ATP Challenger Bergamo: Zopp, un estone in mezzo agli italiani

Flash

ATP Challenger Bergamo: Zopp, un estone in mezzo agli italiani

Bergamo non aveva mai portato così fortuna all’Italia: 3 azzurri in semi. L’unico straniero è Jurgen Zopp. Sfiderà Berrettini. Nell’altra semi, derby tra Sonego e Napolitano

Pubblicato

il

 
 

Ci saranno tre giocatori italiani in semifinale al Trofeo Perrel-Faip di Bergamo (64.000€, Greenset). Era da parecchio che l’Italia non dominava in modo così dirompente. L’unico giocatore in grado di rovinare la festa tricolore viene da un paese che trent’anni fa non esisteva. L’Estonia faceva parte della vecchia Unione Sovietica, ma cultura e abitudini sono più vicine alla Scandinavia. Non a caso, Jurgen Zopp è allenato da un tecnico finlandese (Kimi Tiilikainen, che peraltro ha preso il posto dell’altro finlandese Pasi Virtanen) e – interrogato sulle rivalità del suo paese – indica la Russia e non le altre due repubbliche baltiche. Nato nel 1988, aveva tre anni quando l’Estonia ha ritrovato la sua indipendenza dopo mezzo secolo di occupazione. Una volta arrivato al numero 71 ATP, tuttavia, è stato travolto da un grave infortunio alla schiena. “Sono stato fermo sette mesi, poi ho giocato a intermittenza per cinque e mi sono dovuto fermare altri sei – racconta Zopp dopo il 6-4 7-5 contro Adam Pavlasek – la mia miglior classifica dopo l’infortunio è stata intorno al 130 a fine 2015. Poi ho trascorso molto tempo tra il 170 e il 200, fino a quando un infortunio mi aveva messo in difficoltà e fatto scendere fino alla 500esima posizione. Adesso va molto meglio”. Talmente meglio che è in semifinale a Bergamo al termine di un match che sembrava di routine, poi si è complicato nel finale. Lo ha chiuso con un matchpoint molto spettacolare, al punto da inginocchiarsi sul Greenset dopo l’ultimo smash: “Non so perché l’ho fatto, in quel momento ho avvertito un grande sollievo – racconta – ammetto che è stato un po’ strano, di solito si fa così quando si vince uno Slam, invece ho raccolto solo la semifinale di un Challenger. Forse è stato troppo ma ero molto teso, ero avanti 6-4 4-2 e non ho chiuso il match. A quel punto è diventata dura, inoltre la dinamica del matchpoint mi ha portato a reagire così”.

Jurgen Zopp – ATP Challenger Bergamo (foto Antonio Milesi)

QUELLA POLEMICA IN ESTONIA – Dotato di due fondamentali molto potenti, ha già dimostrato di poter giocare bene ad alti livelli. Ma a Bergamo avrà il tifo contro ed è ancora più solo, poiché Tiilikainen non è con lui. “Normalmente viaggia con me. Quando c’è un coach è tutto più facile perché è lui a organizzare tutto: i campi di allenamento, i partner con cui giocare… oppure, se non c’è nessuno con cui allenarsi, puoi palleggiare con lui. Per me non è un grosso problema viaggiare da solo, l’importante è averlo durante le settimane di allenamento. Magari altri giocatori hanno bisogno del coach, ma per me non è un problema. Quando sono in campo può essere piacevole avere il sostegno del coach, ma io sono concentrato sulla partita. Detto questo, dopo Bergamo andrò in Cina per qualche settimana, è un lungo viaggio, e lui verrà con me”. L’estone ha sempre giocato bene a Bergamo: semifinalista nel 2011 e nel 2015, nel 2012 si fece male durante i quarti. Ci riprova quest’anno, forte di una notevole esperienza, fortificato anche dagli infortuni. “Non sapremo mai cosa avrei potuto fare senza gli infortuni, ma da un lato sono stato fortunato – racconta – perché mi sono fatto male quando ero già top-100. Fosse successo mentre ero in ascesa, magari al numero 120, sarebbe stato molto più doloroso. È stato un momento difficile perché giocavo in pianta stabile nei tornei ATP… per il futuro ho più sogni che obiettivi. Ho in mente cosa vorrei, ma preferirei tenerlo per me. Di sicuro sarebbe bello tornare tra i top-100, tuttavia non voglio pensarci troppo. Diciamo che vorrei restare in salute e vedere dove posso arrivare. Se succede, bene. Se non succede, non è la fine del mondo”. Zopp ha vissuto da vicino la violenta polemica che qualche settimana fa ha scosso il tennis estone: Kaia Kanepi non ha giocato in Fed Cup perché non ha trovato l’accordo con la federazione: aveva chiesto 100.000 euro. “Ho seguito questa vicenda, le dinamiche sono simili anche in Coppa Davis – racconta Zopp – la federazione ci aiuta tramite uno sponsor, la compagnia di navigazione Tallink. Siglando un accordo con loro, automaticamente devi giocare in Coppa Davis o Fed Cup. Anett Kontaveit aveva il contratto, mentre la Kanepi no. Nessuno gioca gratis, ma penso che 100.000 euro per tre giorni siano troppi. Penso che la federazione abbia fatto bene a non accettare, anche perché se la sua classifica dovesse migliorare, l’anno prossimo potrebbe chiederne 200.000. Non è giusto giocare gratis, è sacrosanto essere pagati, penso che 100.000 euro per tre giorni siano davvero troppi”.

