WTA Brisbane: maleficio Muguruza, Konta soffre ma va ai quarti

Per la quarta volta su altrettante partecipazioni la spagnola è costretta al ritiro a Brisbane, stavolta per problemi di crampi. La britannica la spunta su Tomljanovic al terzo

WTA Brisbane: maleficio Muguruza, Konta soffre ma va ai quarti

Giornata caratterizzata dagli infortuni che sono risultati determinanti (con esito opposto!) nei 2 match che vedevano in campo la n° 1 del seeding Muguruza (per lei un ennesimo ritiro nel Queensland) e la n° 5 Konta (l’infortunio della sua avversaria le ha dato una grossa mano per aggiuicarsi l’incontro). Ordinaria amministrazione invece per Anastasija Sevastova (tds n°7) che si sbarazza della malcapitata rumena Sorana Cirstea in 57 minuti, mentre Alize Cornet mette sotto l’esperta Mirijana Lucic-Baroni (semifinalista lo scorso anno all’Australian Open), giocando un gran tennis nel primo set e gestendo il ritorno ell’avversaria nel secondo, concluso alla prima occasione utile.

GARBINE E BRISBANE: UNA STORIA TRAGICA – Primo match di giornata nella Pat Rafter Arena tra Garbine Muguruza ed Aleksandra Krunic. La giocatrice serba parte subito fortissimo, ottima al servizio e precisa in risposta, la n°2 del mondo cerca di condurre gli scambi sempre in spinta, strategia che la sua avversaria pare non soffrire, l’intervento di coach Sumyk aiuta la tennista spagnola a cambiare qualcosa ed il match ritorna in equilibrio. Krunic continua ad essere aggressiva (anche con l’allenatrice Elise Tamaela!) ma nel dodicesimo gioco cominciano ad arrivare i set point per Garbine che chiude il primo set solo al settimo tentativo. Nella seconda frazione aumentano gli errori da parte di entrambe le giocatrici, Muguruza aumenta il ritmo ma Krunic non molla, recupera un break e rende nuovamente insicura l’avversaria, nuovo intervento di Sumyk che carica la sua pupilla, break a zero nel settimo gioco e partita apparentemente chiusa. Ma le difficoltà psicologiche della spagnola rimettono tutto in discussione, 2 doppi falli consecutivi ed una volèè tremolante depositata in rete danno la possibilità alla giocatrice serba di risalire e di pareggiare il conto dei set dominando il tiebreak decisivo. Il medical timeout richiesto da Muguruza in avvio di terzo set è il preludio all’esito inaspettato del match, nel corso del quarto gioco la tennista iberica crolla a terra in preda ai crampi ed è costretta ad arrendersi: si tratta del quarto ritiro di Garbine in quattro edizioni del torneo di Brisbane, a questo punto parlare di maledizione potrebbe non essere fuori luogo…

 

JOHANNA SI SALVA – La testa di serie n°5 del torneo Johanna Konta scende in campo nella serata australiana per incontrare Alja Tomljanovic, tennista croata ammessa al torneo con una wild card, più nota per i legami affettivi (il suo boyfriend Nicky Kyrgios con sgargiante maglia smanicata rossa tifava per lei dall’angolo) che per le prestazioni fino ad ora ottenute sul campo (doveroso ricordare i molti infortuni subiti dell’ultimo periodo). In avvio Alja dimostra di non avere timori reverenziali verso la n° 8 mondiale, gioca a tutto braccio e riesce a portare a casa il primo set. Nel secondo Konta riprende in mano la situazione (complice anche un infortunio alla coscia destra per cui Alja deve chiamare un medical timeout) e chiude 6-1 in mezz’ora. Anche nella terza frazione pare che l’inglese abbia il controllo e sul 5-2 va a servire per il match, Tomljanovic però non cede e recupera il break, tiene anche il turno di servizio e mette alle corde Konta che deve annullare 3 palle per il 5 pari prima di chiudere al primo match point ed accedere ai quarti di finale.

Risultati

A. Krunic b. [1] G. Muguruza 5-7 7-6 2-1 rit.
A. Cornet b. M. Lucic-Baroni 6-2 7-5
[7] A. Sevastova b S. Cristea 6-2 6-1
[5] J. Konta b. [WC] A. Tomljanovic 4-6 6-1 6-4

Andrea Franchino

CATEGORIE
TAG
Condividi