Coppa Davis: Croazia, Germania e Belgio sul 2-1. Kazaki ai quarti

Cilic/Dodig rimontano 2 set a Nestor/Pospisil. Puetz/Struff sorprendono Ebden/Peers. Il Kazakistan chiude i conti con la Svizzera, l'Ungheria (grande Balazs) li riapre col Belgio

Coppa Davis: Croazia, Germania e Belgio sul 2-1. Kazaki ai quarti

COPPA DAVIS, Ottavi di finale

CROAZIA-CANADA 2-1 (dal nostro inviato ad Osijek Ilvio Vidovich)

 

M. Cilic/I. Dodig b. D. Nestor/V. Pospisil 2-6 3-6 6-4 7-5 6-2

“Oggi è la nostra festa, oggi si beve vino”.
Festeggiano così, intonando il ritornello di una tipica canzone di queste parti, i tifosi croati, subito dopo l’ultimo punto del match che consegna alla squadra di casa la vittoria nel doppio. Cantano e probabilmente dopo berranno sul serio (in sala stampa i giornalisti croati una bottiglia l’hanno aperta, per poi nasconderla con garbo quando sono arrivati la coppia canadese ed il ct Dancevic per la conferenza stampa), perché la paura è stata tanta: Cilic e Dodig si sono trovati sotto di due set e di un break nel terzo contro la coppia canadese Nestor/Pospisil, che fino a quel momento stava giocando un match praticamente perfetto, prima di iniziare la rimonta che li ha portati a trionfare al quinto set.

Per la prima ora e mezza infatti non c’è stata storia. Sarà stato che le condizioni meteorologiche di Osijek sembravano quelle di casa loro, vista la neve che da stamattina cade copiosamente sulla cittadina croata, sta di fatto che la coppia canadese si trova subito che è una meraviglia sul campo in terra rossa posato sul parquet del palazzetto “Gradski Vrt”. Chi invece non si trova per niente a suo agio e fa, in negativo, la differenza è Marin Cilic: lento e macchinoso, il tennista croato per un’ora abbondante sembra proprio che debba ancora smaltire il jet leg e non riesce ad entrare in partita. Dall’altra parte della rete, come dicevamo, Nestor e Pospisil fanno vedere come si deve giocare il doppio: variano la battuta, rispondono basso, a rete sono ineccepibili. Cosa quest’ultima che invece non si può dire del n. 3 del mondo, che proprio con due errori a rete consegna il primo break dell’incontro nel terzo game, sul servizio del suo compagno. Dodig cerca di tamponare l’emorragia rendendosi conto che il suo compaesano (sono entrambi nativi di Medjugorje) deve ancora entrare in partita, ma con il passare dei minuti, nel tentativo di fare più del dovuto, finisce anche lui per perdersi un po’. Altro break nel quinto gioco per un parziale di 4-0 che indirizza la prima frazione. Nonostante un attimo di rilassatezza che permette ai croati di arrivare alla prima palla break, poco dopo è 6-2 Canada, siglato da un ace di Nestor.

La trama del secondo set non si discosta da quella del primo parziale, se non per il fatto che i canadesi salgono ulteriormente di livello, entusiasmando il gruppetto dei loro connazionali – che anche se in pochi rispetto ai quasi tremila croati, continuano a fare un baccano incredibile – e il loro compagno di squadra Shapovalov, che è praticamente sempre in piedi tra un punto e l’altro. Esattamente come nel primo set, nel terzo game c’è il break sul servizio di Dodig. Stavolta sul 3-1 Canada Cilic tiene il servizio, ma una fantastica risposta vincente di Pospisil su una sua prima fa capire che in questo momento non c’è proprio partita, il Canada è evidentemente superiore. Cilic si prende un “toilet break” e Dodig mentre lo aspetta un po’ sconsolato discute con i suoi compagni di squadra in panchina, ma se l’intento era quello di girare l’inerzia del match non lo ha fatto capire a Pospisil che nel game successivo piazza 3 ace e continua a giocare in maniera impeccabile. Nestor nasce jugoslavo (si trasferì dalla Serbia in Canada col la famiglia nel 1976, quando aveva quattro anni) e forse inconsciamente vuole aiutare lui i suoi ex connazionali in difficoltà quando centra il partner con la prima di servizio poco dopo. Ma neanche questo ferma il 27enne di Vernon che subito chiude un punto con una stupenda volée di rovescio. A giudicare invece da come gioca il game successivo, il desiderio inconscio di Nestor era quello di essere il protagonista principale, dato che con una incredibile volée di riflesso e due stupende risposte al servizio di Cilic, è lui a sigillare il 6-3 Canada del secondo set.

