WTA Hong Kong: due ritiri su quattro, un vero disastro

Sfortuna o solito problema del calendario troppo fitto? Elina Svitolina e Caroline Wozniacki si ritirano prima di scendere in campo

WTA Hong Kong: due ritiri su quattro, un vero disastro

ELINA E CAROLINE OUT – Una giornata piena di attesa per gli ottavi ad Hong Kong, con la gioia smorzata dal primo colpo di scena: Elina Svitolina, testa di serie numero 1 a causa di un infortunio alla gamba destra si è ritirata e ha lasciato campo libero alla Gibbs, naturale sfavorita alla vigilia della gara. Occasione sprecata per l’ucraina che, dopo la vittoria nella Rogers Cup, non è comunque mai apparsa in condizioni ottimali nei successivi tornei. L’americana dal canto suo accede ai quarti senza faticare, in un torneo che potrebbe rivelarsi ricco di sorprese. Ecatombe di sfortuna che si abbatte anche sulla Wozniacki, anch’essa incapace persino di cominciare il match per un problema al gomito sinistro. La Cabrera dunque accede a un insperato quarto di finale che la vedrà giocare contro la Gavrilova.

Certo si deve parlare di sfortuna, per non impelagarsi in troppa dietrologia. Rimane il fatto che l’organizzazione di torneo programmato nella penultima settimana del calendario non può urlare troppo alla casualità se due top 10 che hanno disputato una stagione logorante e intensa si ritrovano, a distanza di poche ore, entrambe vittima di problemi fisici e impossibilitate a scendere in campo. Non ne guadagna il torneo né tantomeno gli spettatori, che si vedono privati di una consistente fetta di spettacolo.

 

GLI ALTRI INCONTRI – Match meno nobili del programma sono stati la sfida asiatica tra Khumkum e Wang e lo scontro Usa-Cina che ha messo di fronte Brady e Zhang. Prima partita avara di emozioni, con un chirurgico doppio 6-4 a sancire la vittoria di quest’ultima davvero molto sicura e brava a comandare gli scambi da fondo. Khumkum, 130 del mondo, aveva davvero poche armi a disposizione per impensierire l’avversaria. Nel secondo match abbiamo assistito a una grande prova di maturità da parte di Jennifer Brady, al cospetto della numero 8 del seeding. Velocità di gambe, sicurezza negli scambi, unica nota stonata qualche break subito di troppo, specie nel secondo set. Zhang rimandata: impietoso 29% dei punti vinti in risposta e errori di misura che hanno irrimediabilmente compromesso la gara.

Risultati:

N. Gibbs b. [1] E.Svitolina w/o
L.Khumkum b. Q. Wang 6-4 6-4
J.Brady b. S. Zhang 6-3 6-4
L. Cabrera b. C. Wozniacki w/o

Gianluca Mitidieri

CATEGORIE
TAG
Condividi