Italiano English Fran├žais
HOMEPAGE > > Francia a un passo dalla semifinale

10/07/2010 01:02 CEST - COPPA DAVIS

Francia a un passo dalla semifinale

Monfils gioca un grande tennis per due set ma si smarrisce e si fa rimontare da un Ferrer piuttosto nervoso. Nel quinto set Gaël scappa sul 5-2, si fa recuperare un break ma chiude brekkando di nuovo lo spagnolo. Llodra supera in quattro set uno spento Fernando Verdasco.

Daniele Vallotto

| | condividi
Gael Monfils
Gael Monfils

Altalena di emozioni a Clermont-Ferrand, teatro della sfida valevole per i quarti di Coppa Davis tra Francia e Spagna. A conquistare il primo punto sono stati i transalpini, trascinati da un Gaël Monfils lontano parente di quello visto recentemente al Roland Garros e a Wimbledon. L'unico confronto tra Monfils e Ferrer si era giocato nel 2008 proprio al Roland Garros e Monfils conquistò la sua prima (e per ora unica) semifinale di uno Slam vincendo in 4 set: 6-3 3-6 6-3 6-1.

L'ago della bilancia pendeva dalla parte dello spagnolo, visti i recenti risultati del francese, eliminato al secondo turno a Parigi da Fognini e al terzo turno di Wimbledon da Hewitt; le speranze dei francesi risiedevano nella superficie, il veloce indoor, certo non graditissima agli spagnoli.

Nel primo set Monfils parte molto contratto e subisce il break alla prima occasione: Ferrer si procura l'occasione per brekkare con una grande risposta su un servizio troppo debole del francese. Monfils regala poi il punto con un doppio fallo. La palla break per il francese arriva sul 3-2: Monfils costringe l'avversario ad uno scambio lunghissimo e Ferrer consegna il 3-3 mandando il dritto in corridoio. Da questo momento il francese alza notevolmente il livello del suo servizio. Si arriva così al tie break: l'impressione è che sullo scambio lungo Monfils sia più solido ed infatti il punto arriva con uno scambio piuttosto lungo quando il dritto di Ferrer si affossa in rete. Il francese oltre che bravo è anche amante del rischio: avanti di un mini break rischia il servizio sulla seconda e trova un ace. Ferrer è ormai alle corde e si arrende quando Monfils trova un perfetto rovescio lungolinea in contropiede che gli regala il secondo minibreak e il 6-2. Al secondo set point il francese si aggiudica il primo parziale, con una prima vincente. Le statistiche al servizio vanno a favore del padrone di casa: 8 ace a 1, 71% di prime contro 67% e 84% di punti vinti sulla prima contro il 75% del suo avversario.

Nel secondo set la musica non cambia: Monfils trova il break alla prima occasione proprio come Ferrer nel 1° set: il secondo game è quello del 'ciapanò' dove entrambi commettono 4 errori non forzati. Ma sull'onda del tiebreak Monfils tira fuori due passanti che mettono in difficoltà il gioco a rete di Ferrer e per il francese è gia 2-0. Sul 5-2 Ferrer concede un'altra palla break, grazie soprattutto alla spregiudicatezza di Monfils che esegue un perfetto rovescio lungolinea. Sul set point Monfils allunga lo scambio e Ferrer cade di nuovo nella trappola: il suo dritto finisce in corridoio e il francese mette in cascina anche il secondo set per 6-2. Implacabili questa volta le statistiche: Monfils ha comandato sempre il gioco e lo si evince dai 19 vincenti a 7 (9-12 gli errori gratuiti) e da un 89% di punti conquistati sulla prima (57% per lo spagnolo).

Nel terzo set Ferrer riprende in mano il gioco da fondo con la partecipazione di Monfils e sull'1-1 si procura la prima palla break. L'occasione viene però annullata da uno sciagurato rovescio in rete dallo spagnolo. Monfils però non è quello dei primi due set e ne concede immediatamente un'altra: questa volta Ferrer non sbaglia. Gli scambi lunghi, prima appannaggio del francese, sono tutti a favore di Ferrer; Gaël è deconcentrato e concede troppo senza cogliere le opportunità che l'avversario gli offre. Il francese ha infatti a disposizione una palla break grazie ad una grande accelerazione di rovescio, ma un altro errore gratuito vanifica quanto costruito fino a quel momento. E' un terzo set un po' bruttino, nel quale Ferrer alza un po' il livello rispetto ai primi due parziali, mentre Monfils cerca di comandare il gioco ma commette troppi errori. Sul 5-4 David si smarrisce: due dritti fuori e un doppio fallo danno tre palle break consecutive a Monfils; nel momento decisivo però il francese non ha la cattiveria giusta e complice un ottimo rendimento al servizio dello spagnolo le perde tutte e 3. Superata la paura Ferrer chiude con due buone prime e si aggiudica il terzo parziale.