Quando dieci minuti dopo i due canadesi giocano l’ennesimo sontuoso game alla risposta e strappano per la seconda volta consecutiva il servizio a Cilic, che era sul 40-0, neanche i due tifosi croati che continuano a battere i loro tamburi ci sperano più. Le espressioni sui volti dei tifosi croati al cambio campo, sul 4-1 Canada, rivelano tutta la loro delusione. E invece comincia, inaspettatamente, un’altra partita. Nestor e Pospisil si rilassano un pochettino e quel poco è sufficiente, perché dall’altra parte all’improvviso Marin Cilic si ricorda di aver messo in difficoltà Sua Maestà Roger Federer neanche una settimana fa, si sveglia dal suo torpore ed inizia a rispondere come sa. Dodig, da esperto doppista, fiuta subito che il vento sta cambiando e ci mette del suo con un paio di lob al bacio che sorprendono i due avversari a rete. Insomma, la Croazia si riprende subito il break (“Qui è cambiato il match” dirà uno sconsolato Pospisil in conferenza stampa) e lo bissa subito dopo: cinque game di fila ed è 6-4 Croazia. Veramente inimmaginabile solo un quarto d’ora prima.

Ora il Gradski Vrt è una bolgia. I canadesi non mollano e cercano di rimanere aggrappati con tutte le loro forze al match. Pospisil si prende anche un warning nel terzo game per proteste, ma riesce a portare a casa comunque il servizio al termine di un gioco combattutissimo. L’atmosfera però non si surriscalda più del dovuto: lo stesso Pospisil al termine del game sorride verso Shapovalov e Polansky in panchina e fa capire che tutto è finito lì. Si procede con tutti i giocatori che tengono il proprio servizio, ma si capisce che l’inerzia è dalla parte croata. Le risposte di Cilic fanno sempre più male (ad un certo punto ne ha messo una larga di un soffio, su una seconda di Pospisil, che ad occhio nudo chi scrive ha fatto fatica a vedere) e permettono a Dodig di rendersi protagonista a rete, mentre la coppa nordamericana sbaglia qualche colpo che fino a mezz’ora prima non si sognava di sbagliare. Si percepisce nell’aria che è solo questione di tempo ed infatti all’undicesimo game ecco puntuale il break croato che fa esplodere di gioia il pubblico di casa. E Dodig a seguire con un ace sigla il 7-5 Croazia che porta la sfida al quinto set.

Il parziale decisivo parte con i giocatori che tengono la battuta nei primo giro di servizi. Ma è ormai evidente che il match è ora in mano alla coppia di casa. Cilic e Dodig sono carichi, si incitano ad ogni punto, mentre i canadesi continuano lentamente, ma inesorabilmente, a calare di livello. Soprattutto è il loro servizio a fare sempre meno male e un po’ anche i 45 anni di Nestor, dopo più di tre ore di gioco, si fanno sentire. Ma c’è da dare merito ai croati: Marin adesso si muove benissimo e la conseguenza è che è ingiocabile alla risposta e da fondo. Dodig, che ad ogni punto incita il pubblico, non è da meno dalla parte del rovescio. Ed infatti il break del 3-2 si materializza grazie a due risposte lungolinea fotocopia – una di dritto e una di rovescio – dei due croati. La partita si chiude di fatto qui, i canadesi alzano bandiera bianca e anche Shapovalov non si alza più dalla panchina. Inesorabile arriva poco dopo un altro break e a seguire Dodig tiene il servizio che mette la parola fine al match: 6-2 Croazia. Che ora diventa la logica favorita del tie, considerando che potrà schierare eventualmente nel quinto match Marin Cilic.


AUSTRALIA-GERMANIA 1-2 (Andrea Franchino)

T. Puetz/J.L. Struff b. M. Ebden/J. Peers 6-4 6-7(1) 6-2 6-7(4) 6-4

Quando si sente parlare di modifiche al regolamento della Davis viene da domandarsi se chi le propone ha mai assistito ad un doppio di Davis…. Si vedono giocatori che diventano dei giganti, che trovano capacità ed energia in modo inspiegabile, che rovesciano risultati che apparivano già scritti. Come anticipato ieri la Germania aveva l’obbligo di vincere per consentire al suo n.1 Alexander Zverev di giocare il singolare di domani contro Kyrgios con la consapevolezza di poter chiudere la sfida con l’Australia. Si era vociferato della presenza del medesimo Zverev in campo per rinforzare il doppio teutonico, invece il capitano Kohlmann ha voluto schierare lo sconfitto di ieri Struff con Tim Puetz per affrontare la collaudata coppia Peers-Ebden e cercare di portare l’incontro sul 2-1.

