Australian Open: splendido Roger Federer, via col Venti

MELBOURNE - Roger Federer vince il 20esimo Slam della sua incredibile carriera. Battuto in cinque set Marin Cilic

Australian Open: splendido Roger Federer, via col Venti
Roger Federer - Australian Open (@RDO foto)

 

Ancora clamoroso Roger! L’impresa Slam numero 20 del fuoriclasse svizzero scrive una pagina di storia che difficilmente potrà essere superata. Si sono visti in campo momenti di Federer sopraffino e momenti di Federer più umano, vittima dei naturali cali atletici dell’età. A inizio partita il suo braccio sembrava fendere l’aria con la rapidità dei giorni migliori, poi sono arrivate le difficoltà che hanno permesso a Cilic di prendersi il secondo e il quarto set, fino a lasciar sospettare che il quinto e decisivo parziale potesse essere davvero una battaglia. Non è stato così: Roger Federer ha dominato l’ultimo set, e dopo 3 ore e 3 minuti di lotta ha vinto il sesto Australian Open e il suo 20esimo Slam. 


[2] R. Federer b. [6] M. Cilic 6-2 6-7(5) 6-3 3-6 6-1 (dal nostro inviato a Melbourne)

Siamo dunque arrivati alla fine anche di questo Australian Open. In campo per l’atto conclusivo del singolare maschile, lo svizzero Roger Federer (36 anni, 2 ATP) e il croato Marin Cilic (29 anni, 6 ATP). Per Roger è la finale Slam numero 30, di cui 19 vinte (qui l’elenco con la descrizione di ogni match), per Marin è la terza, una vittoria allo US Open 2014 (su Kei Nishikori) e una sconfitta a Wimbledon 2017 (da Federer). I precedenti sono 8-1 in favore dello svizzero. La serata è molto calda, la Rod Laver Arena è gremita, non c’è un posto libero, il pubblico è entusiasta, l’atmosfera è veramente piacevole. Si gioca con il tetto chiuso, in effetti il caldo è insopportabile all’aperto: 38 gradi, la heat policy impone prudenza.

FULMINANTE ROGER – Primo game, al servizio Cilic, subito Roger entra cattivo con la risposta di rovescio da destra, palla break, ma Hawk-eye salva il croato a cui era stato chiamato fuori un diagonale. Si rigioca il punto, e su un pallonetto altissimo dello svizzero Marin affonda malamente lo smash: 1-0 Federer, che poi tiene con autorità la battuta. Bello un dritto in controbalzo, 2-0, grande avvio per lui. Continua a spingere alla grande con la risposta Roger, Cilic in evidente difficoltà cambia la racchetta, il pubblico mormora, ma arrivano altre tre palle break per Federer. Sulla seconda Marin commette un altro erroraccio di rovescio, siamo 3-0 con doppio break, sono passati pochi minuti e il primo set sembra già avere un padrone. Uno scambio di pura potenza sulla diagonale di dritto conquistato da Roger, a velocità di braccio e palla incredibili, provoca gli “oooh” della folla, e arriva il 4-0. 16 punti a 4 finora, il proverbiale avvio shock per Cilic. Quando Marin tiene il primo game di servizio gli applausi di incoraggiamento sono fragorosi, la gente può amare Federer quanto si vuole, ma se hai pagato centinaia di dollari (come minimo) per essere qui, vuoi una partita. Roger pare di diverso avviso, e chiude in scioltezza 6-2. 26 punti a 13, il doppio esatto, non servono altre statistiche.

REAZIONE MARIN – Giustamente, Cilic reagisce a inizio secondo set, conquistando con un gran rovescio lungolinea due palle break, le prime per lui, nel secondo game. Ma il servizio e il dritto dello svizzero gliele cancellano, ottimo Federer nel piccolo momento di difficoltà. Nel game successivo, risalendo da 40-15 sotto, Roger va a palla break, bravo qui Marin a stampare l’ace esterno. Sta salendo almeno con il rendimento al servizio, il croato, per il resto non sembra avere armi per far male all’avversario. Ci mette 16 punti in tutto Cilic a tenere la battuta e andare 2-1, che fatica contenere questo Federer, che lo raggiunge sul 2-2 in un attimo. Una rispostona lungolinea di dritto di Federer lo manda ancora a palla break poco dopo, è il servizio a tenere a galla Marin, ma sta rischiando tantissimo, siamo 3-2. Se l’unico modo per non farsi costantemente aggredire è tirare a 210 kmh senza sbagliare mai, la faccenda è preoccupante. Finchè ci riesce, il croato rimane lì col punteggio, bravo lui a rifiutarsi di uscire dal match, siamo 4-3 in suo favore. Roger esce spesso vincitore anche dagli scambi in pressione violenta, manovra in controbalzo da maestro, e due game dopo ha di nuovo palla break dopo un bel passante di rovescio. L’ace con la seconda palla di Marin che la annulla è significativo di quanto il croato debba tirare tutto al limite solo per fare match pari, ma è ammirevole il modo in cui lotta, 5-4 per lui. La sua tenacia viene premiata: due doppi falli Federer, e set-point Cilic, ma il rovescio in rete lo fa sfumare. Se ne va un’occasione forse irripetibile, siamo 5-5. Pochi minuti dopo, eccoci al tie-break. Sul 2-2, minibreak per Roger con una gran combinazione rovescio in cross e dritto in contropiede, ma una fulminante legnata in risposta di Marin rimette le cose a posto, 3-3. Buon livello adesso, ed emozioni assicurate. Quando un’altra risposta di rovescio di Cilic, seguita dal drittone, lo porta ad altri due set point, l’arena trattiene il fiato. Il primo viene annullato col servizio da Roger, lo smash di Cilic trasforma il secondo, 7-5, e siamo un set pari. Bravissimo Cilic, grinta e testa lo hanno premiato, adesso è tutta da giocare. 