BERRETTINI CANCELLA 6 SETPOINT: CARUSO KO – Per un posto in finale, Zopp se la vedrà con Matteo Berrettini. Il romano ha vinto un delicato derby contro Salvatore Caruso, domato in poco meno di due ore con il punteggio di 7-6 7-5. Caruso lascia il torneo con mille rimpianti, soprattutto nel primo set. Per un’oretta il siciliano ha risposto bene ed era più bravo nel prendere l’iniziativa. Era il primo a brekkare (5-3 e servizio), ma Berrettini lo riacchiappava subito. Dal 6-5, iniziava il calvario del siciliano: non sfruttava la bellezza di sei setpoint (due sul 6-5 e quattro nel tie-break). Va detto che cinque si sono giocati sul servizio di Berrettini, il quale ha confermato il gran carattere mettendo sempre la prima palla, e annullando gli altri con un paio di dritti vincenti. Il primo setpoint era quello buono e gli consentiva di intascare un set che, ai punti, avrebbe meritato Caruso. Nel secondo, Berrettini ha registrato il servizio e ha perso appena otto punti in sei turni di battuta. Potendo contare su una prima palla costantemente a 220 km/h, ha potuto giocare con più tranquillità nei game di risposta. Ha avuto tre chance consecutive sul 2-1, ma lì Caruso si è salvato. Sul 5-6, tuttavia, il siracusano si arrendeva. Recuperava da 0-30 a 30-30, ma un rovescio e un dritto in rete lo condannavano a una sconfitta amara. Bergamo ha comunque confermato le ottime sensazioni di inizio anno. Per Berrettini, invece, la conferma che la combinazione servizio-dritto può fare davvero male. Contro Zopp non ci sono precedenti.

 

Matteo Berrettini – ATP Challenger Bergamo (foto Antonio Milesi)

SONEGO ALLA DISTANZA, SARÀ DERBY AZZURRO IN SEMIFINALE  Prosegue l’avventura di Lorenzo Sonego. È mancato un punto affinché il torinese ripetesse lo stesso punteggio con cui aveva battuto Mohamed Safwat nelle qualificazioni dell’Australian Open. Una risposta lunga sul matchpoint gli ha impedito di chiudere 6-3 7-6, poi l’egiziano – sempre grintoso – ha avuto un nastro favorevole sul setpoint in suo favore. Tuttavia, aveva speso parecchie energie fisiche e mentali per rimettere in sesto la partita. Sonego brekkava nel secondo e nell’ottavo game del terzo set, sigillando un 6-3 6-7 6-2 che accendeva l’esultanza verso il suo angolo, dove trovavano posto coach “Gipo” Arbino e Umberto Rianna. Il torinese ha conquistato il pubblico con la sua carica agonistica e la voglia di lottare punto dopo punto, senza farsi distrarre da un piccola polemica con il giudice di sedia e nemmeno dal contraccolpo psicologico dopo il secondo set. La vittoria è più che meritata perché ha tenuto ottime percentuali al servizio, tirando 8 ace e raccogliendo l’85% dei punti con la prima palla. Non ha concesso neanche una palla break, mentre ne ha trasformate tre. Con questa semifinale è già certo di salire al numero 156 ATP, sua miglior classifica di sempre. La grande avventura in Australia lo ha reso ancora più sicuro di sé, alimentando una forza mentale che pure è innata. Inoltre non ha paura di attaccare, correre rischi e prendersi il punto a rete. La sua qualità principale, tuttavia, resta la capacità di lottare con personalità su ogni punto.

