ATP Ranking: Nadal ipoteca il n.1, Goffin nella cerchia dei Maestri

Il successo a Pechino sembra chiudere la questione per il n.1 di fine anno: Nadal ha 2.360 punti di vantaggio su Federer. Il belga in forma strepitosa sembra pronto per Londra

ATP Ranking: Nadal ipoteca il n.1, Goffin nella cerchia dei Maestri

Qualcosa è cambiato nella classifica ATP nel corso dell’ultima settimana grazie ai tornei di Pechino e Tokyo.

Partiamo da Tokyo

 
  • il vincitore David Goffin riconquista il decimo posto, sino ad ora suo best ranking, estromettendo dalla Top 10 Pablo Carreno Busta; lo sconfitto, Adrian Mannarino, guadagna due posizioni e si siede sulla 29esima poltrona.
  • Marin Cilic, battuto da Mannarino in semifinale, mantiene la quinta piazza mentre Diego Schwartzman, fermato da Goffin, ottiene il suo miglior piazzamento in carriera (26esimo).

Proseguiamo con Pechino

  • il trionfatore, Rafael Nadal, consolida la sua prima posizione in classifica e allunga sul suo diretto inseguitore Roger Federer (+2.360 punti nella Race). E pensare che stava per uscire all’esordio contro Pouille….
  • Nick Kyrgios l’anno scorso di questi tempi guadagnava 500 punti grazie al successo di Tokyo. La sconfitta contro Nadal nella finale di Pechino gli costa quindi 200 punti (500-300) che si traducono in due posizioni in meno nella classifica rispetto alla scorsa settimana e l’uscita dalla top 20.
  • Sorte analoga per Grigor Dimitrov che lo scorso anno a Pechino raggiunse la finale. L’uscita dal torneo in semifinale comporta per lui la discesa dall’ottavo al nono posto.
  • Andrey Rublev, giunto sino ai quarti di finale, conquista quattro posizioni e sale al 35esimo posto. Best ranking per lui. Un bel regalo per i suoi imminenti 20 anni (20 ottobre).

I risultati di Pechino e Tokyo hanno condizionato anche la corsa alle Finals londinesi che al momento vedrebbero ai nastri di partenza i seguenti otto giocatori:

  1. Nadal (=)
  2. Federer (=)
  3. Zverev (=)
  4. Thiem (=)
  5. Dimitrov (+1)
  6. Cilic (+1)
  7. Goffin (+5)
  8. Carreno Busta (-1)

Sam Querrey primo degli esclusi.

Invariati i nomi dei sette tennisti nati dopo il 31 dicembre 1995 che, al momento, sono qualificati per il torneo di Milano a loro riservato (Zverev-Rublev-Khachanov-Shapovalov-Coric-Donaldson-Medvedev). L’ottavo posto andrà all’italiano under 21 che vincerà il torneo di pre-qualificazione che si terrà dal 3 al 5 novembre.

Sempre in tema di NextGen segnaliamo la caduta verticale di Francis Tiafoe, che troviamo al 92esimo posto questa settimana (-18), dovuta alla prematura uscita di scena in fase di qualificazioni a Tokyo per mano di Stefanos Tsitsipas, che a sua volta perde ben 16 posizioni. Entrambi i due giocatori, però, hanno brillantemente superato il primo turno del Masters 1000 di Shanghai e avranno quindi modo di rifarsi con gli interessi già dalla prossima settimana, dal momento che tra la 100esima posizione occupata da Alexander Bublik (altro NextGen) e la 131esima di Tsitsipas ci sono solo 111 punti di differenza.

Tecnicamente il tedesco Maximilian Marterer non appartiene alla stirpe dei tennisti di Nuova Generazione poiché è nato nel 1995, ma la sua vittoria al Challenger di Monterrey gli regala ben 24 posizioni e la prossimità alla top 100 (108), subito dietro Marco Cecchinato che, per una volta, non sale e non scende.

Gli italiani in top 100 restano i soliti quattro noti:

  • Fabio Fognini (28, -2)
  • Paolo Lorenzi (39, -1)
  • Thomas Fabbiano (76, -4)
  • Andreas Seppi (85, +1)

Come abbiamo accennato poco sopra, ha preso il via il torneo di Shanghai, penultimo Masters 1000 della stagione. I punti in palio non sono sufficienti per determinare un cambio al vertice dal momento che Nadal ha ben 2.370 punti di vantaggio su Federer e ne difende solo 10 dato che lo scorso anno uscì di scena già al secondo turno. Dietro di loro, però, possono capitare tante cose ad iniziare dall’uscita dal podio di Murray che non potrà difendere i 1000 punti guadagnati lo scorso anno vincendo il torneo. Chi ne prenderà il posto? Lo sapremo tra sei giorni.

CATEGORIE
TAG
Condividi