ATP Doha: Tsitsipas fa sul serio, fuori l’Italia. A Pune cade Bautista

Berrettini dominato, qualche rimpianto in più per Travaglia che manca un set point. Tsitsipas elimina Gasquet. Passano il turno Thiem e Rublev. In India Cilic non soffre, Simon sorprende Bautista

ATP Doha: Tsitsipas fa sul serio, fuori l’Italia. A Pune cade Bautista
Stefano Travaglia - US Open 2017

Dopo il due su tre di ieri, è arrivato un secco stop per gli italiani impegnati a Doha (Qatar). Fuori sia Berrettini che Travaglia. A Thiem bastano due zampate, Rublev vince un match non banale contro Verdasco. Stefanos Tsitsipas è già grande ed elimina Gasquet. A Pune (India) si sgretola la terza testa di serie Bautista Agut sotto i colpi di Simon. Avanti Cilic.

DOHA: ITALIA AL PALO, VOLANO RUBLEV E CORIC. TSITSIPAS FA FUORI GASQUET

Matteo mai in partita, Stefano dura un set – Dopo la bella affermazione di ieri, Matteo Berrettini incappa in una sonora sconfitta contro Peter Gojowczyk, numero 60 del mondo, con un doppio 6-2. L’azzurro nulla ha potuto, sovrastato sia al servizio che in risposta, dove non è mai arrivato a palla break. Rimangono come risposte positive di questa settimana a Doha le qualificazioni superate e la prima vittoria in un circuito ATP, sperando che il proseguo della stagione possa dare ulteriori conferme dei miglioramenti del giovane giocatore romano. Qualche rammarico in più per Stefano Travaglia. Il marchigiano, anche lui partito dalle qualificazioni, fa partita alla pari con Guido Pella, numero 64 delle classifiche mondiali, anzi l’occasione è ghiotta quando con il servizio a disposizione sul 6-5 non sfrutta un set point che magari avrebbe cambiato il corso del match; purtroppo per lui Pella si salva, vincendo poi il tie-break. Nella seconda frazione l’argentino prende il largo, strappando per ben due volte la battuta al nostro connazionale, che vale dunque il 6-3 finale. Ai quarti di finale sfiderà Basic.

 

Avanza Rublev, Thiem quanto basta – Il ventenne di Mosca si aggiudica il serrato confronto con il neo sposo Fernando Verdasco, numero 7 del seeding e semifinalista nella passata edizione del torneo. Prima di questo match tra i due vi erano due precedenti con il bilancio in parità (ultimo confronto giocato pochi mesi fa a Bercy e vinto dallo spagnolo). Andrey Rublev per ben due volte recupera un break di svantaggio nel primo set, mettendo la freccia nel decimo game che gli vale il 6-4. Nella seconda partita, dal 2 pari, Verdasco cambia marcia e si aggiudica il parziale per 6-3; il giovane Next-Gen non si disunisce nel set decisivo: sul 3 pari sfrutta una palla break e nel decimo gioco cancella due palle break, salvandosi col servizio e potendo alzare le braccia al cielo dopo il 6-4 della terza frazione, che vale la qualificazione ai quarti di finale. Avanza il numero 1 del seeding Dominic Thiem. L’austriaco si sbarazza in due set di Aljaz Bedene con il punteggio di 7-5 6-4. In entrambi i parziali Thiem ha faticato, come spesso accaduto nel suo 2017, trovando il guizzo vincente in chiusura che gli permettono di accedere ai quarti di finale. Tra i due giocatori vi era un solo precedente disputato nel 2015 al Roland garros e vinto dall’attuale numero 5 ATP.

Spettacolo Tsitsipas, out Gasquet – Grande prova per Stefanos Tsistipas che a 19 anni elimina dal torneo del Qatar la quinta testa di serie del torneo Richard Gasquet in chiusura di programma. Il greco ha mostrato tutto il repertorio peraltro molto completo e ha chiuso grazie a un break per set, nel sesto gioco del primo set e nel settimo del secondo. Affronterà domani ai quarti la prima testa di serie del torneo, Dominic Thiem. Si tratta del suo secondo quarto di finale a livello ATP dopo quello raggiunto ad Anversa nello scorso mese di ottobre.