Lorenzo Sonego – ATP Challenger Bergamo (foto Antonio Milesi)

NAPOLITANO DOMA ARNABOLDI: DERBY PIEMONTESE IN SEMIFINALE – Derby piemontese nel sabato sera di Bergamo: sarà Stefano Napolitano a sfidare Lorenzo Sonego nella seconda semifinale del Trofeo Perrel-Faip (64.000€, Greenset). E sarà una sfida affascinante: pur essendo corregionali e nati a un mese di distanza, hanno vissuto percorsi opposti: Napolitano vive da professionista sin da ragazzino e ha fatto la trafila dei tornei giovanili, arrivando addirittura tra i top-10 nella classifica Under 18. Da parte sua, Sonego ha svolto prevalentemente attività nazionale fino a 18 anni, salvo poi rendersi conto di poter diventare un professionista. Eppure arriva meglio piazzato del suo avversario (n.172 ATP contro n.207). Ci sono le premesse per un match equilibrato, poiché entrambi arrivano in gran forma. Nell’ultimo match di venerdì, Napolitano ha spento i sogni di Andrea Arnaboldi, imponendosi con il punteggio di 6-7 6-2 6-1. Il canturino ha giocato un primo set fantastico, quasi sovraritmo, spuntandola al 20esimo punto del tie-break. Arnaboldi annullava quattro palle break in avvio, poi il match scivolava fino al 6-6. Lì “Arna” saliva 5-1, perdeva cinque punti consecutivi e doveva annullare tre setpoint prima di chiudere 11-9 in un’altalena di emozioni e scambi di alta qualità. A giudicare da quanto visto nel secondo e nel terzo set, gli sforzi fisici e mentali del primo gli sono costati cari. Napolitano continuava a martellare da fondocampo, peraltro con una tattica semplice: una palla a destra, una a sinistra. Più vario il gioco di Arnaboldi, che però si spegneva progressivamente. Dal 2-2 nel secondo, il biellese si è aggiudicato dieci degli ultimi undici game. Lo strappo arrivava nel sesto game del secondo set, al termine di un game combattuto (in cui Arnaboldi aveva comunque avuto la palla del 3-3). A quel punto Napolitano diventava incontenibile. Arnaboldi provava a tenere duro nel terzo, ma lo strappo arrivava già al quarto game. Andrea annullava la prima palla break con un bel rovescio incrociato, ma Stefano trasformava la seconda prendendosi il punto a rete. Dal 3-1 era un rapido planare verso il matchpoint. Pochi secondi prima che scoccassero le due ore di gioco, Napolitano poteva agitare il pugnetto verso papà Cosimo. Per la prima volta nella storia, Bergamo avrà tre italiani in semifinale. I match di singolare scatteranno alle 18.30: prima Matteo Berrettini sfiderà Jurgen Zopp, dopodiché (non prima delle 20.30) scenderanno in campo Sonego e Napolitano. Entrambi i match non hanno precedenti. L’intero programma sarà trasmesso in diretta su BG 24, canale all-news del gruppo Bergamo TV, visibile al numero 198 del digitale terrestre in tutta la Lombardia.

Stefano Napolitano – ATP Challenger Bergamo (foto Antonio Milesi)

Ufficio Stampa Trofeo Perrel-Faip

Risultati:

J. Zopp b. A. Pavlasek 6-4 7-5
L. Sonego b. M. Safwat 6-3 6-7(6) 6-2
M. Berrettini b. S. Caruso 7-6(7) 7-5
S. Napolitano b. A. Arnaboldi 6-7(9) 6-2 6-1

Continua a leggere
Commenti

Flash

WTA Toronto: Gauff vince lo scontro tra neo finaliste Slam con Rybakina, Pliskova domina Anisimova

Karolina si prende la rivincita dopo la sconfitta subita a San José pochi giorni fa. Le difese di Cori prevalgono sulle staffilate di Elena

Pubblicato

il

Cori Gauff - Berlino 2022 (Twitter - @wtatour)
Cori Gauff - Berlino 2022 (Twitter - @wtatour)

Il National Bank Open di Toronto entra nel vivo con la quinta giornata di gare, oggi mercoledì 10 agosto era la volta dei match di secondo turno valevoli per un posto negli ottavi di finale del “1000” canadese.

Gli organizzatori del torneo hanno deciso di non mutare l’ora d’inizio del programma, inizialmente prevista per le 12:00 – ora locale – ma poi modificata dopo la giornata di lunedì funestata dalla pioggia con la decisione di anticipare di un’ora l’avvio della sessione diurna. Dunque il menù tennistico odierno, del Canadian Open al femminile, ha visto aprire i battenti alle 17:00 italiane considerando le sei ore di fuso orario che ci sono rispetto al Bel Paese.

[14] K. Pliskova b. A. Anisimova 6-1 6-1

 

Sul Court 1, terzo campo per importanza, hanno dato il via alla mattinata nordamericana la tds n. 14 Karolina Pliskova e la statunitense Amanda Anisimova. La 20enne del New Jersey dista in classifica dall’esperta ceca ben 8 posizioni, essendo attualmente situata al n. 22 del ranking. Lo scontro sembra stia diventando una “classica” del tennis femminile contemporaneo, dato che quello in terra canadese è stato il sesto confronto diretto tra le due giocatrici nonché il quinto nelle ultime due stagioni. Il ricordo dell’ultima volta che si sono date battaglia sul campo è freschissimo, è accaduto esattamente una settimana fa: agli ottavi del cinquecento californiano di San José, la giocatrice di origini russe si è imposta in rimonta per 6-1 al terzo.

