Tornei WTA e quali Slam: cambia il regolamento

Svolta nel circuito femminile: l'iscrizione ai tornei WTA sarà subordinata alla presenza nella entry list delle qualificazioni di uno Slam

Tornei WTA e quali Slam: cambia il regolamento

Una questione delicata, di cui si è spesso discusso e che ha generato non poco imbarazzo. Non bastasse la pioggia di ritiri che solitamente spalanca le porte ai perdenti fortunati, i tornei che precedono i Major sono spesso condannati ad offrire uno spettacolo indecente, causa la paura di giocatori e giocatrici di dover rinunciare a tornei e montepremi ben più succosi per un infortunio o chissà cos’altro. I più ricorderanno la bravata di Bernard Tomic a Sidney, quando giustificò la decisione di abbandonare il match, confessando con naturale verecondia al malcapitato Lajani di dover pensare a Melbourne. Ancora più teatrale la sceneggiata di undici mesi fa a Hobart: un solo game bastò a Mertens e Vickery per chiedere l’intervento del fisioterapista. Un rapido gioco di sguardi e l’americana scattò dalla sedia per stringere la mano all’arbitro, annunciando il ritiro. Motivo? Due giorni dopo sarebbe dovuta volare a Melbourne per giocare il primo round delle qualificazioni del primo major stagionale, proprio come la sua avversaria, che a Melbourne non andò, e in Tasmania vinse il suo primo titolo nel circuito maggiore.

Il board della WTA ha così deciso di porre un freno a questa aberrante pratica, impedendo a tutte le giocatrici, escluse le top 10, di iscriversi a più di un torneo per settimana. Niente più episodi simili a quello di Hobart: chi sarà presente nella entry list delle qualificazioni di uno Slam e nel WTA che si disputa nella medesima settimana, sarà automaticamente cancellata dal WTA alla chiusura delle liste per l’accesso alle quali dello Slam (solitamente le ore 16 del giorno precedente al primo match). Discorso analogo per coloro che riceveranno un invito, la cui accettazione sarà subordinata all’iscrizione nelle quali del Major.

 

CATEGORIE
TAG
Condividi