Bernard Tomic ricomincia da Andria

Fuori dai primi cento, Bernard Tomic si è deciso a scendere di categoria e giocare un Challenger, Ripartirà dagli Internazionali di Castel del Monte, e sarà in buona compagnia

Bernard Tomic ricomincia da Andria

Dieci partite vinte e diciannove sconfitte nei tabelloni principali di Slam e ATP. Sono i numeri impietosi di una stagione sciagurata. Numero 145 del mondo, Bernard Tomic non ha più chance, o meglio, per averne una dovrà attendere il prossimo gennaio, quando con ogni probabilità Tennis Australia gli recapiterà un invito per gli Australian Open. Fino ad allora però, come pare aver promesso al direttore del primo major stagionale Tiley e al clan di Davis, testa bassa e lavorare per uscire dall’impasse in cui si è cacciato.

Ricominciare dal basso. Più che l’imperativo è una necessità, perché se sei fuori dalla top 100 gli ATP tocca sudarseli partendo dalle qualificazioni. Tomic ci ha provato, ad Anversa, ma è andata male: sconfitto al secondo turno da Aldin Setkic, numero 175 del mondo. E allora si scende ancora più giù, anche geograficamente. Andria, 20-26 novembre, Palasport in via delle Querce. Montepremi 43.000$. Si è iscritto qualche giorno fa, anche se la pagina facebook del torneo ancora tace. L’ultima volta che si era presentato ai nastri di partenza di un torneo cadetto aveva 21 anni. A Bratislava uscì sconfitto al primo turno per mano di Illya Marchenko.

 

In Puglia, salvo forfait inattesi, ci saranno anche Marcos Baghdatis e Stefanos Tsitsipas, di ritorno nel tacco dello stivale dopo l’esperienza a Barletta, in primavera, senza dimenticare gli italiani, giovani e meno giovani. Lo scorso anno vinse Luca Vanni su Matteo Berrettini, completando il tris azzurro negli indoor veloci (A Ortisei vinse Napolitano, a Brescia ancora Luca Vanni).

CATEGORIE
TAG
Condividi