ATP ‘s-Hertogenbosch: prima su erba, passa Seppi

All'esordio sui prati olandesi, Andreas lascia un set al giapponese Ito. L'azzurro chiude 6-3 al terzo. Ottavi contro Muller

ATP ‘s-Hertogenbosch: prima su erba, passa Seppi
Andreas Seppi - Halle 2016 (foto di Roberto Dell'Olivo)

Archiviata la non brillante stagione sul rosso conclusa con la sconfitta al secondo turno del Roland Garros contro Fognini, Seppi fa suo il match d’esordio sull’erba di Den Bosch e lo fa battendo dopo un’ora e cinquanta minuti il nipponico Tatsuma Ito, numero 174 ATP proveniente dalle qualificazioni. Tra i due un solo precedente datato 2012 a Mosca dove fu il nostro giocatore a prevalere. Andreas parte contratto, cede la battuta in apertura e si ritrova 3 a 1 sotto. Il tennista italiano però non si scompone, nel sesto game risale da 40-0 andando a cogliere il break che lo rimette in carreggiata, per poi allungare nell’ottavo gioco trovando un altro break grazie ad un dritto vincente in contropiede. Seppi serve per far suo il primo set e lo fa chiudendo al primo set point con un rovescio lungolinea vincente che fissa il risultato sul 6-3. Nel secondo parziale i due giocatori tengono il proprio servizio senza scossoni fino al 4-3 in favore del giapponese, quando Seppi ha un passaggio a vuoto e perde la battuta. L’azzurro ha l’occasione per rientrare nel set, Ito però bravo ad annullarla e a chiudere 6-3 al secondo set point trascinando la contesa al terzo. Andreas rischia nel terzo game, con il giapponese che arriva a palla break. Da qui l’azzurro trova però la forza per difendere la sua battuta, cogliere un break che lo porta a condurre fino al 4 a 1, per poi difenderlo fino all’ace finale che sancisce la vittoria al terzo per 6-3. Luci e ombre in questo esordio sull’erba per il nostro connazionale, che al prossimo turno affronterà Gilles Muller (Andreas conduce 3-2 nei precedenti ma il lussemburghese ha vinto gli ultimi due e non si sono mai affrontati su erba).

Dopo le defezioni importanti di Goffin e del Potro, avvenute prima dell’inizio del torneo, a inaugurare il tennis giocato di questa ventottesima edizione in campo maschile sono Aljax Bedene, tds 8, opposto a Denis Istomin, numero 74 ATP. Tra i due ci sono due precedenti con Istomin vincitore in entrambe le circostanze. Il primo set sembra ricalcare l’andamento degli incroci vinti dall’uzbeco, grazie al break conquistato nell’ottavo game che porta Istomin a servire il set e ad aggiudicarselo con il punteggio di 6-3. Nel secondo parziale si arriva in equilibrio fino al 2 a 2, ma da questo momento Bedene, finalista recentemente a Budapest, gira completamente il match vincendo 10 dei successivi 11 giochi, che lo portano a superare il turno con due perentorie partite vinte per 6-2 e 6-1, accedendo al turno successivo dopo un’ora e venti minuti. Continua la sua striscia di vittorie Nicolas Mahut, numero 7 del seeding, che con i suoi tre trionfi è al comando dell’albo d’oro (insieme a un certo Pat Rafter). Dicevamo della sua striscia aperta, poiché il francese è il vincitore delle ultime due edizioni (più il trionfo colto nel 2013) e inizia il suo torneo vincendo contro l’americano Dennis Novikov, numero 172 della classifica e anche lui proveniente dalle qualificazioni. È un match in cui si impone grazie al suo servizio sempre efficace, dove solo una volta si trova ad annullare nell’ultimo game del confronto alcune chance di break al suo avversario. Mahut passa il turno conquistando entrambi i parziali grazie a un break, fissando il risultato sul 6-3 6-4 in un’ora e dieci minuti, iniziando così la difesa del titolo conquistato dodici mesi fa.

 

Ultimo match di giornata vede la vittoria di Vasek Pospisil, numero 83 ATP e al tabellone principale dopo aver superato le qualificazioni, contro la wild card olandese Tallon Griekspoor, numero 282 delle classifiche. Il giocatore canadese, recentemente rientrato nei primi cento al mondo grazie alla vittoria di un challenger in Corea del Sudha deciso di saltare le qualificazioni del Roland Garros per prepararsi al meglio per la stagione su erba. Pospisil inizia male cedendo il proprio servizio, ma recupera lo svantaggio per poi andare a vincere il parziale nel dodicesimo game grazie ad uno scambio spettacolare dove, seppur scivolando, riesce a ritrovare gli appoggi per sfoderare il passante che gli vale per 7-5. La seconda partita Pospisil la fa sua con un categorico 6-1 che lo qualifica al turno successivo dopo un’ora e diciotto minuti.

Risultati:

A. Seppi b. [Q] T. Ito 6-3 3-6 6-3
[8] A. Bedene b. D. Istomin 3-6 6-2 6-1
[7] N. Mahut b. [Q] D. Novikov 6-3 6-4
[Q] V. Pospisil b. [WC] T. Griekspoor 7-5 6-1

Michele Trabace

CATEGORIE
TAG
Condividi