Italiano English Fran├žais
HOMEPAGE > > Il mental coach secondo Federer

28/06/2010 22:26 CEST - NOTIZIE SMASH!

Il mental coach secondo Federer

Notizie Smash! - Nuovi spot per Roger e Murray, i segreti della terba, il cazziatone di Blake, il riposo di Mahut e quello di Isner, il ... discutibile premio dato all'americano dopo la maratona e tanto altro... Marco Sicolo

| | condividi

federer

COERENZA - Rodionova batte Kuznetsova, complice qualche medical time-out di troppo, e Sveta non la prende troppo bene: niente stretta di mano e poi messaggino via twitter: “Ehi, ragazzi, grazie dell’appoggio. E’ stato folle, ieri, e non ho ALCUN RIMPIANTO per non averle stretto la mano!”

DURACELL - Boris Vallejo, coach di Nicolas Mahut, racconta il "riposo" del suo atleta dopo il 59 pari: “E’ andato dritto dal campo alla palestra, ha fatto 20 minuti di cyclette, un po’ di stretching e 40 minuti di massaggi. Un beverone di zuccheri e proteine, poi in hotel due bagni di ghiaccio di 4 minuti l’uno. Poi ha provato a dormire un po’, ma era difficile per lui dormire bene (eccecredo, ndr). In mattinata si è svegliato presto, era importante fare un buon riscaldamento, mezz’ora di palestra per riattivare molto lentamente il corpo, prima di entrare in campo per allenarsi”.

MENTAL COUCH - Il dottor Federer is in (‘a-ha’).

INEGUAGLIABILI - Rafa Nadal sui suoi record preferiti, suoi e del suo rivale: "Di Roger, tutti quanti. Forse le 23 semifinali di Slam consecutive. Sono quasi sei anni. Non puoi avere un infortunio, una giornata storta. E’ impossibile da eguagliare. Dei miei, le 81 vittorie di fila sulla terra battuta. Sono tante. In mote partite affronti momenti difficili, e non puoi essere al massimo in tutti i tornei. Eppure vincevo. Per me, sarà difficile ripeterlo”.

PROMEMORIA - Non chiedetevi cosa stia cercando Roger. Aveva solo perso il conto.

isner

PAROLA DI FOTOGRAFO - "La mia foto dei sogni riguarderebbe Roger Federer. E’ difficile da fotografare. Non lo vedi mai tuffarsi. Il suo gioco appare sempre senza sforzi. Perciò, la foto definitiva sarebbe Federer che si tuffa" (Tommy Hindley, fotografo a Wimbledon). Allora è uno scoop, questo!

BELLA LOTTA - E se Roger non si spiccia, qualcuno arriva prima di lui.

BRUTISH - Avete già letto su questo sito che quella ragazzaccia di Laura Robson vorrebbe incontrare a cena Marat Safin. Speriamo non voglia conquistarlo così.

I SEGRETI DELLA TERBA - Quali sono i più acerrimi nemici dell’erba di Wimbledon? “Le volpi. Se le lasci entrare, urinano dappertutto, ed è la cosa più disastrosa per quell’erba”. A rivelarlo è Eddie Seaward, responsabile dei campi del torneo: “Durante l’anno piazziamo una rete elettrificata a protezione dei campi. Abbiamo anche dei falchi, che facciamo volare tre volte a settimana per tenere lontani i piccioni, che potrebbero rovinare il campo e, durante il torneo, disturbare il pubblico”. soderling Sorprendente, poi, è la sua spiegazione sui cambiamenti delle caratteristiche della superficie londinese: “Non è vero che i campi sono più lenti di una volta. Sono i rimbalzi, ad essere più alti. E la causa è la minore densità dell’erba, che consente uno spostamento d’aria maggiore quando la pallina rimbalza su un terreno che è per lo stesso motivo più duro: questo causa rimbalzi più alti, specie col passare dei giorni. Una volta i rimbalzi erano più bassi perché il terreno era più morbido. Questa è l’unica differenza”.