Gli altri incontri – Continua la marcia di Mirza Basic. Il nativo di Sarajevo sorprende in due set Feliciano Lopez, tds 8, con il punteggio di 6-4 7-6 e come già detto sfiderà Pella. Dopo la maratona di ieri, vittoria più agevole per Borna Coric contro Nikoloz Basilashvili con il punteggio di 6-1 6-3 e primo successo per il croato negli scontri diretti, dopo che nei due precedenti era uscito dal campo sempre sconfitto. Nei quarti di finale se la vedrà con Rublev. Un’altra vittoria in tre set per Gael Monfils. Il francese estromette dal torneo Jan-Lennard Struff con una prestazione simile al match vinto ieri contro Lorenzi: primo set rapido conquistato per 6-3, poi il calo vistoso che gli costa il 6-1 che rimette in discussione la qualificazione, ma nel terzo ritrova i suoi colpi, certificando la qualificazione con un altro 6-3 che lo proietta nei quarti di finale in un torneo in cui è stato finalista per ben tre volte (2006, 2012 e 2014). Monfils scenderà in campo domani contro Gojowczyk.

Michele Trabace


PUNE: SIMON VINCE LA SFIDA TRA ‘RAGIONIERI’, OK CILIC

Nella giornata del torneo di Pune che dismette i panni del challenger a favore di una programmazione più consona ad un ATP 250, l’unica sorpresa è rappresentata dalla vittoria di Simon su Bautista. Il primo, crollato al n. 89 del seeding ma in vantaggio 3-1 nei confronti con lo spagnolo, conduce in testa l’intero incontro per chiudere in due set. Lo spagnolo, che a livello di espressione tecnica e tenuta atletica non si è sicuramente giovato della partecipazione all’esibizione di Abu Dhabi, è stato sempre chiamato a rincorrere l’avversario. È accaduto nel primo set che è stato deciso da un solo break con il francese che nel proprio turno di battuta non ha mai corso rischi eccessivi. Ed il copione si è ripetuto anche nel secondo set nel corso del quale Bautista ha prodotto il massimo sforzo per recuperare due break dall’1-4 ma non è stato in grado di riequilibrare la partita cedendo nel tie-break a 5.

Negli altri incontri non si segnalano ulteriori sorprese con le teste di serie hanno guadagnato il terzo turno: poco impegnativi gli incontri di Cilic (tds n.1) contro uno dei due indiani oggi in gara, Ramanathan, e Anderson (tds n.2 che si è avvantaggiato del ritiro di Monteiro con il match dalla propria parte), mentre Haase (tds n.5) e Herbert (tds n.8) sono stati costretti al terzo set dal cileno Jarry e dal più quotato dei giocatori di casa Bhambri. Il match con maggior pathos ha visto protagonista Paire (tds n.4) che è stato chiamato ad annullare due match point consecutivi nel tie break del terzo set all’ungherese Fucsovics.

Accedono ai quarti anche Kukushkin e Ojeda Lara che si aggiudica il match tra qualificati con Ivashka.

Pierluigi Maienza

Risultati:

DOHA

B. Coric b. N. Basilashvili 6-1 6-3
M. Basic b. [8] F. Lopez 6-4 7-6(2)
A. Rublev b. [7] F. Verdasco 6-4 3-6 6-4
P. Gojowczyk b. [Q] M. Berrettini 6-2 6-2
[1] D. Thiem b. A. Bedene 7-5 6-4
G. Pella b. S. Travaglia 7-6(4) 6-3
[WC] G. Monfils b. J-L. Struff 6-3 1-6 6-3
[Q] S. Tsitsipas b. [5] R. Gasquet 6-3 6-4

PUNE

[4] B. Paire b. M. Fucscovics 6-4 6-7(4) 7-6(6)
[8] P-H. Herbert b. Y. Bhambri 4-6 6-3 6-4
R. Haase b. N. Jarry 3-6 7-6(5) 7-5
G. Simon b. [3] R. Bautista Agut 6-3 7-6(5)
[7] M. Kukushkin b. L. Djere 7-5 7-6(5)
[1] M. Cilic b. R. Ramanathan 6-4 6-3
L. R. Ojeda b. I. Ivashka 6-4 6-4
[2] K. Anderson b. T. Monteiro 7-6(4) 3-2 RIT.

CATEGORIE
TAG
Condividi