UN FEDERER ATTENTO – Il terzo set inizia in modo equilibrato, finalmente Marin fa viaggiare bene i suoi colpi, Federer sembra aver accusato un po’ la reazione dell’avversario, si procede testa a testa fino al 3-2. In particolare, Cilic sta trovando il tempo nelle risposte, azzeccandone anche diverse vincenti dirette. Ma tirando tutto senza margine, si corre sempre il rischio di andare fuorigiri e commettere errori anche in serie: nel sesto game, accade questo, e la conseguenza sono tre palle break consecutive per Federer. Una gran risposta di dritto nella seconda occasione fa esplodere la Rod Laver Arena, siamo 4-2 per Roger, e in un attimo 5-2. Poco dopo, sul 5-3, un chirurgico Federer mette quattro prime palle, e chiude i terzo set con un ace, 6-3. Con il Cilic visto dal secondo set in poi bisogna stare bene attenti, e lo svizzero è stato il primo ad accorgersene.

CILIC NON MOLLA MAI – Continua a fare molta attenzione Roger anche a inizio quarto set, corre e anticipa senza cali di intensità come nel secondo parziale. Approfitta di un paio di errori di Marin, brekka al primo game, tiene per il 2-0, incassa il doppio fallo del croato e una palla del secondo break. Si scuote Cilic, si salva tirando a tutto braccio, e accorcia sul 2-1. Poteva già compromettere tutto, gli è andata bene. Federer sta nuovamente salendo di livello, il campanello d’allarme del secondo parziale lo ha ben stimolato. Si vedono belle discese a rete, una gran palla corta, un paio di super-dritti. Ma anche diverse risposte d’incontro spaventose da parte di Marin, che nel sesto game arriva a 0-40, e tre palle del contro-break. Con un bel dritto diagonale trasforma la prima, e siamo 3-3, bravissimo. Nel game successivo, di nuovo nei guai Cilic al servizio, palla break, ma ancora la battuta e la spinta da fondo lo traggono d’impaccio, le occasioni sono tante da entrambe le parti adesso, siamo 4-3 per il croato. Che continua a rischiare tutto su ogni palla, e va a prendersi il 15-40 sul servizio di Roger: due rovesci falliti annullano le due pericolosissime palle break. Poi uno scambio fantastico da fondo vinto da Marin con dritto vincente, ace di seconda di Federer, risposta vincente di Cilic, vediamo di tutto in questa fase. Da fondo Marin è un muro, e arriva la terza palla break: dritto vincente in avanzamento, ed è 5-3, la partita adesso è bellissima. Un dato spicca in negativo: meno del 40% di prime palle in campo per Roger in questo set. Il croato ringrazia, tiene a zero la battuta, 6-3, ed è quinto e decisivo set. E dire che all’inizio si temeva di non avere spettacolo.

TRIONFO STORICO – Il quinto set è una lotta su ogni punto fin dall’inizio, i giocatori danno tutto; nel primo game Cilic fallisce di dritto una palla break cruciale, nel corso del successivo un doppio fallo e un errore di dritto del croato consegnano il break a Federer. Adesso lo stadio è una bolgia, il tifo è per lo svizzero, ma l’ammirazione per il croato e la sua grinta si sente bene dagli applausi che gli vengono tributati. Roger sale 3-0 tenendo ai vantaggi un delicatissimo game di servizio, poi conserva il vantaggio fino al 4-1. Sono salite le percentuali di prime palle in campo di Federer, se ne vedono i risultati nel punteggio. Sale il grido “let’s go Roger, let’s go!“, ora c’è un’ovazione a ogni 15 fatto dallo svizzero. Un dritto fallito in larghezza da Cilic porta due palle per il secondo break in favore di Roger, è come fossero match-point a questo punto, un altro dritto di Marin che si spegne sotto il nastro manda Federer a servire sul 5-1. La gente è come impazzita intorno alla tribuna stampa. Un minuto dopo, è Storia che si realizza davanti ai nostri occhi: risposta in rete di Cilic, challenge sul servizio, ed è il freddo responso di una macchina elettronica che consegna il titolo Slam numero venti a un giocatore che non è più possibile descrivere. Si può solo essergli grati, con l’orgoglio di chi ha avuto il privilegio di essere testimone diretto di qualcosa che probabilmente non verrà più visto da nessun altro. Grazie Roger. 20 titoli Slam, lo riscrivo per essere certo che sia vero. E lo è eccome.

Raggiunti a quota 6 Australian Open Novak Djokovic e Roy Emerson (che in effetti però vinse i campionati australiani, non erano Open all’epoca), insieme a Ken Rosewall è diventato l’unico a vincere 3 Slam dopo i 35 anni. Roba per pochi, roba da leggende.

 


Verso la finale: 

È successo nel Day 13:

CATEGORIE
TAG
Condividi