WIIETATO AI MINORI - Sconcia, zozza, volgare. Perciò guardatela dopo le 22.30, fuori dalla fascia protetta. D'accordo?

URBAN LEGEND - Andy Murray si diverte per le strade di Londra (non credete ai vostri occhi).

LONGEVITA' - Il francese Jean Borotra, uno dei quattro moschettieri degli anni d’oro, vincitore del suo primo Wimbledon nel 1924, fece il suo esordio nel torneo di doppio sull’erba londinese solo qualche anno dopo. Precisamente 40 anni dopo, nel 1964! Diventò così il più vecchio debuttante in uno dei tornei di Wimbledon, all’età di 65 anni e 317 giorni.

TUTTO E' RELATIVO - Maria Sharapova sulla maratona Isner - Mahut: "Io ho giocato un’ora e 24 minuti e sento di dovermi ricoverare. Quei ragazzi hanno giocato per più tempo di quanto io sia mai stata capace di allenarmi in tre o quattro giorni messi insieme!”

TANTO PER DIRE - Fortitudo Isner e Virtus Mahut hanno totalizzato, ciascuno, un punteggio più alto che i Boston Celtics in gara 6 delle recenti finali NBA.

HIGHLANDERS - Ne resterà soltanto uno. Anzi, neanche.

serena

CHIODO FISSO - John Isner dopo la 'meritata eliminazione da Wimbledon, via twitter: “Finalmente sono sul divano a riposarmi: sono davvero esausto. Adesso so cosa prova Maryse Ouellet dopo una delle sue lotte”. Che uno poi, pensa che chissà che grande statista femminista debba essere questa Maryse Ouellet. E invece no. Anche dopo 11 ore di partita, gli americani pensano sempre lì.

VIGLIACCO - Se lui si gira, quello dietro è un uomo morto.

INVIATA A QUEL PAESE - Pam Shriver, ex doppista e ora commentatrice di ESPN, pare svolga quest’ultimo compito a voce un po’ troppo alta: eccola cazziata  (minuto 4'21'') in mondovisione da James Blake, infastidito dalla sua voce che riecheggiava in campo. (JB: "Non posso credere che tu abbia giocato a tennis, riesco a sentirti", lei durante il punto successivo, senza abbassare la voce, continua la telecronaca dicendo che James ha l'udito di un coniglio, e lui ancora: "Sei così faccia da c**o da ritenere che io abbia torto?")

INDISPENSABILE - Chi l’ha detto che le vuvuzelas sono vietate a Wimbledon?

THE QUEEN - La Regina arriva a Wimbledon, e i campioni si mettono in fila: tra sovrani ci si intende, Nole che si mette il vestito buono, e Serena che...

FOTOFINISH - Maria tifa Brazil, la coda a Wimby, potessero morire tutti io questa palla la prendo, dicevo tanto per dire, la vescichetta di Isner, hai un trofeo in mano o sei davvero felice di vedermi? Alla prossima!

notizie smash del 12.06.10

notizie smash del 30.05.10

notizie smash del 17.05.10

Marco Sicolo

 

 

comments powered by Disqus
TV Tennis
Ultimi commenti
Blog: Servizi vincenti
La vittoria di Francesca Schiavone a Parigi

Fotogallery a cura di Giacomo Fazio

Ubi TV

Federer parla del pranzo con la Regina Elisabetta

Quote del giorno

“Che ci crediate o no, il mio coach, prima dell’inizio del torneo, mi ha detto che sarei stato in grado di giocare per dieci ore”

John Isner e un curioso aneddoto sul match dell’anno

Accadde oggi...

28 Giugno 1977

Il diciottenne John McEnroe diviene il primo giocatore a raggiungere le semifinali a Wimbledon partendo dalle qualificazioni, quando sconfigge l’australiano Phil Dent nei quarti di finale.

 

Tratto da: On This Day in Tennis History di Randy Walker