Federer: “Terra nel 2018? Non so”. Nadal: “Vorrei Roger in finale”

ATP Finals, Nadal: "Sono qui perché so di poter essere competitivo". Roger: "Mi fa piacere che Rafa sia qui". Il mio programma futuro? Non posso fare 25 tornei l'anno". Cilic: "Campo più lento"

Federer: “Terra nel 2018? Non so”. Nadal: “Vorrei Roger in finale”
Roger Federer - ATP Finals 2017 (foto: Alberto Pezzali / Ubitennis)

RAFA NADAL FRA GINOCCHIO, SUPERFICIE E CALENDARIO

Il pensiero di non aver mai vinto le Finals è sempre nella mia testa, così come il fatto che in tredici anni che mi sono qualificato a questo evento si è sempre giocato sulla stessa superficie“. Rafa ha poi parlato delle sue condizioni fisiche e delle sue intenzioni: “Mi sono ritirato da Parigi non per precauzione ma perché non potevo continuare. Il ginocchio mi dà ancora fastidio. Comunque se sono qui è per giocare, altrimenti non sarei venuto. Non sarei qui se non credessi di poter essere competitivo. Vorrei vincere il torneo, questa è la mia speranza e la mia motivazione. Lavoro affinché accada. Voglio arrivare in finale e vincere. Se poi dovessi incontrare Federer tanto meglio“. Gli viene poi chiesto se il calendario di Roger, con la conseguente riduzione di tornei, potrebbe essere adatto anche a lui per il futuro: “Non esistono due persone uguali. Ciò che funziona per uno può non funzionare per un altro. Lui non si allena come me e non segue il mio calendario, e viceversa io non posso seguire la sua preparazione né giocare il suo numero di tornei. Farsi venire in mente un’idea è difficile. Copiare invece è facile. Non so se il calendario di Federer sia fattibile per me, io farò quello che mi chiedono il mio corpo e la mia mente, come ho sempre fatto”.

 

Rafa Nadal – ATP Finals 2017 (foto: Alberto Pezzali / Ubitennis)

ROGER FEDERER, IL GRANDE FAVORITO

“Per me è un ottimo risultato poter tornare a giocare a questo torneo, visto che all’inizio dell’anno ero molto indietro nella classifica, ma sono cresciuto a poco a poco. Ho avuto una stagione praticamente senza lesioni e sono felice di poter giocare le Finals”. Spende poi qualche parola sul suo amico-rivale Nadal: Sembra che alla fine Rafa giocherà il torneo, e questa è una grande notizia. Sarebbe un colpo molto duro per il torneo se non dovesse partecipare. Ha fatto una stagione spettacolare ed è una delle grandi stelle di questo sport. Un suo forfait sarebbe stato molto brutto per questo torneo, quindi il fatto che sia qui è un buon segno”. Infine anche allo svizzero sono state fatte domande sulla programmazione: Ovviamente non posso giocare 25 tornei all’anno. Ho deciso di fare una stagione più tranquilla e ora sono qui fresco e fisicamente in forma. Non so se nel 2018 continuerò con questo programma e/o tornerò a giocare sulla terra, a poco a poco prenderò la decisione”.

L’AMMISSIONE DI DOMINIC THIEM

Lo scorso anno ho sentito molta pressione, era qualcosa di completamente nuovo per me e mi sono sentito molto nervoso. Quest’anno è differente: mi sono classificato quarto, mi sono allenato bene e mi sento fresco fisicamente, mentre lo scorso anno ero stanco“. L’austriaco giocherà il suo primo match contro Dimitrov e ha parlato così del suo avversario: “Ha fatto un grande anno, merita al 100% di essere qui e sarà divertente cominciare il torneo contro di lui”. 

GRIGOR DIMITROV SU FEDERER E NADAL

“L’anno scorso sono stato vicino alla qualificazione ma alla fine non ci sono riuscito. Questo torneo è totalmente diverso da quelli che di solito vediamo nel resto dell’anno, qui affronti i migliori giocatori del mondo come Rafa e Roger, che incarnano la definizione di tennis e di campione“.

Grigor Dimitrov – ATP Finals 2017 (foto: Alberto Pezzali / Ubitennis)

LE SPERANZE DI MARIN CILIC

“Mi sono ritrovato quest’anno a giocare ad un buon livello ogni settimana. Questo mi ha dato molta energia e mi ha fatto credere di più in me stesso“. Le precedenti due apparizioni di Cilic a Londra sono state tutt’altro che felici (un solo match vinto su sei) ma stando alle sue parole le cose stanno per prendere un’altra piega: “Il mio approccio mentale al torneo è diverso rispetto allo scorso anno. Ho maggiore fiducia e sento che posso fare un ottimo tennis senza cedere alla pressione”. Infine una riflessione sulla superficie: “Forse quest’anno la superficie è un po’ meno rapida rispetto al passato, ma credo che tutti possiamo avere delle chance di vincere”. 

DAVID GOFFIN E LA TATTICA DA ADOTTARE CONTRO NADAL

“Non è stato facile tornare dopo la ferita che mi ero procurato, quindi ho deciso di giocare consecutivamente molti tornei. Fisicamente non sono stanco e il mio corpo sta bene“. Il suo esordio contro Nadal appare proibitivo, ma il belga non si scoraggia. “Ci siamo affrontati in buone partite, come quest’anno al Masters 1000 di Madrid. Cercherò di fare un buon gioco restando aggressivo e facendolo correre il più possibile per il campo. Non ho niente da perdere“.

ALEXANDER ZVEREV, UN NEXT GEN TRA I GRANDI

Il più giovane della combriccola è Alexander Zverev, il quale però sembra volersi godere al massimo l’evento e ha uno spirito al quanto rilassato. In conferenza preferisce ricordare i grandi traguardi raggiunti nel 2017 piuttosto che soffermarsi sulle sfide che questo torneo gli porrà davanti. Vincere due Masters 1000 è stato molto speciale perché in questi tornei hanno sempre dominato i big-four negli ultimi anni; vincerne due in una stagione è stato spettacolare”.

Alexander Zverev – ATP Finals 2017 (foto: Alberto Pezzali / Ubitennis)

JACK SOCK, L’ULTIMO ARRIVATO

L’americano ha rivelato come già da diversi mesi avesse intravisto la possibilità di essere presente alle Nitto ATP Finals: “Strappare l’ultimo biglietto per Londra è stato molto speciale per me. Nel mese di aprile ho cominciato a pensare che forse sarei potuto essere qui, anche se da giugno a novembre, quando i miei risultati non erano così buoni, ho perso un po’ di speranza. A Parigi ero il tennista che aveva meno chance per raggiungere la qualificazione, ma alla fine l’ho ottenuta. Sono molto entusiasta di essere qui e pronto a giocare del grande tennis”.

CATEGORIE
TAG
Condividi