03/03/2013 10:56 CEST - ATP delray Beach

Delray Beach: Roger-Vasselin batte Isner e va in finale

TENNIS - A Delray Beach, alla sua prima semifinale ATP, Roger-Vasselin elimina Isner. In finale troverà Gulbis, che ha battuto Tommy Haas. Era dal torneo di Houston del 2007 che non si vedeva una finale tre due giocatori fuori dai top-100. Alessandro Mastroluca

| | condividi
Edouard Roger-Vasselin
Edouard Roger-Vasselin

A 29 anni, alla sua prima semifinale ATP, Edouard Roger-Vasselin gioca la miglior partita della sua carriera: batte John Isner 64 46 64 e si qualifica per la finale di Delray Beach, dove troverà Ernests Gulbis che ha eliminato Tommy Haas 63 46 76. È la prima volta dal torneo di Houston del 2007 che due giocatori fuori dai primi 100 arrivano in finale in un torneo ATP: allora Karlovic (108) sconfisse Zabaleta (156).

Roger-Vasselin è arrivato al tennis grazie a suo padre Cristophe, che nel 1983 ha interrotto ai quarti di finale del Roland Garros la serie di 18 vittorie consecutive negli Slam di Jimmy Connors. Ha poi perso in semifinale da Noah, che avrebbe vinto il titolo, ma quel traguardo gli ha permesso di raggiungere la sua miglior classifica, al numero 29 del mondo.

Edouard non ha mai raggiunto vette così alte, ma a Delray Beach ha vissuto la sua settimana indimenticabile, culminata nel successo su Isner, il suo secondo contro un top-20 dopo la vittoria su Del Potro al primo turno a Tokyo nel 2009. Nel primo set contro Isner, Roger-Vasselin perde appena cinque punti al servizio, ma l'aspetto più sorprendente della sua prestazione è la qualità della risposta. Isner, che chiude comunque con 20 ace all'attivo, si trova a fronteggiare palle del doppio break sull'1-3 nel secondo set: nel primo set e mezzo ha convertito appena il 61% di punti con la prima. A titolo di paragone, nel secondo turno contro Soeda aveva ceduto tre punti con la prima in tutto il match. Roger-Vasselin, numero 105 del mondo e con un best ranking di n.67, continua a piazzare passanti lungolinea e rovesci vincenti e sembra avviato a un'ancora più sorprendente vittoria in due set. Ma con un doppio fallo concede il break del 4-4 e perde nuovamente il servizio nell'ultimo game affossando un rovescio a rete sul set point.

Isner subisce subito il break in avvio di terzo set, e nel secondo turno di battuta evita il doppio break salvandosi da 2-0 0-40 con cinque ace di fila. Roger-Vasselin salva quattro palle break nel secondo game e una quinta nel quarto gioco. Costretto ai vantaggi nel terzo turno di battuta, il francese non trema, anzi cambia tattica e spesso si affida al serve-and-volley senza concedere a Long John altre chance di rientrare in partita.

Nell'altra semifinale Gulbis ha servito nove ace, beneficiato dei nove doppi falli di Haas e salvato tutte le cinque palle break che ha dovuto fronteggiare nel terzo set. Il lettone è partito bene, trovando il break al quinto game con un perfetto passante di rovescio con cui è passato a condurre 3-2. È l'inizio di un parziale di quattro giochi a zero, chiuso dal rovescio a rete di uno sfiduciato Haas.

Gulbis però cede per la prima volta il servizio nel terzo game del secondo set con un doppio fallo sul 40 pari e uno smash scentrato sulla palla break. Haas completa un secondo break salendo 5-2, ma non riesce a chiudere il parziale. Non commette errori, però, quando va a servire per la seconda volta per allungare il match al terzo.

L'inerzia rimane dalla parte del tedesco, che manca cinque palle break in due consecutivi turni di risposta: si trova avanti 4-4 15-40 e 5-5 0-40, ma in entrambe le occasioni Gulbis, che dà il meglio di sé quando conta di più. Al tiebreak vince un punto incredibile, mostrando anche ottime qualità difensive, per prendere un minibreak di vantaggio (2-1), allunga 4-1 con una perfetta palla corta di rovescio e chiude 7-2 al primo match point grazie al dritto lungo di Haas.

Gulbis e Roger-Vasselin non si sono mai incontrati a livello ATP. Ci sono stati tre incontri a livello Challenger, tutti vinti dal lettone, ma l'ultimo risale ai quarti di Mons del 2007. Comunque vada, sarà la prima volta dal successo di Del Potro qui nel 2011 che un giocatore fuori dai 100 vince un titolo ATP.

Alessandro Mastroluca

comments powered by Disqus
QS Sport

Si scaldano le trattative di mercato: Milan e Juventus attivissime, la Roma blinda Florenzi; Thohir dice no all'Atletico Madrid per Icardi e Handanovic. Maxi Lopez è del Chievo, Trezeguet torna al River Plate

Ultimi commenti