Nadal eguaglia Agassi per match vinti nell’era Open

Con la vittoria su Dimitrov a Shanghai, Rafa ha raggiunto la leggenda americana a quota 870 match vinti in carriera. E nel mirino ora c'è un certo John McEnroe

Nadal eguaglia Agassi per match vinti nell’era Open

Continua il periodo di forma smagliante di Rafael Nadal, che ieri ha infilato la quindicesima vittoria consecutiva nel Tour, battendo in tre set Grigor Dimitrov. Ma oltre alla semifinale, lo spagnolo ha conquistato un altro importante risultato nel libro dei record. Ha infatti raggiunto Andre Agassi al sesto posto della classifica dei match vinti in carriera, con la vittoria numero 870. Oggi contro Marin Cilic ha l’opportunità di superarlo e avvicinarsi a John McEnroe, sul quale potrà presto operare il sorpasso. Il sette volte campione Slam, con 877 vittorie, dista solo sette lunghezze.

Se si va però a guardare la statistica più indicativa della percentuale di match vinti in carriera, Rafa è terzo (82,6 %), sopra Federer, che tuttavia dista 252 vittorie nel totale, e sotto solamente a Djokovic (82.7 %) e Bjorn Borg (82.8 %). Se continuerà la striscia positiva in coda alla stagione, sarà sulla buona strada per guadagnare il primo posto nell’era Open anche in questa voce, Nole permettendo. Su terra battuta la percentuali salgono vertiginosamente. Pur essendo molto lontano da Vilas (660 vittorie), i 389 match vinti del campione di Manacor sono sporcati da sole 35 vittorie: è infatti uscito vincitore nel 91,7 % degli incontri giocati sul mattone tritato, record assoluto. A completare il quadro delle statistiche in cui è primatista, Nadal supera tutti anche per il rapporto win-loss a livello outdoor. Ha portato a casa l’84.3 % di partite disputate all’aperto.

 

L’attuale numero uno del mondo è anche a sei vittorie dal primato di Roger Federer nei Masters 1000, dopo il successo numero 342 colto oggi. I due potrebbero sfidarsi nella finale di domenica, con Nadal che avrebbe l’occasione di avvicinarsi al record di 349 incontri vinti dello svizzero, oltre a potersi staccare da Djokovic e issarsi al primo posto assoluto per trofei vinti nei Masters (30 per parte al momento). Il sedici volte campione Slam deve ancora perdere il turno di servizio a Shanghai e questo traguardo arriva in un periodo dove in pochi sembrano in grado di metterlo in difficoltà. La striscia aperta di quindici vittorie e gli ultimi due titoli, tra cui l’Open degli Stati Uniti, sono la punta dell’iceberg del 2017 eccezionale di Rafael Nadal.

CATEGORIE
TAG
Condividi