Australian Open, play-off: le prime wild card parlano coreano e cinese

La 16enne cinese Xin Yu Wang, numero 6 juniores e esattamente venti anni più piccola di Serena Williams, conquista la wild card tra le donne. Tra gli uomini vince Soonwoo Kwon

Australian Open, play-off: le prime wild card parlano coreano e cinese
Xin Yu Wang

Si sono conclusi oggi, con la vittoria di XinYu Wang nella WTA e di Zhe Li nell’ATP, gli Australian Open 2018 Asia-Pacific Wildcard Play-offla versione aussie delle pre-qualificazioni italiche, che concede una wildcard per il tabellone principale ai vincitori del mini-torneo a 16 giocatori.

Il torneo è aperto, sia nella WTA che nell’ATP, ai giocatori per l’appunto della regione dell’Asia-Pacific: quest’anno erano presenti giocatori dalla Cina, dalla Corea (del Sud, ça va sans dire), dal Giappone, dall’Uzbekistan, da Taiwan, dall’India, e una giocatrice della Papua Nuova Guinea, arrivata tra l’altro in finale. Non sono ammessi giocatori australiani o giocatori provenienti da altri continenti. L’idea dietro il torneo è quello di rimarcare come Melbourne non sia solo il torneo australiano o dell’Oceania, bensì rappresenti lo Slam di casa per tutta quella regione del mondo (all’incirca 4 miliardi di persone).

 

LA WILD CARD FEMMINILE

Nel tabellone femminile, la prima testa di serie era la giapponese Misaki Doi, numero 122 WTA, seguita dalla cinese Jing-Jing Lu, numero 163. Il resto delle giocatrici era fuori dalle 200. Il livello non eccezionale ha quindi fatto sì che ci fossero sorprese: la finale si è giocata tra la cinese appena 16enne Xin Yu Wang, numero 754 WTA (nata lo stesso giorno di Serena Williams, il 26 settembre, però vent’anni più tardi, nel 2001), e la 25enne della Papua Nuova Guinea Abigal Tere-Apisah, numero 333 WTA. Xin Yu Wang ha avuto la meglio su Tere-Apisah in 3 combattuti set (4-6 7-5 6-4). La sedicenne aveva sconfitto la favorita Misaki Doi in semifinale, sempre in tre set, e la quarta testa di serie, la giapponese Miharu Imanishi, nel primo turno.

Wang è numero 6 della classifica mondiale delle juniores, grazie ai successi in Grade A (tra gli juniores gli Slam sono considerati Grade A, insieme ad altri tornei come ad esempio il Bonfiglio) e in due Grade 1 (che seguono i Grade A come importanza). Fra le grandi quest’anno ha giocato otto tornei nel circuito ITF, conquistando la vittoria di maggior rilievo contro la connazionale Xinyun Han, numero 133, nel $100k di Shenzhen del mese scorso. Tere-Apsiah, che è stata a due punti dalla vittoria nel secondo set, sarebbe stata la prima giocatrice delle Papua Nuova Guinea a competere in un torneo dello Slam. 

Il tabellone completo

LA WILD CARD MASCHILE

Fra gli uomini ha vinto invece il sudcoreano Soonwoo Kwon, classe ’97 e numero 168 ATP, sconfiggendo in finale il 31enne cinese Zhe Li – quarta testa di serie e numero 266 ATP, con best ranking al 210 – in due rapidi set (6-1 6-1). Una wild card ottenuta con un percorso decisamente agevole da parte del 20enne coreano, che in semifinale aveva inflitto lo stesso punteggio all’ottava testa di serie, il giapponese Moriya, e ai quarti addirittura aveva beneficiato di un walk over. Per Kwon si tratterà della prima partecipazione a uno Slam, dopo le sconfitte al primo turno di qualificazione degli ultimi due Major (Wimbledon ed US Open 2017). Sarà anche la prima presenza assoluta nel circuito maggiore. Il 2017 è stata un’ottima stagione a livello challenger per il giovane asiatico, che ha raggiunto due finali a Yokohama e Seoul, entrambe sul veloce, anche se entrambe – purtroppo per lui – con esito sfavorevole.

Il tabellone completo

CATEGORIE
TAG
Condividi