US Open: Sharapova torna a ruggire, Halep eliminata in tre set

Vittoria di carattere per Masha, nel primo turno più atteso. Non batteva una top 10 da quasi due anni. Halep rimanda ancora l'appuntamento con il numero 1

US Open: Sharapova torna a ruggire, Halep eliminata in tre set
photo credits https://twitter.com/WTA

da New York, il nostro inviato

[WC] M. Sharapova b. [2] S. Halep 6-4 4-6 6-3

 

Al termine della bella cerimonia di inaugurazione del torneo, e di celebrazione del ventennale dell’Arthur Ashe Stadium, con il concerto di Shania Twain, va in scena sul centrale di Flushing Meadows il piatto forte della prima giornata, il match tra la russa Maria Sharapova (30 anni, 146 WTA) e la rumena Simona Halep (25 anni, 2 WTA). I precedenti sono 6-0 per Masha, che però sta faticando in questo suo rientro alle competizioni dopo la squalifica, mentre Simona è nel pieno della sua rincorsa al numero uno mondiale, traguardo già sfiorato in questa stagione. Non corre buon sangue tra le due, gli ingredienti per una serata drammatica – sportivamente parlando – ci sono tutti.

Parte subito fortissimo Sharapova, spingendo al massimo tutti i colpi, e mettendo a segno molti vincenti, soprattutto con il dritto. Simona reagisce difendendosi bene, ma viene messa in difficoltà un paio di volte da palle corte molto ben giocate, una novità nel repertorio della russa, evidentemente studiato insieme al coach Sven Groeneveld. Ma a fronte dei numerosi winner, Masha commette anche diversi errori, mentre Halep è molto più regolare e si muove come sempre benissimo, senza rinunciare al contrattacco appena possibile. Il terzo game è lottato, ben 14 punti, Simona arriva a palla break, ma viene fulminata dal dritto di Sharapova, che dopo altre tre parità sale 2-1. A ogni punto, entrambe si auto-incitano ad alta voce, si percepisce la tensione nervosa in campo, gli spettatori partecipano con entusiasmo. Nel game successivo, ancora più lottato (16 punti) è Halep a farsi trascinare ai vantaggi, a sprecare un’opportunità del 2-2, concedendo poi quattro palle break, l’ultima delle quali viene convertita dall’ennesimo drittone della russa, 3-1. Simona è bravissima ad approfittare di un paio di errori con il rovescio dell’avversaria, annullare una palla del 4-1, e affondare con il dritto trovando l’immediato controbreak, 3-2. Sharapova non fa una piega, riprende il bombardamento, sale 0-40, e alla terza occasione si riprende anche il break di vantaggio, 4-2, ma un’altro rovescio fallito e un doppio fallo le costano subito due palle break, Halep pressa bene con la risposta e accorcia nuovamente, 4-3. Di nuovo in difficoltà al servizio la rumena nell’ottavo game, ormai le palle break sono praticamente una costante in ogni turno di battuta di entrambe, Simona ne annulla una prima di tenere per il 4-4. Che lotta, tanti bei colpi, così come gli errori, ma in una guerra di nervi simile ci sta, e lo spettacolo è senz’altro avvincente. Simpatico il contrasto sia stilistico che cromatico tra i vestitini delle due, il nero con inserti velati e brillantini di strass di Sharapova (Nike), e il bianco a quadrati colorati stile vintage anni ’70 di Halep (Adidas).

Per una volta senza problemi, a suon di botte da fondo, Masha tiene il servizio, e sale 5-4. Nel decimo game, sono fatali a Simona due palle del 5-5 che la russa le cancella con altrettanti vincenti, un successivo doppio fallo che le costa il set point, e il gran dritto in risposta che sancisce il 6-4 per la russa. I numeri che meglio descrivono questo primo set sono i 28 vincenti (25 errori) di Sharapova, a fronte dei soli 6 vincenti (7 errori) di Halep. 5 break su 10 game giocati, ma chi ha fatto la partita è chiaro, gran prestazione di Masha finora. La vicenda non cambia all’inizio del secondo parziale, un gran game di servizio tenuto a 15 da Masha con due ace, e poi è di nuovo battaglia sulla battuta di Simona, che ha bisogno di 10 punti (e di annullare la decima e l’undicesima palla break) per pareggiare 1-1. Bravissima in ogni caso la rumena a non disunirsi e a rimanere in partita, non è facile davanti all’autentica belva che sta affrontando stasera, si vede bene che Sharapova è al massimo di quello che il suo tennis e il suo fisico le consentono attualmente. Il pubblico apprezza in modo rumoroso, e a vedere i cenni d’intesa che le manda dall’angolo, è soddisfatto dell’impegno della sua giocatrice anche il coach di Simona, Darren Cahill, che per stimolarla a migliorare l’attitudine vincente era arrivato a “mollarla” temporaneamente tra i tornei di Miami e di Madrid questa primavera.

