US Open, preview day 4: Federer e Nadal, tocca giocare meglio

Parte alta del tabellone maschile di lusso: le prime due teste di serie rimaste in gara. Ma tanti altri nomi importanti. Tra gli italiani il solo Travaglia

US Open, preview day 4: Federer e Nadal, tocca giocare meglio

Dopo la grande abbuffata di tennis della giornata di ieri, oggi potremo assistere ad un numero inferiore di match, ma scenderanno in campo i due che si portano dietro il maggior numero di fan: Federer e Nadal. Oltre a loro ci saranno, tra gli altri, Thiem, Dimitrov, del Potro, Berdych e Goffin, tutti tennisti che sono scesi in campo anche ieri per il loro secondo turno.

Il torneo maschile

 

[3] R. Federer vs M. Youzhny (Federer 16-0)

Dopo l’ostica vittoria al quinto set contro il giovane Tiafoe, Federer affronta il veterano russo Youzhny, 35 anni, che nello Slam americano ha brillato in passato raggiungendo due volte le semifinali (2006 e 2010). Tuttavia contro lo svizzero, Mikhail ha vinto solo 4 set in 16 precedenti e Roger è alla ricerca dell’ottantesima vittoria agli US Open che lo porterebbe alla seconda posizione in questa classifica, staccandosi da Agassi (in testa con 98 successi c’è Connors). Quest’anno Youzhny non ha ben figurato e come miglior risultato ha un quarto di finale a Chennai, mentre spiccano le sei sconfitte consecutive precedenti a Wimbledon. Prima di questo Slam ha perso al primo turno sia a Montreal che a Cincinnati.

[1] R. Nadal vs T. Daniel (incontro inedito)

Come piatto forte della serata sull’Arthur Ashe Stadium, troviamo Nadal opposto per la prima volta a Taro Daniel, esponente del tennis giapponese in grande crescita. Il numero 121 del mondo non ha mai battuto un top 10 in carriera nei 3 tentativi precedenti e proprio in questa edizione degli US Open ha trovato la sua prima vittoria a New York, sua città natale. Lo spagnolo ha vinto 50 match in stagione ma non sembra intenzionato a fermarsi ed è difficile pensare che Daniel possa costituire un grosso pericolo.

A. Rublev vs [7] G. Dimitrov (incontro inedito)

Sul Louis Armstrong Stadium va in scena un derby est-europeo con l’ex baby prodigio Dimitrov opposto al promettente russo Rublev. Il bulgaro ha una striscia aperta di 13 set vinti consecutivi che si porta dietro da Cincinnati, dove ha vinto il suo primo Masters 1000 in carriera, mentre Andrey quest’anno ha brillato soprattutto sulla terra dove ha conquistato il suo primo titolo a Umago e questo è per lui il secondo US Open della carriera. Grigor si è presentato 6 volte ai nastri di partenza di Flushing Meadows ma non è mai andato oltre il quarto turno.

[WC] T. Fritz vs [6] D. Thiem (incontro inedito)

Altro faccia a faccia inedito sul Louis Armstrong: quello tra Fritz e Thiem. Il primo è un NextGen che negli ultimi mesi, causa paternità, si era un po’ perso dai radar ed è sceso fino alla posizione n. 108, mentre il secondo è uno che ha disperatamente bisogno di farsi valere nel mondo dei grandi cercando ottimi risultati a livello Slam, e forse questa può essere la sua occasione. Fritz, entrato nel tabellone principale grazie ad una wild card, ieri ha finalmente conquistato la sua prima vittoria Major contro Baghdatis ma non sembra avere molte chance con l’austriaco, il quale già nel primo turno aveva battuto un teenager premiato con wild card: De Minaur.

[Q] A. Menendez-Maceiras vs [24] J.M. del Potro (incontro inedito)

Ad aprire il programma sul Grandstand c’è la sfida tra il qualificato trentunenne Menendez e l’argentino del Potro. Lo spagnolo, nonostante l’età, è al suo quarto match negli Slam e ha come best ranking la posizione numero 111 ottenuta nel 2015. I due non si sono mai incontrati prima anche perché Menendez si concentra prevalentemente sul circuito Challenger dove ha giocato 11 finali vincendone 3. In questa edizione degli US Open ha già avuto modo di fronteggiare un argentino, il mancino Facundo Bagnis, nel secondo turno di qualificazioni il quale è stato costretto a ritirarsi per infortunio. Ovviamente non auguriamo un simile epilogo anche a del Potro, campione qui nel 2009.

L’unico italiano in gara oggi

[Q] S. Travaglia vs V. Troicki (Troicki 1-0)

Con un best ranking di 139, Travaglia fa ancora un po’ di fatica a farsi conoscere nel tour maggiore e quella di ieri contro Fognini è stata la prima vittoria in uno Slam. Oggi affronterà l’altrettanto irascibile Troicki il quale, nonostante abbia già giocato e vinto con l’italiano nel 2015 in Australia, ha dimenticato quel match. Chissà se la cosa possa essere un vantaggio per Stefano, 25 anni nato ad Ascoli Piceno, il quale proviene dalle qualificazioni e di conseguenza è al suo quinto match sul cemento di New York e finora ha perso un solo set, proprio ieri contro il suo connazionale.

Il torneo femminile

[1] K. Pliskova vs. N. Gibbs (Pliskova 2-1)

La numero uno del mondo, programmata anche oggi sull’Arthur Ashe Stadium, affronterà la tennista di casa Nicole Gibbs. La ventiquattrenne americana in questa edizione degli US Open si è dovuta far strada attraverso le qualificazioni dopo aver usufruito per sette anni della wild card, e il suo miglio risultato è il terzo turno del 2014. La numero 127 del mondo nel 2017 si è dedicata prevalentemente a tornei ITF e nell’ultimo precedente con Karolina Pliskova ha subito una severa sconfitta arrivata con un doppio 6-0, a Sydney nel 2015.

[4] E. Svitolina vs E. Rodina (Svitolina 2-0)

Dopo il soffertissimo match diviso in due atti contro Siniakova, la numero 4 del mondo Svitolina si trova a dover affrontare un’altra giocatrice “rognosa”: la ventottenne Rodina che ieri ha battuto senza grossi patemi Bouchard. La nativa di Mosca ha raggiunto per il terzo anno consecutivo il secondo turno agli US Open, ma non è mai andata oltre. Svitolina dal canto suo sta giocando con un’aggressività e una concentrazione mai mostrate prima, e tra le tante pretendenti alla prima posizione mondiale, lei è quella che la momento sembra avere più chance.

CATEGORIE
TAG
Condividi