Janowicz due volte sotto i ferri

Perfettamente riuscita l'operazione al ginocchio del polacco (la terza in meno di due anni e mezzo), il quale ne ha approfittato per farsi sistemare anche un difetto della vista

Janowicz due volte sotto i ferri

Stringere i denti fino a fine calendario e soltanto poi operarsi. Lo aveva detto Jerzy Janowicz, che ci teneva a concludere la stagione dei Challenger indoor prima di tornare ancora una volta sotto i ferri di un chirurgo. Il polacco ha rispettato i patti: conclusa una stagione lontana dalle luci della ribalta, si è sottoposto al terzo intervento al ginocchio sinistro in meno di due anni e mezzo (post-US Open 2015, febbraio 2016 e questa settimana). La speranza è di avere finalmente sanato la lesione al tendine rotuleo, che si trascinava da tempo a causa di una diagnosi errata.

Già che c’era Janowicz ha approfittato della pausa per sistemare anche un altro problema fisico, ovvero il difetto alla vista che lo accompagna da inizio carriera. Niente più lenti a contatto per lui quindi, e chissà se spariranno anche gli occhiali da ciclista che erano diventati un accessorio ricorrente nel suo look. La didascalia dell’ultima foto postata su Instagram, in cui dal letto della clinica solleva raggiante il pollicione, recita: “Il 2018 dev’essere mio! Incrociamo le dita”. Di sicuro adesso sarà più facile per lui avvistare quei grandi tornei che vuole tornare a giocare al più presto.

 

CATEGORIE
TAG
Condividi