Per quanto si è visto in campo, mai scelta è stata più azzeccata, i tedeschi partono decisi e conquistano il primo set grazie ad un break al settimo gioco. Secondo set per gli australiani al tie break, terzo set segnato dai 2 doppi falli al sesto gioco che hanno concesso il break a Struff/Puetz che hanno poi vinto la frazione per 6-2, quarto set chiuso al tie break da Peers-Ebden. Nel set decisivo tutto si risolve nel settimo gioco, quando i tedeschi ottengono 3 palle break consecutive, reazione australiana che le annulla tutte, ma sulla successiva occasione Struff esplode una risposta che consente alla sua nazionale di avvantaggiarsi e concludere poi la contesa con il punteggio di 6-4 grazie ad un perfetto turno di servizio di Puetz, vero uomo match. Domani tutte le speranze aussie saranno riposte nelle indubbie doti di Nick Kyrgios, chiamato all’impresa di sconfiggere il numero 5 delle classifiche mondiale Zverev per mandare la sfida al quinto incontro e continuare a sperare.


BELGIO-UNGHERIA 2-1 (Ruggero Canevazzi)

A. Balazs/M. Fucsovics b. R. Bemelmans/J. De Loore 6-3 6-4 6-7(2) 4-6 7-5

Una partita infinita, tecnicamente povera ma emotivamente infuocata, come da classico copione di Coppa Davis. Che dimostrerà tutti i suoi anni, ma continua a regalare grande spettacolo. Dopo 4 ore e 10 minuti un’indomita Ungheria riapre la sfida, dopo essere scappata avanti due set a zero e poi venire ripresa sul 2 pari, prima di un quinto set caratterizzato da tensione ed equilibrio. Ruben Bemelmans e Joris de Loore ce l’hanno messa tutta, dopo una prima parte decisamente fallosa e opaca, a chiudere la pratica oggi, ma si sono dovuti inchinare all’efficacia a rete di Marton Fucsovics e soprattutto all’eroe per un giorno Attila Balazs, strepitoso dal fondo per sagacia tattica, trascinatore dei rumorosi e pittoreschi supporter ungheresi e autore di alcune giocate superbe, soprattutto i lob di rovescio tagliato. Tutto rimandato a domani.

Non c’è il tutto esaurito oggi pomeriggio alla Country Hall di Sart-Tilman, provincia di Liegi (come scritto sul veloce indoor del palazzetto), evidentemente i belgi pensano che il tie sia già vinto ma si sbagliano. I tifosi ospiti sono in netta minoranza, visibili nell’unico spicchio verde – in un palazzetto a forti tinte rosse – alle spalle della loro panchina, ma estremamente variopinti (superbo l’improbabile copricapo da gallo biancorossoverde di un attempato supporter, che fa quasi passare inosservata la generosa parrucca tricolore del suo pingue compagno di scorribande). Nel primo set, sul break per loro del 3-1 e servizio, suggellato da una gran risposta incrociata di Balazs, sale il classico coro magiaro Ria-Ria-Hungaria!. Basta questo agli ospiti per vincere il primo set dopo aver annullato due palle del contro break sul 4-2, mentre nel secondo il break ungherese arriva in apertura, al termine di un game spettacolare chiuso prima da una gran volèe di dritto di De Looore (sul 15-40) e poi da un punto da badminton, con prima Fucsovizs e poi Balazs che indovinano due lob difensivi davvero formidabili. La torcida belga ad ogni cambio scandisce il ritmo rullando i numerosi tamburi e intonando Belgium, Belgium, ma l’unica palla break che si vede è a favore degli ospiti sul 4-3 30-40, prima che il n.1 magiaro Fucsovics, unico in campo nei primi 100 ATP – è il n.63 – esattamente come nel primo set, chiuda sicuro al servizio: 6-4 6-4 Ungheria.

