Mary Pierce: “Nadal può raggiungere Federer” [AUDIO]

PARIGI – Mary Pierce a Ubitennis: “Rafa Nadal al Roland Garros è quasi imbattibile. Novak Djokovic può tornare se…”

Mary Pierce: “Nadal può raggiungere Federer” [AUDIO]

Nell’esclusiva Players Lounge, dove festeggiano e si abbracciano allenatori, fisioterapisti e vari addetti ai lavori e i giornalisti aspettano con pazienza certosina (e intenzioni prevaricatorie verso i colleghi…), incontriamo Mary Pierce, campionessa a Porte d’Auteuil nel 2000 (e anche agli Australian Open nel 1995), molto cortese e disponibile a scambiare quattro parole con noi di Ubitennis.

Ti aspettavi che Rafa potesse vincere per la decima volta al Roland Garros dopo il difficile 2015 e il ritiro dell’anno scorso proprio qui?
Beh, quando è in forma Rafa qui a Parigi è quasi imbattibile. Credo sia il miglior Rafa che abbiamo visto. Ha una rapidità spaventosa, colpisce la palla più forte di prima. Ha vinto tutti i suoi match facilmente… quindi in definitiva sì, me l’aspettavo, o meglio: non sono sorpresa che abbia portato a casa ancora una volta la Coppa dei Moschettieri.

 

Perché pensi che Stan abbia giocato male?
Ha cominciato male, con molti errori e contro Rafa se parti così diventa dura, poi ha sbagliato molte prime e questo spiega molto della sua sconfitta. Ero convinta che Rafa vincesse in quattro set invece la sua vittoria non è mai stata in discussione. Dal secondo set in poi Wawrinka sembrava già battuto, appariva sfiduciato.

Anche Thiem ha sofferto molto contro Rafa, giocando male dopo un grande torneo. Perché secondo te non si è espresso bene con Nadal?
Thiem ha battuto Rafa di recente (a Roma, ndA), ma quando giochi qui, in uno Slam, è tutto diverso. Il prestigio, l’atmosfera, il torneo lungo due settimane… alla fine in quel match Rafa ha giocato molto meglio e l’ha battuto.

A questo punto, Nadal ha in bacheca 15 Slam, cioè 3 in meno di quelli di Federer. Pensi sia possibile che lo raggiunga?
Rafa ha 31 anni, ora è molto in forma… se resta in forma e continua ad avere fame di vittorie penso che possa farcela. Credo sia per lui sia più facile vincere a Wimbledon piuttosto che sul duro in Australia o sul cemento degli US Open, perché le sue ginocchia soffrono di più su quelle superfici. Certo, a Wimbledon ci sarà anche lo stesso Roger, che non era qui proprio per essere al top a Church Road. Sarà dura per entrambi, staremo a vedere.

Sei riuscita a farti un’opinione su quello che sta succedendo a Novak Djokovic? Pensi potrà tornare ai suoi livelli?
È molto difficile capire cosa stia succedendo a Nole. Dopo la vittoria qui l’anno scorso non è stato più lo stesso. Ha perso il suo mojo (la sua capacità di vincere, ndA). Ho sentito che non si è allenato al massimo come faceva prima: non puoi competere coi migliori se non ti alleni costantemente ogni giorno. Fisicamente si è indebolito, ma è anche un problema mentale, di fiducia. Ha cambiato completamente il suo staff. Penso che con Agassi sta provando a trovare una soluzione. Credo sia ancora in tempo per tornare se se continua a lavorare duro.

CATEGORIE
TAG
Condividi