Murray verso Wimbledon: tenerezze paterne e Peppa Pig

Il n.1 del mondo racconta la sua sconfitta al Queen's e le sue aspettative per Wimbledon. E confessa: "Spero di riuscire a vedere un po' di Peppa Pig con Sophia"

Murray verso Wimbledon: tenerezze paterne e Peppa Pig
Andy Murray ha celebrato così l'Olympic Day sul suo profilo Instagram

Senza palesare il classico piglio autoritario da numero 1, Andy Murray non mette comunque in dubbio le sue possibilità a Wimbledon. L’inattesa sconfitta del Queen’s contro Thompson è stata incassata con usuale compostezza e nelle sue intenzioni non lascerà alcuno strascico in vista del torneo principe della stagione su erba. Banalmente, “perdere al primo turno al Queen’s Club non significa che io non possa fare bene a Wimbledon. Significa soltanto che c’è molto lavoro da fare“. Così ha aperto una lunga serie di dichiarazioni per la BBC.

Per la battuta d’arresto nella Londra “minore” lo scozzese non cerca scusanti. “Sapevo prima del torneo che avrei dovuto alzare il livello per competere, certamente mi aspettavo di più da me stesso. Ma non sono l’unico giocatore ad essere stato sorpreso sull’erba. Federer ha perso al’esordio a Stoccarda, Wawrinka e Raonic hanno perso con me al Queen’s. L’erba è una superficie molto diversa e richiede degli adattamenti; io ho avuto tutto il tempo per allenarmi nella settimana precedenti, quindi non ci sono scuse. Anche se a volte le condizioni di gioco al Queen’s possono essere più veloci del normale a seconda delle temperature, con il caldo i campi diventano più secchi e veloci. Ma ripeto, ho abbastanza esperienza per gestire questa cosa“.

 

A volte si tratta di episodi, combinazioni. In uno sport individuale può succedere” ha chiosato la scozzese, che poi si è addentrato anche in alcuni dettagli della sconfitta subita contro l’australian Thompson, lucky loser che aveva sostituito Aljaz Bedene. “Ho scoperto che dovevo giocare contro di lui poche ore prima della partita. Negli Slam di solito parlo con il mio team del prossimo incontro già la sera precedente, mentre negli altri tornei, quando giochi tutti i giorni, scambiamo parole o messaggi un’ora-un’ora e mezza prima della partita. Non è successo martedì: lui ha servito benissimo, io non ho risposto abbastanza bene, e non sono stato perfetto nella scelta dei colpi e nei movimenti“.

Wimbledon, nel frattempo, incombe. “Ci sarà qualche piccolo cambio di programma e ogni giorno sarà estremamente importante perché non ho molte partite sull’erba alle spalle. Ho bisogno di mettere nelle gambe 10-12 giorni di duro lavoro. Meno partite significa più allenamento, quindi la mia vita familiare durante la preparazione per Wimbledon non cambierà molto“.

Qui si apre una parentesi sulla piccola Sophia: “Lei dorme spesso dalle sei e mezza del pomeriggio e la maggior parte dei giorni io esco presto per allenarmi, quindi non torno che molto tardi. Sono contento che lei dorma di sera, è una cosa positiva, ma questo significa che non posso passare molto tempo con lei quando è sveglia“. Andy manifesta un genuino dispiacere per questa piccola “disavventura” familiare, perfettamente calato nella tenerezza paterna. “Mi auguro che avremo la possibilità di guardare un po’ di Peppa Pig insieme“. Magari dopo aver portato a casa il terzo Wimbledon della carriera?

CATEGORIE
TAG
Condividi