Sembra andare tutto per il verso giusto agli ungheresi, che anche nel terzo parziale strappano il servizio agli avversari al quinto gioco, con Balazs autore di una risposta molto fortunosa che si trasforma nell’ennesimo lob vincente (ma subito prima Bemelmans aveva malamente sparacchiato a rete una volèe in avanzamento). Qui però i belgi trovano due ottime risposte consecutive sul 15-30 per costruirsi l’immediato contro break, fino al tie-break dove non sbagliano nulla, a differenza degli avversari, e chiudono 7-2 con una pregevole veronica di rovescio di De Loore. Sul 2-1 1 pari del quarto set scorgiamo l’agghiacciante mascotte di casa: una tifosa molto in là con gli anni che si alza in piedi e batte le mani, agghindata con un panama tricolore belga e una T-shirt rossa con stella centrale cerchiata di nero che fa molto revolución: per un attimo la fredda Liegi si trasforma nell’assolata Havana…  Il match segue i servizi fino al 4 pari, ma i belgi sono molto cresciuti, riducendo al minimo i gratuiti e sfruttano con un una gran risposta di dritto di De Loore l’unica palla break fin qui concessa dagli avversari, prima di agganciarli sul 2 set pari annullando due palle del controbreak ungherese.

Il quinto e decisivo set vede break ungherese e controbreak belga, fino al 5-4 Ungheria, quando una gran risposta di dritto di Fucsovics dà due match-point annullati dai belgi. La Country Hall esplode credendo nella vittoria, ma due giochi più tardi la coppia magiara scappa 0-40 e al quinto match-point un colpo al volo del n.1 ungherese rimanda il verdetto a domani.


KAZAKHSTAN-SVIZZERA 3-0 (Paolo Di Lorito)

T. Khabibulin/A. Nedovyesov b. M. Huesler/L. Margaroli 6-4 6-4 3-6 6-7(5) 6-3

La più quotata coppia svizzera composta da Luca Margaroli e Marc-Andrea Huesler (rispettivamente numero 161 e 324 del mondo in doppio) è stata sconfitta dal duo di casa formato da Timur Khabibulin e Aleksandr Nedovyesov (numeri 274 e 326). Il leader della coppia giallo-azzurra è indiscutibilmente Nedovyesov, che compirà 31 anni questo mese e oggi ha disputato il suo ottavo match di doppio in Davis, mentre per il suo compagno di squadra 22enne è solamente il secondo. Il supporto del pubblico di Astana è stato così insistente che all’inizio dell’incontro più volte i giocatori rosso-crociati si sono diretti sotto il seggiolone dell’arbitro per scambiare qualche parola con lui, e anche Severin Luthi ha passato parecchio tempo a confabulare col supervisor. Risultato: annunci dagli alto-parlanti in lingua russa prontamente fischiati dai presenti.

Il match inizia subito bene per la nazione asiatica e con l’aggressività di Nedovyesov (il serve-and-volley è una costante per lui) e l’esplosività fisica di Khabibulin riescono a far loro il primo set. Nel secondo parziale c’è una partenza lampo del duo svizzero che sale prepotentemente 3-0 ma la coppia kazaka, facendo ancora una volta leva sul sostegno del pubblico risale alla grande e con 5 game consecutivi chiude con un’altro 6-4. Gli svizzeri riescono finalmente a prendere le misure dei loro avversari e se riescono ad accorciare le distanze con relativa facilità, per pareggiare i conti devono sudare molto di più. Il quarto set si chiude al tie-break e per poco Margaroli e Huesler non restano beffati: chiudono 7-5 ma si sono visti annullare ben 4 set point consecutivi. Nel set decisivo i kazaki riprendono le redini del gioco e la distanza dalla rete torna a ridursi: gran parte degli scambi si svolgono al volo e spesso sono i tennisti di casa a conquistarli. Gli svizzeri cedono all’unisono e si fanno brekkare due volte consecutivamente; dopo poco meno di 3 ore e mezza si chiude il match con la vittoria meritata del team capitanata da Dias Doskarayev. Il Kazakhstan giunge ai quarti di finale per la quinta volta dal 2010 – quando è entrata nel gruppo principale – e per oltrepassare questo scoglio mai superato prima affronterà la vincente di Croazia-Canada, mentre con questa sconfitta il team svizzero, orfano da 3 anni di Federer e Wawrinka, è costretta per il quarto anno consecutivo a giocare i play-off per restare nel World Group.

CATEGORIE
TAG
Condividi