Next Gen Finals: Rublev cede alla distanza. È Chung il campione

Hyeon e Andrey erano pronti ad una finale equilibrata. Ma Chung è stato semplicemente troppo forte per il russo, che a lungo andare ha ceduto di testa

Next Gen Finals: Rublev cede alla distanza. È Chung il campione

dal nostro inviato a Milano

[6] H. Chung b. [1] A. Rublev 3-4(5) 4-3(2) 4-2 4-2

 

Il campo centrale è gremito di spettatori quando entrano in campo Andrey Rublev e Hyeon Chung, i due finalisti che dopo i precedenti quattro giorni di battaglia sono ora pronti a sfidarsi per vincere quello che forse è il torneo più importante della loro carriera fin qui.

La partita comincia in maniera molto tranquilla, entrambi tengono facilmente i propri turni di servizio e, sebbene il gioco fin qui non sia un granché, il pubblico applaude e si fa sentite e cominciano già ora i cori a favore dell’uno o dell’altro giocatore. È il tie-break a decidere il primo set, come spesso è accaduto fin qui nel torneo. Il livello del tennis ancora non è eccelso e ad un vincente spesso segue un errore da parte dello stesso giocatore. Rublev però fin qui è apparso il più positivo, e un paio di accelerazioni delle sue fiaccano Chung, che è costretto a cedere il set al russo, che si incita con un urlo quasi pauroso.

Rublev appare nello stesso stato di forma che gli aveva permesso di mettere al tappeto Coric, ed infatti parte forte anche nel secondo parziale, centrando subito il break grazie anche a due errori consecutivi di Chung, che al contrario del suo avversario non sembra lui, manca di cattiveria, arriva in ritardo, sbaglia scelta. La buona notizia per il sud coreano è che Rublev non è in grado di tenere lo stesso livello per più di una ventina di minuti e sul 3-2, quando va a servire per il match, ha un enorme passaggio a vuoto in cui commette due errori gratuiti e due doppi falli. Chung ringrazia e con il break vince anche il tie-break, che il russo getta via malamente con un gratuito di rovescio.

Il calo di Rublev prosegue anche nel terzo parziale, che potrebbe essere già decisivo, subendo il break subito al primo game commettendo un grave errore di dritto affossando la palla in rete. Chung dovrebbe ora solamente tenere la palla in campo e scambiare lasciando che sia Rublev a commettere l’errore, ma incredibilmente il russo riesce comunque a recuperare il break approfittando di un brutto errore di Chung col rovescio, con cui cerca un angolo improbabile mandando invece la palla in quello che sarebbe il corridoio se ci fosse anche il doppio. Questo set riserva però ancora delle sorprese, Rublev e Chung ora sembrano fare a gara a chi commette più errori, e nel quinto game è ancora una volta il russo a perdere le misure finendo col restituire al sud coreano il break e la possibilità di servire per andare due set a uno. Opportunità che Chung coglie al secondo set point.

C’è da dire che per quanto la partita non sia fin qui memorabile, il pubblico è molto tranquillo ed educato, quasi come non esistesse la possibilità di muoversi e parlare. Un rispetto che per quanto ammirevole non sembra avere su Rublev lo stesso effetto calmante che ha invece su Chung. Il russo va in difficoltà anche all’inizio del quarto set, e dopo uno scambio massacrante commette un altro errore di fatto regalando il break al sud coreano. Rublev è nervosissimo e alcuni colpi sono talmente potenti che nemmeno lui riesce a controllarli, tant’è vero che pure il cameraman rimane colpito da un suo smash. Chung ha due match point sul 1-3, ma deve andare al servizio per chiudere definitivamente partita e torneo.

Hyeon Chung è il primo vincitore di queste Next Gen ATP Finals, e lo diventa con una statistica incredibile, da imbattuto. Un torneo sensazionale per lui, che chiude una settimana fantastica in cui ha dimostrato come possa essere lui il nuovo nome del 2018, il giovane e timido sud coreano pronto a prendersi i più grandi palcoscenici mondiali, a cominciare da questo di Milano.

CATEGORIE
TAG
Condividi