ATP San Pietroburgo: Fognini rimontato, trionfo Dzumhur

Il nostro N.1 vince il primo set in modo convincente ma poi si perde sul più bello. Primo titolo ATP per il bosniaco

ATP San Pietroburgo: Fognini rimontato, trionfo Dzumhur

D. Dzumhur b. [3] F. Fognini 3-6 6-4 6-2

Nella settimana della Laver Cup di Praga, con Federer e Nadal eccezionalmente impegnati a dividersi la stessa metà del campo di gioco, il circuito maschile ha fatto tappa a Metz e San Pietroburgo. Nella città che fu di Pietro il Grande, in particolare, si è disputato il St. Petersburg Open, torneo giunto quest’anno all’appuntamento numero ventidue, il cui albo d’oro annovera tra i vincitori tre giocatori capaci di issarsi al vertice del ranking mondiale quali il beniamino di casa Kafelnikov – sua la prima edizione nel 1995 – Kuerten e, più di recente, Murray. Campione uscente è il next-gen Alexander Zverev, vittorioso un anno fa sull’elvetico Stan Wawrinka.

 

A contendersi il titolo sono quest’oggi l’azzurro Fabio Fognini – già finalista nel 2012 poi sconfitto da Klizan – e il bosniaco Damir Dzumhur, 25 anni e numero 55 delle ultime classifiche, giustiziere all’esordio del nostro Paolo Lorenzi e qui a caccia del primo titolo ATP. Per l’italiano, invece, si tratterebbe del sesto alloro in bacheca ma il primo lontano dalla terra battuta. Prima testa di serie del seeding russo era lo spagnolo Bautista Agut la cui corsa verso la finale è stata interrotta, nonostante un paio di match point a favore, proprio da Fognini al termine di una maratona estenuante conclusasi al tie-break del terzo parziale. Per Dzumhur c’è da registrare un avvicinamento all’atto conclusivo quasi immacolato con un solo set lasciato per strada contro il britannico Broady. Non si tratta di un inedito assoluto: il ligure conduce infatti per due a zero nei confronti diretti, disputati entrambi sul rosso di Umago nel 2015 e nel 2016, anno in cui il ligure ha finito per sollevare il trofeo. Bookmaker unanimi nell’attribuire all’azzurro i favori del pronostico. Sbagliando, come avremo modo di vedere.

Si comincia con Dzumhur alla battuta. L’inizio, per entrambi, non è dei migliori e i primi due game, infarciti di errori gratuiti e palle break, sono comunque appannaggio del giocatore al servizio. Il bosniaco palesa fin da subito una certa insofferenza e la volontà, nemmeno troppo celata, di innervosire l’avversario con qualche plateale lamentela di troppo. A trarne beneficio, in un clima di tensione tangibile, è però l’italiano, per l’occasione insolitamente serafico, che senza strafare opera il primo allungo di giornata. Dzumhur conferma una maggiore efficacia con il rovescio, colpo con il quale è in grado di produrre un gioco di sbarramento migliore, mentre è sul lato destro che più facilmente presta il fianco ad un avversario puntuale nel capitalizzare il mismatch tecnico. Con l’azzurro avanti di un break, il parziale senza troppi sussulti segue ora l’ordine dei servizi. Nel corso del nono gioco il nativo di Sarajevo è però ancora una volta in apnea con la battuta a disposizione: la seconda palla break, che è anche un set point, è quella buona e un lob di pregevole fattura manda in archivio un parziale a conti fatti mai in discussione che Fognini si aggiudica con il punteggio di 6-3.

Le fatiche della semifinale sembrano cominciare a pesare sulle gambe del taggiasco, in qualche circostanza meno rapido del consueto nella ricerca della palla. Dopo quattro giochi interlocutori è il bosniaco a dare uno strappo deciso. Due doppi falli su altrettante palle game costano molto cari a Fognini, costretto a cedere la battuta e a rincorrere l’avversario nel punteggio. Dzumhur in questo frangente ha però la colpa di vanificare il vantaggio testé acquisito, tanto che è sufficiente all’azzurro un gioco di ribattuta accorto, il sesto, per ristabilire l’equilibrio. I due game successivi non aggiungono molto alla storia della partita che tuttavia, da lì a poco, prende una piega poco favorevole all’azzurro. Fognini, incapace di ottenere punti facili con il servizio, è costretto a cedere per la seconda volta il proprio turno di battuta, concedendo all’avversario la possibilità di servire per il set. Dzumhur, imparata la lezione, non trema e un con un ace rinvia la contesa al terzo e decisivo parziale.

Al rientro in campo dopo il pit-stop Fognini mostra un linguaggio del corpo assai poco rassicurante, complice una stanchezza – accompagnata da qualche noia fisica – che col passare dei minuti pare essersi decisamente acuita. I fatti confermano purtroppo l’impressione e in un amen Dzumhur è già avanti per 2 a 0. Il match nella sostanza finisce qui perché Fognini, più che una partita organica, adesso si produce inevitabilmente in una successione estemporanea di colpi a braccio sciolto e per il venticinquenne bosniaco, a cui è sufficiente non assumersi rischi e girare lontano dalle righe, è facile condurre in porto l’incontro. 6-2 lo score finale, con poco altro da raccontare se non la gioia e le braccia levate al cielo per il primo hurrà della carriera di Dzumhur che domani andrà a migliorare ulteriormente il personale best ranking [sarà N.40]. Tanto rammarico, invece, per il tennista azzurro, ritrovatosi sul più bello con il serbatoio vuoto in un match, per quanto visto in un set e mezzo, che in condizioni fisiche ottimali sarebbe stato abbondantemente alla sua portata.

CATEGORIE
TAG
Condividi