US Open donne: una poltrona per otto

L'incredibile imprevedibilità della stagione 2017 del tennis femminile dà la possibilità teorica a otto giocatrici di essere N.1 del mondo dopo lo Slam americano

US Open donne: una poltrona per otto

Ubichallenge by AOW. Vuoi vincere con noi? Partecipa al concorso

Durante questo mese abbiamo sentito spesso parlare del possibile duello tra Rafael Nadal e Roger Federer per il N.1 della classifica mondiale, duello saltato a Cincinnati ma che pare inevitabile in questo US Open 2017. Eppure la situazione della classifica WTA è ancora se possibile più elettrizzante grazie a una situazione inedita per un torneo del Grande Slam: otto giocatrici in grado di contendersi il trono mondiale nella classifica di lunedì 11 settembre.

 

La N.1 del seeding è Karolina Pliskova che ha mantenuto la leadership mondiale per appena 5  punti su Simona Halep dopo il Premier 5 di Cincinnati in cui la rumena ha perso nettamente in finale da Garbine Muguruza.

Proprio per questo Pliskova è solamente la quarta più probabile N.1 al termine del torneo, perché sono in scadenza i 1300 punti conquistati lo scorso anno a New York raggiungendo la finale (poi persa contro Angelique Kerber). Muguruza invece un anno fa non è andata oltre il secondo turno a Flushing Meadows (che resta il suo massimo risultato allo US Open) e quindi lascia sul tavolo solamente 70 punti.

Discorso simile per Elina Svitolina, protagonista di una stagione straordinaria a livello di Premier 5 ma meno negli Slam. L’ucraina si è fermata al terzo turno lo scorso anno e un grande torneo in queste due settimane la porterebbe certamente almeno vicino alla vetta. Dopo Pliskova che dovrebbe quantomeno confermare la finale dello scorso anno per avere chance di restare al N.1, abbiamo altre quattro giocatrici che vincendo il torneo possono sperare con l’aiuto di una combinazione di risultati di salire al trono.

Può sembrare una forzatura, ma tra queste quattro giocatrici ci sono due ex campionesse di questo torneo, Venus Williams e Svetlana Kuznetsova. Insieme a loro anche la due volte finalista Caroline Wozniacki, che punta a spezzare la maledizione che l’ha vista perdere sei finali su sei nel 2017 di cui quattro a livello Premier Mandatory/5.

La meno blasonata del gruppo è probabilmente Johanna Konta che comunque inizia il torneo davanti alla coppia Kuznetsova/Williams nella classifica virtuale al netto dei punti in scadenza di 12 mesi fa.

Ciò che rende il tutto ancora più interessante è il fatto che Halep e Muguruza, le più papabili del lotto, sono finite dalla stessa parte del tabellone (esattamente come Nadal e Federer) e la rumena ha pescato Maria Sharapova per il primo turno più atteso del torneo (uomini compresi). Una eventuale prematura eliminazione di Halep rimetterebbe in gioco anche le quattro giocatrici più distanti considerando che nemmeno Muguruza può dire di avere un tabellone semplice, a maggior ragione considerate le sue passate esibizioni nella Grande Mela. Il primo turno contro Varvara Lepchenko è già da prendere con le molle e sulla sua strada potrebbe trovare giocatrici come Rybarikova, Giorgi, Garcia o Kvitova ancora prima dei quarti di finale.

Insomma fare pronostici è molto difficile anche se i bookmakers non possono che dare i favori del pronostico alla straripante Muguruza vista sia a Wimbledon che a Cincinnati. Ma abbiamo imparato ormai che ogni torneo del circuito femminile di questo pazzo 2017 è aperto a qualsiasi ipotesi o scenario. Cercare di indovinarlo è impresa da fini intenditori con quel pizzico di fortuna che non guasta mai.

E secondo voi dunque, da chi sarà occupata l’ambita poltrona tra 15 giorni?

CATEGORIE
TAG
Condividi