UNA PLISKOVA INCONTENIBILE – Anche oggi il medesimo punteggio del set conclusivo, nel loro più recente duello, si è manifestato a più riprese ma con al differenza che in questo caso a goderne è stata Karolina. La due volte finalista Slam ha infatti fatto sua la partita con un netto doppio 6-1 in neanche un’ora di gioco, accedendo così al round successivo e vendicandosi della sconfitta subita pochi giorni fa. Un successo che rimarca la distanza nel computo totale degli H2H, ora la finalista uscente del torneo guida 5-1. A rompere l’equilibrio del match, segnandolo in modo irreversibile, è stato il parziale della ceca di 8 game consecutivi, che dal 1-1 del set inaugurale hanno condotto la 30enne di Louny sino al 4-0 “pesante” del secondo. Pur non potendo usufruire di una percentuale di rilievo con la prima palla di servizio, Plsikova si è mostrata molto abile nel saperla rendere efficacie con 7 ace e il 71% di punti vinti. Anche la seconda non è stata da meno: un ottimo 65% di realizzazione, che è stato di grande aiuto nel far sì che la n. 14 WTA superasse indenne le uniche due palle break concesse nell’incontro.

[10] C. Gauff b. E. Rybakina 6-4 (8)6-7 7-6(3)

DUE ASTRI NASCENTI PRONTI A DARE INIZIO AD UNA SAGA – La National Bank Granstand è stata invece inaugurata dall’interessante incrocio tra due delle maggiori novità presentate dai primi sei mesi di stagione. Due nuove stelle, che hanno dimostrato di essere competitive per i massimi livelli raggiungendo la prima finale Slam della carriera. La prima, n. 11 del ranking, ha solamente diciotto anni ma è oramai sulla bocca di tutti da diverse stagioni con l’appellativo di predestinata; dall’altro canto se batti una certa Venus Williams sui prati londinesi di uno “sconosciuto” Centre Court quando le tue coetanee sono unicamente assillate dal complesso passaggio dall’infanzia all’età adolescenziale, è fisiologico che si scateni su di te a più non posso l’attenzione dei media. Nel mese di giugno ha ottenuto la qualificazione all’ultimo atto del Major rosso, dando anche un dispiacere al tennis italiano con l’estromissione in semifinale di Trevisan, arrendendosi soltanto dinanzi allo strapotere polacco – al tempo ancora in versione rullo compressore.

L’altra, in questo momento posizionata alla 27esima piazza della classifica – ma avrebbe dovuto essere molto più su – è una 23enne kazaka scartata dalla madre patria Russia e quindi costretta a cercare fortuna e sostegno dalle parti di Nur Sultan. Un ripiego non così disdicevole, tenendo presente l’enorme possibilità economica della federazione kazaka, ma certamente molto più all’oscuro dalla notorietà del grande tennis di quanto non lo fosse la giovincella d’oltreoceano già delineata futura campionessa Slam. Si pensava di lei, che fosse sicuramente una giocatrice di buon livello: moderna, grandi servizi, staffilate piatte da fondo che fanno male. Però obbiettivamente quasi nessuno avrebbe scommesso, neppure un penny, che la bella Elena si sarebbe addirittura spinta fino al trionfo nell’evento di tennis più importante da quando l’uomo ha memoria. Una cavalcata così sorprendente, che persino la protagonista dell’impresa è stata sopraffatta dalla comprensibile emozione di chi è totalmente spaesata – e non a proprio agio in quel tipo di situazione – nell’ambiente in cui si trova. Stiamo ovviamente parlando della finalista del Roland Garros Cori Gauff e della campionessa in carica di Wimbledon Elena Rybakina.

L’incontro andato in scena è stato al cardiopalma, quasi tre ore di struggente contesa la kazaka è abituata alle lotte prolungate. Le due protagoniste era come se volessero dimostrare, che il loro approdo all’atto conclusivo di un torneo del Grande Slam non sia stato un acuto senza possibilità di nuova verifica, inoltre avevano la necessità di far vedere di possedere qualcosa in più rispetto all’avversaria, autrice dello stesso percorso. E’ probabilmente quel lumicino in più a favore di Coco, che non ha ancora raggiunto il grande traguardo, può aver delineato la minima differenza che ha deciso la sfida. Dal canto suo Rybakina ha lottato fino alla fine, ma si è dovuta arrendere per 6-4 (8)6-7 7-6(3).

