US Open: Keys perfetta, travolta Vandeweghe

NEW YORK -Una partita senza pecche manda Madison Keys in finale, nulla può Coco Vandeweghe. Keys-Stephens finale Slam tra esordienti

US Open: Keys perfetta, travolta Vandeweghe
Madison Keys - US Open 2017 (foto Josephine Vinci)

da New York, il nostro inviato

[15] M. Keys vs [20] C. Vandeweghe 6-1 6-2

 

Dopo le emozioni del terzo set tra Venus Williams e Stephens, i newyorkesi accorsi a Flushing Meadows hanno dovuto accontentarsi di un “dessert” piuttosto noioso e privo di pathos: Madison Keys ha infatti sfoderato una prestazione maiuscola, letteralmente annichilendo la connazionale Coco Vandeweghe in soli 66 minuti concedendole la miseria di tre game. Sicura e penetrante da fondo, granitica al servizio e positiva anche negli spostamenti, Keys ha sicuramente giocato la miglior partita dell’anno, e forse della carriera, nell’occasione più importante.

Già all’uscita dai blocchi è evidente che la più tranquilla è Madison Keys, aggressiva e centrata nei colpi da fondo, mentre Vandeweghe sembra decisamente tesa. In sei minuti Keys è già 3-0, e Coco deve ascoltare dalla sedia del cambio campo le note di “Isn’t she lovely” di Stevie Wonder, pensando che forse la sua avversaria non è poi così ‘lovely’. Madison continua a menare fendenti da tutte le posizioni, tanto che l’Arthur Ashe sembra la Quinta Strada: traffico totalmente a senso unico. Metà degli spettatori del centrale sono ancora in fila al bar e già il primo set è in dirittura di arrivo con Vandeweghe che ha messo a segno solo quattro punti in cinque game. Coco si improvvisa Navratilova con qualche serve&volley per fermare l’emorragia, ma Madison si traveste da Evert e si inventa due passanti di diritto da stropicciarsi gli occhi. Evitato il “bagel” (in 19 minuti!) grazie ad una volèe in rete dell’avversaria, Vandeweghe muove il tabellone ma non salva il set, che in 23 minuti prende la strada dell’allieva di Lindsay Davenport.

Anche se non è facile mantenere un atteggiamento positivo dopo una “stesa” di quel tipo, Coco inizia il secondo set tenendo il servizio grazie a qualche bel serve&volley, ma l’llusione dura poco, perché sui suoi game di battuta Madison è intoccabile ed in risposta continua a martellare senza pietà. Quando un rovescio lungolinea da “circoletto rosso” le dà il 4-1 pesante, in tribuna inizia il “rompete le righe” e gli spettatori iniziano il cammino verso il parcheggio o la metropolitana, ed anche Keys esce dal campo per farsi assistere dal fisioterapista per un problema alla gamba destra. Il match è comunque già segnato, e finisce esattamente come era cominciato, con una grande Keys a raggiungere la sua prima finale di uno Slam da giocarsi con l’altra esordiente Stephens che l’ha sconfitta nell’unico confronto diretto a Miami nel 2015.

Correzione – in una versione precedente l’articolo descriveva questa partita come la prima semifinale Slam di Coco Vandeweghe, mentre l’americana era già stata in semifinale a Wimbledon 2017, così come Madison Keys era stata in semifinale agli Australian Open nel 2015 e non nel 2016 come precedentemente indicato.

CATEGORIE
TAG
Condividi