Nel quarto set non cambia sostanzialmente nulla: la fiducia di Monfils è calata nettamente eppure Ferrer non ne approfitta: lo spagnolo riesce ad essere aggressivo sul servizio avversario ma non riesce a conquistare palle break. Monfils è lo stesso del terzo: remissivo, poco efficace da fondo e molto falloso. Nell'undicesimo game arrivano le prime palle break del set: Monfils capitola sulla terza, spedendo fuori un dritto. Lo spagnolo è troppo solido nello scambio lungo, Monfils sembra essere calato di testa e di fisico. Nell'ultimo game l'idolo di casa tenta di tirar fuori il coniglio dal cilindro e conquista il 30 pari con uno splendido passante incrociato, ma Ferrer è tornato il tennista che concede nulla: lo spagnolo si aggiudica i due punti successivi e porta a casa il quarto set col punteggio di 7-5.

Sembrava finito, ma nel quinto set Monfils trova l'orgoglio per brekkare a 0 Ferrer: strepitoso il punto che gli vale lo 0-40 con un dritto in contropiede fulmineo che causa l'ira dello spagnolo, convinto che la palla fosse fuori. La palla è invece nettamente dentro: 2-0 per Monfils. A questo punto Gaël si ritrova improvvisamente: sul 30-15 il francese si inventa una demi-volée di rovescio che fa infuriare Ferrer, il quale si becca pure un warning per condotta antisportiva dopo aver calciato la sedia dell'arbitro per la frustrazione. Sul 4-2 Ferrer imita Monfils ed esegue un'identica demi-volée di rovescio che gli vale la palla break ma questa viene annullata con un ace che porta Monfils sul 5-2. Il break è però nell'aria e arriva nel momento meno indicato, quando Monfils va a servire per il match. Due errori gratuiti portano Ferrer sul 15-40 che realizza subito il contro break con una grandissima risposta. Ma David sciupa clamorosamente l'occasione di portarsi sul 5-5; con due errori gratuiti concede due match point al francese: sul primo è bravissimo ad eseguire una volée ma poi non può nulla contro le bordate di dritto di Monfils, che porta il primo punto della sfida alla Francia vincendo per 7-6(3) 6-2 4-6 5-7 6-4.

Ferrer paga un atteggiamento troppo attendista nei primi due set ma soprattutto i passaggio a vuoto nel set decisivo di cui ha prontamente approfittato Monfils. Bravo il francese ad indirizzare subito il match a suo favore giocando un tennis potente e preciso; il calo dei successivi due set avrebbe potuto rivelarsi fatale. Il transalpino ha però reagito alla grande e la maggiore varietà di colpi di cui dispone gli ha permesso di portare a casa un punto importantissimo dato che partiva con gli sfavori del pronostico.

La seconda partita che vedeva opposti Michael Llodra e Fernando Verdasco ha offerto la grande sorpresa della giornata ed ha confermato i dubbi sulla forma dello spagnolo. Dopo aver salvato due set point ed aver conquistato il primo set al tie-break con una grandissima risposta di diritto, Verdasco ha concesso un break che gli è costato il secondo set. Anche in apertura di terzo set Llodra è stato abile ad approfittare delle disattenzioni dello spagnolo ed a capitalizzarle fino alla conquista del set. Nel quarto Verdasco ha avuto un ritorno di orgoglio ed ha recuperato da uno svantaggio di 4-2 fino ad issarsi ad un secondo tie-break, nel quale è dovuto soccombere all’aggressività del talentuoso francese che ha regalato una grandissima gioia al pubblico di Clermont-Ferrand. La Francia avrà già domani la possibilità di chiudere i conti e, vista la condizione di Verdasco, che dovrebbe giocare in coppia con Lopez contro Benneteau e Llodra, sembra un’impresa decisamente alla portata.
 

Venerdì
Gael Monfils (FRA) def David Ferrer (ESP) 7-6(3) 6-2 4-6 5-7 6-4
Michael Llodra (FRA) v Fernando Verdasco (ESP) 6-7(5) 6-4 6-3 7-6(2)

Sabato
Julien Benneteau/Michael Llodra (FRA) v Feliciano Lopez/Fernando Verdasco (ESP)
Gael Monfils (FRA) v Fernando Verdasco (ESP)

Domenica
Michael Llodra (FRA) v David Ferrer (ESP)

 

Daniele Vallotto

comments powered by Disqus
TV Tennis
Ultimi commenti
Blog: Servizi vincenti
La vittoria di Francesca Schiavone a Parigi

Fotogallery a cura di Giacomo Fazio

Ubi TV

Ubaldo Scanagatta e Daniele Azzolini commentano il trionfo di Nadal a Wimbledon

Quote del giorno

“Che ci crediate o no, il mio coach, prima dell’inizio del torneo, mi ha detto che sarei stato in grado di giocare per dieci ore”

John Isner e un curioso aneddoto sul match dell’anno

Accadde oggi...

11 Luglio 1982

John McEnroe e Mats Wilander giocano la partita all’epoca più lunga nella storia del tennis – 6 ore e 22 minuti – McEnroe vince 9-7, 15-17, 3-6, 8-6 e dà all’America il decisivo 3-2 nei quarti di finale della Coppa Davis contro la Svezia.

 

Tratto da: On This Day in Tennis History di Randy Walker