Dopo aver perso il primo set, nonostante avesse avuto lei a disposizione le prime palle break della partita nel quarto game, in cui ha pagato lo strappo dell’americana sul 3-3, la nativa di Mosca si è trovata ad un passo dalla resa definitiva nel tie-break del secondo. La n. 27 WTA, ha visto infatti la tds n. 10 involarsi sul 6-3 nel gioco decisivo, ma è stata freddissima Elena ha scovare dentro di sé la forza necessaria per cancellare tre match point consecutivi – i primi due in risposta – più un quarto ancora in ribattuta nel quindicesimo punto del deciding game, per poi sfruttare il secondo set point e rimandare il verdetto al terzo. La frazione finale è stata condizionata pesantemente dall’instabilità dei servizi: girandola di strappi e cuciture, dal terzo gioco ce ne sono stati ben 6 nei successivi 7 turni di battuta. Inevitabile perciò che l’esito venisse redatto nuovamente al jeu décisif, se il set regolare era stato teatro di break a ripetizione, il game finale ha fatto anche peggio: 3 mini-break a testa, più un settimo in favore di Gauff che ha chiuso il match. Cori è riuscita ad avere la meglio nonostante 13 doppi falli commessi e un insufficiente 46% di trasformazione con la seconda. Sul piano tattico la strabiliante abilità difensiva della classe 2004 di Atlanta, si è dimostrata alla lunga superiore alle bordate offensive della kazaka da fondocampo.

IL TABELLONE DEL WTA 1000 DI TORONTO

Continua a leggere

ATP

ATP Montreal: Il magic moment di Kyrgios, battuto Medvedev in rimonta. Alcaraz piegato da Paul, gli avversari di Carlos si esaltano

L’australiano centra la seconda vittoria contro un n. 1 della classifica mondiale: ci riuscì nel 2014 contro Nadal a Wimbledon. Le due partite sembrano segnare altrettante fasi della carriera di Nick

Pubblicato

il

Nick Kyrgios - Washington 2022 (Twitter - @atptour)
Nick Kyrgios - Washington 2022 (Twitter - @atptour)

Erano 21 anni che le prime due teste di serie di un torneo di categoria “1000”, oggi denominati ufficialmente Masters 1000, non venivano eliminate contemporaneamente al primo turno, che nel loro caso potendo godere di un bye è il secondo round. Infatti a succedere alle cocenti sconfitte di Guga Kuerten (n. 1) e Andre Agassi (n. 2) a Stoccarda 2001 per mano rispettivamente del bielorusso Max Mirnyi e del marocchino Hicham Arazi, ci sono i ko di Daniil Medvedev e Carlos Alcaraz al Omnium Banque Nationale presented by Rogers. Una situazione, che andando ad approfondire per gli amanti dei numeri, non si verificava all’Open del Canada addirittura dal 1996, quando Thomas Muster e Goran Ivanisevic abbandonarono l’evento nordamericano sotto i colpi del padrone di casa Daniel Nestor e dello svedese Mikael Tillstrom.

N. Kyrgios b. [1] D. Medvedev (2)6-7 6-4 6-2

Il match del torneo, quello che tutti fremevano di ammirare appena dopo l’esito dell’urna del sorteggio, è andato a Nick Kyrgios. Continua l’incredibile annata del rilancio per l’australiano, che sta approdando finalmente verso i lidi del tennis mondiale che competono al suo magnifico talento. Oggi ne ha dato l’ennesima riprova, mostrando crescenti progressi sul piano psicologico: ha saputo andare oltre la fatica e la stanchezza, con fine abilità nel perseguire una partita impostata sul serve&volley. Il 27enne di Canberra ha prevalso in rimonta sul n. 1 del tabellone Daniil Medvedev per (2)6-7 6-4 6-2 in due ore esatte di gioco. Un confronto tra due giocatori in ottima forma, considerando che entrambi avevano vinto un titolo la scorsa settimana – a Washington e a Los Cabos – ma allo stesso tempo molto provati fisicamente visto i due trofei back-to-back in doppio da un lato e l’inattività prolungata, che poteva far risentire maggiormente la cavalcata in un torneo, dall’altra.

 

Con questa affermazione Nick può vendicarsi della sconfitta subita in quattro set all’inizio dell’anno, a casa sua, in Australia portandosi sul 3-1 nel computo degli H2H, avendo vinto anche nel 2019 a Roma e nella finale di Washington. Ma probabilmente il dato più rilevante è che per Kyrgios, si tratta della seconda vittoria della carriera contro il n. 1 del ranking ATP, ci era riuscito soltanto nel 2014 agli ottavi di Wimbledon contro Nadal. Quella fu la partita che fece conoscere Nick al grande pubblico, ma soprattutto fu la dichiarazione di cosa era capace di fare. Il talento c’è sempre stato, la continuità mentale pare averla raggiunta adesso. Perciò sono due match epocali, che fanno da spartiacque segnando, per certi versi, un prima e un dopo nella sua carriera: dal successo ad appena 19 anni sul campo più importante del mondo contro uno dei più grandi agonisti della storia sportiva, con il proprio nome sulla cresta dell’onda ma che invece di dare inizio ad una epopea imperiale di dominio e di trionfi Slam a raffica, fu solo uno dei tanti exploit – dei successivi 8 anni – privi della stabilità necessaria a raggiungere grandi risultati; al trionfo della maturità raggiunta, a 27 anni, e che potrebbe regalare a Nick nell’ultima parte della sua vita da atleta le vittorie che il suo braccio merita.