Nel frattempo, però, Masha tiene senza grosse difficoltà un altro turno di battuta, sale 2-1, e va 15-40 e due palle break a favore nel game successivo: con il ventunesimo vincente di dritto (ben 35 totali in questo momento) trasforma la prima, 3-1 per lei, Sharapova davvero a un livello notevole, che non vedevamo da molto tempo. L’unico colpo che la tradisce un po’ troppe volte è il rovescio, come quello che nel game successivo le costa una palla del controbreak, ma un ace e il super dritto di stasera le risolvono il problema, dandole un 4-1 che sa molto di allungo definitivo. Halep giustamente non ci sta, annulla una palla break per il 5-1 (errore di dritto Sharapova) che era praticamente un match point, lottando di cuore e coraggio accorcia 4-2, e approfittando del primo vero passaggio a vuoto dell’avversaria (tre gratuiti consecutivi), le strappa il servizio a zero riaprendo il match, 4-3. Esemplare Simona, anche quando la pressione a tutto braccio di Masha riprende subito, ne escono due ennesime palle break, e lei le annulla respingendo le accelerazioni dell’avversaria con ottime difese, siamo 4-4. Stanno aumentando gli errori di Sharapova adesso, sono 45 nel match, le costano due palle break non consecutive nel nono game, e con un terribile doppio fallo si completa il sorpasso di Halep, che va a servire per portare il match al terzo set sul 5-4. Masha reagisce di rabbia ai 4 game consecutivi persi, si conquista il 15-40 e due palle break, le fallisce entrambe, se ne prende una terza, sbaglia anche questa, ne arrivano una quarta e una quinta che hanno lo stesso esito (siamo alla classica sequenza vincente-errore, fa tutto lei), e poi l’ace di Halep vale il primo set point. Il dritto lungo in risposta di Sharapova, che significa 6-4 e terzo set, è l’errore numero 52 della russa: giusto così, come succede anche alla nostra Camila Giorgi in certe giornate, se si spara tutto può capitare di esagerare e andare sotto. Allo stesso modo, il dato di 16 palle break non trasformate su 20 avute è veramente una brutta statistica.

Masha, comunque, non è certo tipa da pensarci su troppo, va al servizio, piazza un parziale di 13 punti a 6 con break al secondo game (quinto su 22 opportunità), sale 3-0 nel set decisivo, e poi 4-1. Stessa situazione del secondo set, vediamo come va stavolta. Simona tiene il servizio per una volta senza problemi, 2-4, lo fa anche Sharapova (con ace di seconda), e siamo 5-2, ogni palla ora pesa moltissimo. Halep, tenendo a 30, accorcia sul 5-3, il match rimane bello a sprazzi, la russa tira, la rumena contrattacca, molti vincenti, molti errori. Alla battuta per chiudere la partita, in un game in cui le due si scambiano un paio di gran vincenti di rovescio, Masha si trova 30-40, ma Simona fallisce l’opportunità tirando in rete un dritto non impossibile. Il terzo super vincente della russa le dà il primo match point, e l’errore in lunghezza di Halep la manda in ginocchio per la gioia, con le lacrime agli occhi. Che battaglia, brave entrambe, bel test anche fisico per Masha (2 ore e 44 minuti di pallate). In 18 match giocati in notturna qui agli US Open, Sharapova non ha mai perso. 60 vincenti, 64 errori, tanto carattere e nervi d’acciaio: bentornata, tigre siberiana.

US Open: Konta subito fuori! Venus in tre, bene Kvitova e Muguruza

US Open: la prima di Fabbiano, bene Lorenzi. Vinci, sconfitta che sa di resa [AUDIO]

US Open: Zverev passa nella notte, Shapovalov incanta. Avanti Cilic

CATEGORIE
TAG
Condividi