Un pizzico d’Italia è ancora in Coppa Davis

L'Italia è da tempo eliminata. Convocato però tra i croati Viktor Galovic, in Italia dall'età di 6 anni e sportivamente azzurro fino al 2014

Un pizzico d’Italia è ancora in Coppa Davis
Viktor Galovic - Challenger Bergamo (Foto credit Antonio Milesi)

Vive a Bussero, in Lombardia e si allena a Verona, all’accademia di Daniel Panajotti, lo storico coach di Francesca Schiavone. In passato ha fatto da sparring partner agli Internazionali, dove quest’anno ha pure disputato le pre-qualificazioni. La prima racchetta l’ha presa in mano a Milano, da bambino, e ha affrontato l’intero percorso scolastico nello Stivale, sostenendo persino gli esami di maturità con Mario Balotelli. Tifa Ferrari. È Viktor Galovic, e questo weekend esordirà in Coppa Davis nel play-off tra Colombia e Croazia. Prego?

Eh già, Viktor Galovic è nato croato. Ed è stata proprio la madre patria ad aver bisogno di lui, per affiancare un singolarista a Marin Cilic visti i rifiuti di Borna Coric e Ivo Karlovic, quest’ultimo tornato dopo anni per la finale del 2016, invano. Capitan Zeljko Krajan è stato fortunato, in un certo senso: momento migliore per ricorrere al ragazzo di Nova Gradiska non c’era, visti il best ranking di numer 224 ottenuto in luglio a seguito del primo successo Challenger in carriera (Recanati, ancora Italia). E così sarà lui a vestire la maglia a scacchi venerdì.

 

Il percorso del ventiseienne italo-croato sembra un tira e molla tra le due nazioni confinanti. La bandierina accanto al suo nome sul sito della ITF è stata quella tricolore fino al 2014, poi è passato a quella del paese dei genitori (che si trasferirono in Italia quando lui aveva appena 5 anni) mentre nel frattempo continuava a svolgere le pratiche per la cittadinanza italiana, ottenuta finalmente lo scorso anno. Nelle interviste, almeno quelle con testate nostrane, ha sempre sostenuto di sentirsi italiano e di non avere più legami con il paese d’origine.

Nessun legame al punto da tifare Italia nel confronto tra azzurri e Croazia del 2013 (glielo perdoneranno?) e da ribadire pochi mesi la piena disponibilità a giocare in Davis per l’Italia. La speranza di Galovic svanirà tra poche ore, quando colpirà la prima pallina da Davisman contro Santiago Giraldo. Il caso dello sloveno-britannico Aljaz Bedene costituisce un precedente granitico, e in ogni caso nel team FIT non sembra proprio esserci spazio per “Vik”. Meglio allora godersi la chance balcanica, senza rimpianti. L’Italia gliene ha già date tante, in fondo.

CATEGORIE
TAG
Condividi