IL MATCH – Il primo game della partita è già indicativo dello stato delle condizioni fisiche dell’australiano, Kyrgios si proietta costantemente verso la rete mostrando chiaramente la sua strategia tattica per la sfida odierna: ha intenzione di utilizzare frequentemente il serve&volley per sprecare il meno possibile a livello di energie ed evitare d’invischiarsi nel terreno di caccia preferito dal russo, quello del palleggio da fondocampo. Ovviamente è facile intuire che se Nick vorrà perseguire uno schema di gioco estremamente aggressivo, sarà fondamentale per lui avere una resa al servizio inossidabile e continua.

La prima parte del set ci dice che la battuta, come del resto sta avvenendo nell’ultimo periodo, funziona a meraviglia. S’intravedono alcuni scambi soltanto durante i turni di servizio di Medvedev, ma anche il n. 1 del mondo è molto solido con il fondamentale d’inizio gioco. In particolar modo Daniil sta brillando nel primo colpo in uscita dal servizio, giocando la prima esecuzione con eccezionale precisione. Questo gli permette di comandare immediatamente il punto, per poi sfiancare il giocatore di Canberra sulla diagonale sinistra. Nel sesto gioco si vedono le prime variazioni, con il back del n. 37 ATP e la smorzata dell’orso di Mosca, ma l’equilibrio regna sovrano.

Si giunge così sul 4-4, con le ribattute che hanno raccolto solamente 5 punti complessivi. Nick è invalicabile alla battuta, sostanzialmente non parte mai lo scambio nei suoi turni: il massimo a cui si può assistere è un tentativo di passante del moscovita quando la prima o la volée non si rivelano definitive. Questa totale assenza di pericolosità in risposta innervosisce e non poco il campione dello Us Open, perché sa perfettamente che se il finalista di Wimbledon non calasse sarebbe dura per lui impensierirlo. Più passano i minuti e più si consolida la sensazione di maggiore insidia per la battuta di Medvedev. La percezione diventa realtà nel decimo game, dove Daniil chiamato a prolungare il set inciampa in due doppi falli ma soprattutto Nick trova un paio di soluzioni da cineteca: prima una rispostona vincente di dritto in allungo, all’incrocio delle righe, poi il capolavoro con lo slice a rallentare e l’uscita bimane folgorante in lungolinea. Arrivano così le prime due palle break del match, che dunque sono anche set point: opportunità che pesano come un macigno, ma Medvedev è inappuntabile con il servizio scagliando una prima vincente e un ace.

In realtà il 26enne deve soffrire ancora, prima di preservare il proprio turno di battuta, a causa di qualche imprecisione nelle esecuzioni eppure senza rischiare ulteriormente si salva. L’ex n. 13 a questo punto deve affrontate le prime reali difficoltà della sua partita, con il primo game di servizio ai vantaggi per via di qualche seconda di troppo, che lo costringe a fare gli straordinari al volo. Tuttavia ancora una volta facendo leva sul proprio repertorio da doppista, peraltro in scia di un doppio trionfo nella specialità tra Atlanta e Washington, Nick non concede nessuna concreta chance. Si arriva così al prevedibile tie-break, dove si deciderà tutto ai punti e nel quale anche la più piccola disattenzione potrebbe costare il parziale: il primo a sbagliare è Kyrgios, tra il terzo ed il quarto punto ricerca un angolo troppo pronunciato con la volée di rovescio e poi sempre nello stesso lato del corridoio manda largo uno schiaffo al volo, regalando due mini fughe al russo. Così Daniil senza fare nulla di trascendentale si ritrova sul 6-1, Nick allora perde le staffe e scaraventa una pallata fuori dall’impianto, inevitabile il warning. Infine altro gratuito a rete, che chiude il set 7 punti a 2.

L’australiano però non demorde, parte forte nel secondo set e grazie ad un bellissimo cross di dritto breakka immediatamente per poi consolidare l’allungo, nonostante vada sotto 0-30, e salire 2-0 con anche un pericoloso 30-30 che non riesce a trasformare in una possibilità di doppio break. Continua l’ex n. 1 a non patire il bimane moscovita, reggendo alla grande quella direttrice oltre a mostrare un’eccezionale capacità di anticipo sulla palla per prendere campo e togliere tempo all’avversario. In questo secondo set si scambia decisamente di più, Daniil mette ancora pressione con un altro 30-30 nel quarto gioco ma il n. 37 non se vuole sapere di cedere il servizio. I fondamentali d’inizio gioco a questo punto non lasciano neanche le briciole e Nick vince 6-4 il secondo set, durato 36 minuti.

