Kerber: “Tornerò più forte di prima, io non mollo”

US Open, le parole di Angelique dopo la sconfitta al primo turno contro Osaka: "Non era la mia giornata. Devo dimenticare questo match e guardare avanti"

Kerber: “Tornerò più forte di prima, io non mollo”

Ovviamente c’è delusione. A cosa pensi sia dovuta questa sconfitta?
Direi che oggi non era assolutamente la mia giornata. Posso dire che in questi ultimi giorni mi sono allenata molto, ma ovviamente le partite sono sempre diverse rispetto all’allenamento. Sono molto triste.

Pensavi di poter fare molta strada qui? Anche se non hai ottenuto molti risultati quest’anno, sentivi che avresti potuto far bene in questo torneo?
Non stavo guardando troppo oltre, stavo solo cercando di pensare un match alla volta. Come ho detto, ho lavorato molto negli ultimi giorni, ma oggi non era proprio la mia giornata.

 

Quali erano i tuoi pensieri in campo, quando stavi cercando di recuperare e vedevi che le cose non stavano andando come previsto? Eri frustrata, triste, arrabbiata?
Ho pensato fino alla fine di poter far girare la partita, ci sono riuscita molte volte. Lei ha giocato bene, soprattutto verso la fine della partita. Io ho provato a sfruttare le occasioni, ma lei ha giocato meglio e ha trasformato le occasioni che ha avuto. Per quanto mi riguarda, sicuramente non è stata né la mia miglior giornata né la mia miglior partita.

So che forse non è il momento migliore per chiedertelo, ma la stagione degli Slam è finita e non è andata come ti aspettavi. Cosa non ha funzionato secondo te?
Non so, ho appena finito di giocare. Chiaramente quest’anno non è come quello passato, non ho giocato bene come lo scorso anno; lo scorso anno ho giocato meno partite. So che posso giocare meglio di così e so che mi sono allenata molto bene, ma a volte possono capitare queste giornate, fa parte dello sport.

Naomi ha solo 19 anni. Quale può essere, secondo te, il suo potenziale?
Sicuramente oggi ha giocato molto bene, e ha giocato bene anche negli ultimi mesi. Staremo a vedere. È giovane, ha un buon futuro.

C’è qualcosa nel tuo gioco che credi vada migliorato rispetto allo scorso anno e qual è la differenza maggiore rispetto a dodici mesi fa?
Sicuramente ho giocato di più rispetto allo scorso anno. So che devo migliorare alcune cose, specialmente servizio e risposta. Non c’è molto altro da migliorare, alcune cose migliorano giocando buone partite. Rispetto allo scorso anno sono la stessa giocatrice e la stessa persona. Lo scorso anno ho giocato bene dall’inizio della stagione, mentre quest’anno ho avuto più difficoltà. Alla fine, so che sono forte e so che tornerò ancora più forte, di questo sono sicura. Io non mollo. Cercherò di dimenticare questa partita prima possibile e guardare avanti.

Raggiungere il n. 1 è difficile. Perché è più difficile rimanere al vertice?
Perché è una situazione nuova. Negli anni cerchi di raggiungere questo obiettivo, ma quando ci arrivi non sai bene cosa aspettarti. Devi abituarti a molte cose, programmare in modo diverso le tue giornate e questo rende più difficile il rimanere al top.

In che modo l’attenzione dei media, soprattutto quelli tedeschi, o degli sponsors nell’ultimo anno ha cambiato i tuoi obiettivi o la tua programmazione?
Cerco di non dare troppa importanza a queste cose; provo a concentrarmi su me stessa, il mio team e le persone che ho vicino. Loro mi conoscono, sanno come mi sento e quali sono i nostri obiettivi. Ovviamente si è tutto ingigantito rispetto a un paio di anni fa, ma fa parte del gioco. Da parte mia, cerco solo di non prestarci troppa attenzione.

CATEGORIE
TAG
Condividi