Carlos Moya: “Rafa migliora ogni giorno”

"Prima dell’inizio degli US Open non era molto fiducioso. La ragione dei successi di quest'anno? Grande motivazione e nessun infortunio"

Carlos Moya: “Rafa migliora ogni giorno”
Carlos Moya - Australian Open 2017 (foto Roberto Dell'Olivo)

In un’intervista rilasciata al sito dell’ATP World Tour, Carlos Moya, attuale coach di Nadal, ha parlato del suo allievo e soprattutto dei motivi che lo hanno fatto ritornare ai livelli altissimi di quest’anno.

Dietro il grande successo che Rafa sta avendo quest’anno c’è la grande motivazione con cui ha iniziato la stagione e il fatto che non abbia avuto infortuni, dice Moya. “Inoltre si è sempre battuto nella maniera migliore, mantenendo l’atteggiamento giusto in campo anche nelle giornate più storte, specialmente sulla terra dove alcuni incontri sono stati difficili”. Ricordiamo in particolare quello con Fabio Fognini a Madrid, con un Nadal malconcio a causa dell’otite. Vincere quei match”, continua l’ex numero 1 del mondo, “gli ha dato l’opportunità di andare avanti, mettersi nuovamente alla prova e infine di aggiudicarsi il trofeo. I due mesi dopo la terra non sono stati molto positivi, ma non è facile giocare a questo livello per tutto l’anno. La cosa bella di Rafa però è che anche quando non gioca bene trova sempre il modo di vincere e questa è una cosa molto importante per un giocatore del suo calibro”.

 

Nadal è tornato agli splendori di un tempo e adesso sta vivendo uno dei picchi di rendimento più alti della sua carriera. Lo dimostra la vittoria contro Andrey Rublev – forse un po’ sprovveduto – al quale ha lasciato le briciole. “Rafa migliora ogni giorno”, afferma il suo coach. Non era molto fiducioso prima dell’inizio del torneo, ma dopo i primi due turni ha preso fiducia e ora ne mancano ancora pochi per vincere il titolo.” Il suo prossimo avversario sarà Juan Martin del Potro che nella notte ha sconfitto Roger Federer, ma tatticamente il piano è lo stesso: “Il piano è sempre quello di essere aggressivo, ma allo stesso tempo solido da fondo campo”.

Ecco l’intervista completa:

CATEGORIE
TAG
Condividi