

ATP Estoril: terzo titolo in carriera per Carreno Busta

[1] P. Carreno Busta b. [3] G. Muller 6-2 7-6(5)

Pablo Carreno Busta conquista il torneo ATP di Estoril aggiudicandosi il suo primo titolo sulla terra rossa. Lo spagnolo, numero 21 del ranking ATP, ha battuto, in due set, il lussemburghese Gilles Muller (n. 28 ATP) facendo prevalere la sua maggiore solidità da fondo: dopo aver dominato il primo set, infatti, è riuscito a vincere il secondo parziale al tie break contenendo i tentativi di rimonta di Muller. Sono un break e un contro break ad aprire la finale: Muller parte al servizio ma non riesce a mettere una prima in campo e soprattutto è impreciso con il dritto. Lo spagnolo ne approfitta e sale subito 1 a 0. Il match sembra essere in salita per il lussemburghese ma, nel game di risposta, Muller è efficace con il dritto, accorcia gli scambi e chiude i punti a rete. Questo gli permette di rimettere in parità l’incontro e di portarsi sul 2 a 1 grazie ad un game di battuta tenuto ai vantaggi. Carreno Busta, però, risponde approfittando degli errori del lussemburghese che al servizio non è continuo: il terzo break del match parla spagnolo e, infatti, Carreno sale 3 giochi a 2 e servizio. Il numero 21 ATP non ha problemi nel turno di battuta e soprattutto riesce a trovare continuità da fondo trovando angoli difficili con il rovescio. Se lo spagnolo sbaglia poco o nulla Muller, dal canto suo, appare scarico e poco reattivo e questo non fa altro che aumentare il numero degli errori forzati. Il lussemburghese è in difficoltà al servizio e Carreno Busta sale 5 a 2 e ha la possibilità, dopo trenta minuti di gioco, di chiudere il primo parziale. Il numero 21 del mondo non si fa sfuggire l’occasione e dopo essersi procurato due set point con un errore di dritto di Muller conquista il primo parziale per 6 game a 2.

 

Il secondo set, invece, parte senza alcun break: Muller appare più sciolto, lascia andare di più i colpi e soprattutto trova delle buone aperture di campo con il dritto che gli danno la possibilità di chiudere subito i punti a rete. Il match sale di livello con Carreno Busta che trova profondità e si dimostra continuo e solido da fondo mentre il numero 28 ATP gioca dei bellissimi punti al volo. Non ci sono break e i due giocatori riescono a tenere agevolmente i propri turni di servizio fino al settimo game quando il lussemburghese è costretto ad annullare una pericolosa palla break conquistata dallo spagnolo dopo due bellissimi passanti di rovescio. È il numero 28 del ranking ATP a condurre per 5 giochi a 4 e con Carreno Busta che si trova costretto a servire per salvare il set. Lo spagnolo tiene il servizio nonostante un tentativo di recupero nel punteggio da parte di Muller che dal 40-15 sale fino al 40 pari senza, però, concretizzare le occasioni.

Entrambi continuano a concedere poco o nulla al servizio e il match viene deciso dal tie break. Proprio nel tie break è la solidità di Carreno Busta a fare la differenza, mentre Mullere commette dei gratuiti nel momento decisivo dell’incontro. Lo spagnolo parte in vantaggio e si porta fino al 5 a 2; Muller, però, non molla, riporta in parità il tie break ma un errore di dritto su un cattivo rimbalzo prima e una volée in allungo mandata fuori campo regalano il titolo allo spagnolo che chiude per 7 giochi a 5.

Un ottimo torneo per Pablo Carreno Busta che conquista così il primo titolo sulla terra rossa, il terzo in carriera, alla seconda finale dell’anno dopo quella giocata e persa a Rio de Janeiro con Dominic Thiem e da domani confermerà la posizione numero 21 nel ranking. Per Muller, invece, si tratta della sesta finale persa in carriera dopo aver conquistato il primo titolo quest’anno a Sydney; in ogni caso, si tratta di un buon risultato che lo porterà fino alla posizione numero 26 ATP della classifica: è il suo best ranking.

CATEGORIE
TAG
Condividi