Jack Sock attacca il torneo di Washington: “Non tornerò mai più”

Il tennista statunitense si scaglia contro gli organizzatori del torneo, rei a suo dire di aver preparato male i campi: "Troppo veloci e pieni di buche"

Jack Sock attacca il torneo di Washington: “Non tornerò mai più”

Non ha digerito molto bene Jack Sock la sconfitta subita nella semifinale del CitiOpen 2017 contro il sudafricano Kevin Anderson. Il tennista di Lincoln ha attaccato duramente gli organizzatori del torneo di Washington, con la velata accusa di essere in qualche modo responsabili della sua sconfitta. “Probabilmente il campo peggiore del tour, ha commentato Sock dopo il 6-3 6-4 rifilatogli da Kevin Anderson. “Campi velocissimi, buche, un po’ di tutto. È una cosa scioccante. Non credo proprio che tornerò a giocare questo torneo in futuro”.

A parziale conferma di quello che afferma Jack Sock, vi sono i dati al servizio del suo avversario Kevin Anderson. Il tennista sudafricano infatti in semifinale ha messo a segno 12 aces ed ottenuto il 73% di punti con la prima, mentre nelle due partite precedenti aveva tirato 21 aces con una percentuale di punti vinti con la prima che aveva sempre superato quota 80%. Certo i numeri non sono del tutto esaustivi, visto che in entrambe le partite ha dovuto ricorrere al terzo set, ma non si può escludere a priori una correlazione tra le due cose.

 

CATEGORIE
TAG
Condividi