La grande battaglia dei servizi continua nella frazione finale, anche se l’equilibrio rischia di rompersi già in apertura come accaduto ad inizio secondo parziale. Il 27enne di Canberra adesso infatti accusa la stanchezza, essendo perciò costretto a diminuire la velocità del suo servizio per prediligere soluzioni più lavorate in slice affinché possa ricercare maggiormente gli angoli e avere di conseguenza più tempo per scendere a rete. Nick oggi è perfetto nelle sistematiche discese in avanti, di vecchia scuola; tuttavia qualche errore in più per via dell’appannamento fisico è fisiologico. Dall’altra parte inoltre è molto concentrato e attento Medvedev, pronto a sfruttare il minimo passaggio a vuoto dell’avversario: ecco quindi materializzarsi due pericolosissimi break point, l’ex vincitore dell’Australian Open 2013 allora decide di mostrare tutti i progressi fatti sul piano mentale quest’anno, con l’ace numero dieci e undici pareggia (1-1). Questo salvataggio si rivelerà decisivo e propedeutico per lo strappo finale, nel quinto gioco infatti anche se le energie stanno venendo meno il talento trascina l’australiano, che mette in fila una serie di risposte sensazionali con spettacolare anticipo. Break sigillato da un passante bimane incrociato tirato da posizione invereconda, con Nick ormai incontenibile che consolida a 0. Il match si conclude qui, Medvedev si spegne: commette un doppio fallo e due marchiani errori di rovescio. Anche il nastro gli è sfavorevole, doppio break (5-2) e Kyrgios al servizio certifica il suo approdo agli ottavi.

T. Paul b. [2] C. Alcaraz (4)6-7 7-6(7) 6-3

ALCARAZ MOSTRA I PRIMI SCRICCHIOLII – Dopo due finali consecutive, seppur perse per mano degli azzurri Musetti e Sinner, Carlos Alcaraz non mantiene fede al suo status di seconda testa di serie e all’esordio nel Canada Open viene estromesso immediatamente da Tommy Paul (n. 34 ATP) subendo la rimonta dell’americano per (4)6-7 7-6(7) 6-3, questo lo score finale a conclusione di una battaglia infernale di quasi tre ore e mezza di gioco (3h24). Una versione dell’allievo di Ferrero, che comincia a mostrare i primi scricchiolii e le prime crepe del suo tennis, dopo la devastante prima parte di stagione. Sapevamo che un giocatore con le sue caratteristiche, non potesse reggere quel livello per 12 mesi, ma la sensazione sempre più incalzante è che in un certo senso porti gli avversari ad innalzare il loro livello massimone avevamo già parlato dopo Miami.

Un match pazzesco, che lo statunitense avrebbe potuto perdere anche in due set se solo il 19enne murciano non avesse mancato un match point sul proprio servizio al tie-break, gioco decisivo al quale si è giunti dopo che lo stesso campione junior del Roland Garros 2015 ha gettato al vento l’opportunità di servire per il parziale sul 5-4. Ma l’intero set ha avuto un andamento abbastanza ondivago: Carlos va avanti 3-0 salvo poi farsi recuperare e vedere sfumare in volata la vittoria, con l’avversario che ha rischiato seriamente di finire nel burrone. Infine l’apoteosi del parziale finale, con Tommy a frantumare due break point in apertura e a rompere gli indugi con il break del quarto game. Per completare, l’ultimi scampoli in versione thriller: Alcaraz annulla altri 4 match point (dopo quello sprecato da lui), due di fila, e dopo 12 punti rimane in scia. Questo sforzo gli garantisce un’opportunità per riaprire tutto, ma Paul supera brillantemente l’ultima curva e vince al quinto match ball. Per lui 42 vincenti e 32 non forzati, Alcaraz da questo punto di vista in perfetto equilibrio (36/36), ma paga la poca efficienza della seconda.

IL TABELLONE DEL MASTERS 1000 DI MONTREAL

Continua a leggere

ATP

ATP Montreal: Sinner batte in rimonta Mannarino e raggiunge Carreno Busta agli ottavi

Jannik Sinner parte male ma esce alla distanza contro Mannarino anche grazie all’aiuto del servizio. Agli ottavi sfida con Pablo Carreno Busta

Pubblicato

il

Jannik Sinner - Montreal 2022 (foto Ubitennis)

[7] J. Sinner b. [Q] A. Mannarino 2-6 6-4 6-2 (da Montreal, il nostro inviato)

Esordio non semplice per Jannik Sinner, che ha faticato più di quanto ci si potesse aspettare a entrare in partita contro Adrian Mannarino, cedendo nettamente nel primo set per poi uscire molto bene alla distanza, aiutato anche dal servizio in netto miglioramento. “Ci ho messo un po’ di tempo per capire come giocava, perché sapevo che veniva da tre vittorie e quindi era sicuramente in condizione – ci ha detto Sinner dopo il match – ho provato a trovare una soluzione, perché lui all’inizio stava giocando bene e sbagliava poco. Ho cominciato a servire meglio, poi lui ha fatto un paio di errori nei momenti importanti quando sono riuscito a fargli il break e poi da lì in poi sono riuscito ad alzare il livello”.

