La WTA torna a Palermo dal 2019

Il circuito femminile recupererà la sua tappa siciliana, "prestata" alla Malesia dal 2014. Una bella notizia per il sud Italia che ama il tennis

La WTA torna a Palermo dal 2019

Poche settimane fa Lugano aveva annunciato di aver acquisito il torneo di Biel, portando il tennis femminile di alto livello a pochi chilometri a nord dell’Italia. Adesso invece la buona notizia arriva da sud: tra meno di due anni la città di Palermo tornerà ad avere il suo torneo WTA, recuperando quindi un appuntamento “rosa” da affiancare a quello del Foro Italico. La settimana sarà la stessa abbandonata nel 2013, tanto che c’è addirittura già una data per l’inizio: il 22 luglio 2019. Nati nel 1988, gli Internazionali Femminili di Tennis torneranno quindi sugli stessi campi che avevano lasciato, quelli del Country Time Club di Viale dell’Olimpo, recuperando la loro originaria dimensione di torneo su terra battuta.

L’obiettivo dichiarato è di rilanciare un pezzo di storia del tennis italiano. Mettendo in palio 250.000$, che dovrebbero attrarre qualche discreta giocatrice amante del mattone tritato fuori stagione, ma anche organizzando una settimana di pre-qualificazioni con in palio una wild card per il tabellone principale. E non è da escludere un coinvolgimento di Roberta Vinci, ultima campionessa del torneo nel 2013: agli sgoccioli della propria carriera professionistica, la tarantina potrebbe la propria esperienza al servizio della città che la ha ospitata per tanti anni. Il Country Club e il suo presidente Oliviero Palma erano stati inseriti tra i ringraziamenti di Vinci al momento dell’addio a Palermo e a coach Francesco Cinà lo scorso settembre.

 

Da quell’ultima coppa azzurra l’International ha fatto un gran viaggio, da Palermo alla Malesia e ritorno. Nel settembre del 2013, con il bilancio del torneo in rosso, l’organizzazione rifiutò l’offerta della FIT di prendere in gestione il torneo, scegliendo invece di affittarlo a Kuala Lumpur per un triennio (più un eventuale ulteriore triennio di rinnovo). La decisione strideva con il rifiuto a Gerry Weber, il magnate che aveva reso la cittadina di Halle un polo tennistico e che puntava a far traslocare la settimana siciliana su erba tedesca. “Potremmo vendere e incassare una montagna di soldi, ma l’amore, la passione e l’orgoglio non sono in vendita. Per noi questo torneo è di tutta Palermo, anzi, dell’intera Sicilia” aveva detto all’epoca il presidente Palma.

Prestato alla terra di Sandokan, l’evento è tornato indietro alla prima occasionuccia utile: il contratto con l’organizzazione malese è stato rescisso per un ritardo nei pagamenti (gli stessi con cui il Country Club è stato ristrutturato). Soltanto dei problemi di calendario impediranno la riapertura dei cancelli già dalla stagione 2018. Del resto l’attesa potrebbe essere anche un bene, dato che il torneo potrebbe rivelarsi un boomerang a tutti gli effetti e non soltanto nel percorso compiuto. Il comunicato ufficiale mostra le stesse preoccupazioni economiche di un tempo, e fa ripetutamente appello al comune, alla Federtennis e ai palermitani affinché mettano a disposizione denaro, materiali e spirito di volontariato.

CATEGORIE
TAG
Condividi