NADO Italia fa ricorso al TAS: squalifica Errani insufficiente

Non era mai successo prima d'ora che un'agenzia nazionale antidoping appellasse il tribunale indipendente ITF per chiedere l'inasprimento di una squalifica

NADO Italia fa ricorso al TAS: squalifica Errani insufficiente

La mia opinione sul caso Sara Errani. I punti più deboli e quelli più forti (Scanagatta)

Errani: “Insultata e presa in giro. Continuerò a giocare” [AUDIO]

 

La Nado Italia sta formalizzando il ricorso che presenterà al Tribunale arbitrale dello Sport di Losanna contro la squalifica di due mesi comminata dall’ITF a Sara Errani per la positività al letrozolo. L’organizzazione nazionale antidoping, struttura autonoma rispetto all’organigramma del CONI e del tutto dipendente dalla WADA (agenzia mondiale antidoping), ha reputato oltremodo morbida la sospensione imposta dal tribunale indipendente dell’ITF all’azzurra e riproporrà nuovamente il caso al TAS di Losanna. Da quanto di evince dall’articolo firmato da Gaia Piccardi e Marco Bonarrigo sul Corsera, l’udienza verrà messa in calendario dai tre ai sei mesi non appena ricevuta la richiesta di appello.

La decisione della NADO non sorprende: un anno fa la prima sezione del TNA, il tribunale nazionale istituito da CONI, aveva condannato a 4 anni di stop il canottiere Niccolò Mornati (poi ridotti a 2), positivo all’anastrozolo, sostanza che la WADA associa in tutto e per tutto al letrozolo, ascrivendola al rango degli inibitori dell’aromatasi (categoria S4.1). Una squalifica dodici volte superiore a quella della tennista bolognese, che la NADO ha ritenuto inaccettabile.

Ora Sara dovrà nuovamente presentarsi al TAS, probabilmente nei primi mesi del 2018, e dimostrare un’altra volta ancora che l’assunzione del farmaco sia stata effettivamente involontaria, che si è trattato quindi di accidentale ingestione del FEMARA, farmaco antitumorale che Fulvia Errani, la madre, ha raccontato di assumere dal 2012, allegando una documentazione medica, per scongiurare una recidiva tumorale.

CATEGORIE
TAG
Condividi