IL MATCH – Che non sarebbe stata una giornata facile per Sinner si era capito subito dal secondo game, quando sulla prima palla break in favore di Mannarino il francese si vedeva regalare il punto da un nastro vincente micidiale che lo mandava subito avanti 2-0. Passato attraverso le qualificazioni, il transalpino è una vecchia volpe dei campi e si trova certamente a suo agio nei palleggi ad alta velocità sui quali solitamente Sinner imposta le sue partite.

 

Il servizio dell’altoatesino è sicuramente un’arma più letale, ma grazie alla rotazione mancina e ai movimenti molto puliti anche Mannarino sa farsi rispettare. Il primo set è volato via in 38 minuti senza che Sinner ci abbia capito un gran ché: un po’ troppi errori da parte sua negli scambi da fondocampo, e pochi punti gratuiti ottenuti con il servizio nonostante ottime velocità di punta ottenute con la prima, comparabile a quelle di Berrettini del giorno precedente.

Il secondo set non iniziava meglio del primo: Mannarino continuava a giocare da fermo dando l’impressione di non essere minimamente in difficoltà sugli scambi da fondo e Sinner, nonostante la decisione di aumentare la “net clearance” e aggiungere un po’ più di “curva” ai suoi colpi continuava a commettere errori per lui piuttosto inusuali.

A metà set cambiava qualcosa: Sinner iniziava a far correre l’avversario, muovendo di più il gioco e togliendosi dalle solite diagonali. Con l’assistenza del servizio che consentiva di rilassarsi un poco nei propri turni di battuta, trovava la chiave per iniziare a girare la partita quando, sul 4-4, riusciva a ottenere il break per la prima volta nel match chiudendo con uno splendido passante di rovescio lungolinea. Nel game successivo riaffioravano due errori gratuiti che inguaiavano Sinner sullo 0-30, ma con quattro punti consecutivi l’azzurro in 46 minuti chiudeva il secondo parziale e trascinava il match al terzo.

Mentre il sole vinceva definitivamente la sua battaglia sulle nuvole e il livello superiore del Court Rogers veniva riempito dagli spettatori reduci dalla sconfitta di Alcaraz sul Centrale, Sinner iniziava il set decisivo con il piglio giusto: aiutato anche da un doppio fallo sanguinoso di Mannarino sul 30-30 nel game d’apertura, Jannik prendeva subito un break di vantaggio passando per la prima volta nel match a condurre. Il francese appariva visibilmente contrariato e continuava a toccarsi il ginocchio destro, per il quale finiva poi per chiedere il medical time-out al primo cambio di campo del set.

La fasciatura ottenuta dal medico durava solo un paio di giochi, ma la nave era già salpata per Mannarino: Sinner aveva trovato il suo assetto ideale negli scambi da fondo e riusciva a martellare tenendo saldamente il pallino del gioco in mano sua. Un secondo break sul 4-2 e quattro servizi nel game seguente hanno chiuso il match dopo due ore e 5 minuti di lotta mandando Sinner al terzo turno dove dovrà affrontare Pablo Carreno Busta (precedenti in parità sull’1-1, con l’ultimo incontro disputatosi a Miami la primavera scorsa).

“Dovrò giocare bene contro di lui, che ha battuto Berrettini e Rune in questo torneo. Mi devo preparare bene e vediamo come andrà domani”.

Sinner è arrivato a questo torneo avendo giocato fino a 10 giorni fa sulla terra battuta, per cui ha dovuto gestire il cambiamento di superficie, oltre al repentino abbassamento della temperatura che ha interessato Montreal da lunedì in poi. “Quando si cambia superficie è necessario colpire tante più palle possibili per capire il rimbalzo, la velocità del campo e anche come rispondono le palline. Qui ci siamo allenati molto e abbiamo fatto anche qualche piccola modifica sulla tensione delle corde. La prima volta che abbiamo provato a cambiare la tensione delle corde, mezzo chilo in più, mezzo chilo in meno, è stato a Umago due settimane fa: Simone [Vagnozzi] mi aveva detto che la palla era un po’ lenta, quindi abbiamo provato a modificare la tensione. Qui invece siamo rimasti con un chilo in più, perché spesso la palla tende a volare. Da questo punto di vista mi è molto utile avere Darren [Cahill] e Simone [Vagnozzi] che mi stanno aiutando a migliorare anche da questo punto di vista”.

Il tabellone completo dell’ATP di Montreal

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement