WTA Madrid: avanti Sharapova e Williams, fuori Errani e Vinci

WTA

WTA Madrid: avanti Sharapova e Williams, fuori Errani e Vinci

Pubblicato

il

TENNIS – La Williams non ha vita facile contro la padrona di casa mentre la Sharapova, solida e centrata, dispone di Sam Stosur con lo score di 6/4 6/3. Na Li, irriconoscibile nel primo set con la Stephens, vince in rimonta (2-6, 6-3, 6-2). La Kvitova risolve piuttosto agevolmente il derby con la Safarova. Fuori le azzurre Errani e Vinci (solo due game contro Radwanska)

Ascolta Sara Errani dopo il match (2 parti)

 

Ascolta Roberta Vinci dopo il match

Na Li affronta Sloane Stephens per un posto ai quarti di finale del torneo di Madrid. La cinese, rimasta out per un mese e mezzo a causa di un infortunio al ginocchio, si è ripresentata sulla terra rossa spagnola con una vittoria (contro la connazionale Zheng) e incrocia agli ottavi l’americana che non è mai andata cosi’ avanti nel torneo.

Le condizioni di gioco piuttosto rapide a causa dell’altura, favoriscono proprio la 21enne che nel primo set sembra davvero incontenibile: sull’1-1 strappa il primo break e infila 5 giochi consecutivi, annichilendo la sua avversaria con potenti accelerazioni. C’è anche un’evidente complicità da parte della campionessa del Roland Garros, apparsa irriconoscibile sin dai primi scambi, totalmente votata all’errore (alla fine del parziale ne collezionerà ben 19). Sul 5-1, Na Li cancella due set point e si ribella allo strapotere della rivale che chiude pero’ i conti sul proprio turno di battuta.

La cinese rischia di subire un’altra lezione da una giocatrice americana dopo l’uscita di scena al primo turno subita l’anno scorso proprio a Madrid per mano di Madison Keys. Stavolta, il monologo stelle-strisce si interrompe nel secondo set, quando si invertono i ruoli. Sul campo, infatti, si presenta la vera numero 2 al mondo che ha ottenuto in carriera grandi risultati su questa superficie, compreso il titolo del Roland Garros. Rispetto al primo set, Na Li lascia andare il braccio e trova più soluzioni vincenti, pur mantenendo elevato il numero degli errori (18). Sul 3-5, con un break di vantaggio, serve per il set ma commette un paio di imprecisioni, non chiude un punto già fatto, e rischia di rimettere in gioco la Stephens concedendole tre palle break. E’ brava, pero’, a recuperare dallo 0-40 e ad allungare cosi’ la gara al set decisivo.

Dopo un inizio davvero stentato, Na Li si scioglie definitivamente portandosi subito sul 3-0. Appare chiara nella cinese la volontà di non sprecare altre energie per conquistare la vittoria numero 25 in stagione (semifinale a Indian Wells e finale a Miami), a fronte di sole tre sconfitte. Mentre la Stephens non riesce a opporre resistenza, la numero 2 al mondo si porta velocemente sul 4-1, punteggio paradossalmente insidioso, già fatale alla McHale contro la Sharapova. La stessa Li accusa una leggera flessione e subisce il break ma lo recupera immediatamente nel turno di battuta successivo e mette fine alle ostilità, qualificandosi ai quarti di finale dove incontrerà la vincente del match tra Sharapova e Stosur   

[5] P. Kvitova b. L. Safarova 6-4 6-3 (Daniele Vallotto)

Cronaca di un derby che non c’è stato. Ed è un vero peccato perché la somma del talento di Petra Kvitova e Lucie Safarova potrebbe dare vita ad un match spettacolare e pieno di colpi di scena. Invece, come spesso succede nei derby, la pratica è stata chiusa piuttosto agevolmente e con un punteggio anche più generoso rispetto ai valori visti oggi in campo. Petra Kvitova avanza ai quarti di Madrid battendo per la quarta volta (e terza in stagione) Lucie Safarova, mai capace di vincere contro la più blasonata connazionale. Safarova entra in campo molto convinta mentre Kvitova è non pervenuta. Il servizio della numero 6 del mondo non funziona mentre Safarova non sbaglia nulla nei primi game. Se aggiungiamo una mobilità da rivedere per Kvitova, non è una sorpresa il 4-0 iniziale in favore di Safarova. Purtroppo, il bello del match finisce qua. Colpa di Safarova, che all’improvviso comincia a sbagliare colpi interlocutori, e grande merito di Kvitova, che quando si risveglia dal torpore è capace di fare cose impensabili per quasi tutto il resto del circuito. Petra recupera facilmente i due break e alla fine piazza pure la zampata che vale il 6-4. La striscia di sette game di fila viene interrotta ma anche se Safarova ha due palle break sull’1-1 del secondo set il suo destino è segnato. Petra le annulla con autorevolezza e subito dopo manda un chiaro segnale brekkando a 0. Il punteggio finale potrebbe essere più severo ma Kvitova non riesce a brekkare sul 4-1 e quindi decide di affidarsi al pilota automatico: il risultato finale è un 6-4 6-3 grazie ad una Kvitova a tratti brillante e ad una Safarova che è durata davvero troppo poco. Per Kvitova probabile quarto di finale con Serena, primo banco di prova sulla stagione terraiola. La statunitense ha vinto tutti i precedenti, perdendo un solo set.

S. Williams b. C. Suarez-Navarro 6-2 6-3 (Giulio Fedele)

I precedenti non facevano ben sperare Carla Suarez-Navarro, che negli ultimi 3 scontri aveva raccolto la miseria di ben 5 game. Mai come oggi però sembrava che la testa di serie numero 14 del tabellone avesse potuto impensierire Serena Williams, che finora le aveva donato solo sonore lezioni. La spagnola infatti giocava in casa, con il favore del pubblico, pochi giorni dopo aver vinto il suo primo titolo Wta in quel di Oeiras contro Svetlana Kuznetsova, in più l’americana si presentava al torneo di Madrid dopo la pausa presasi a partire da Charleston e con una fasciatura alla coscia sinistra.

E se le credenziali per fare un match alla pari c’erano tutte, anche l’inizio-partita sembrava confermare questa tendenza. Incredibilmente infatti, Suarez-Navarro strappava il break in apertura, addirittura a 0, ad una come la Williams che possiede uno dei migliori servizi del circuito. Purtroppo per la spagnola però, come poi è successo in tutta la partita, non ha saputo capitalizzare le (poche) occasioni concessele dall’avversaria. Infatti Carla non è riuscita a tenere un servizio durante tutto il primo set! Serena dal suo canto faticava altrettanto, se si pensa che il primo parziale è stato indeciso fino al 3-2. La Williams non è apparsa centrata: quando era il momento di entrare in campo con l’attacco, molto spesso e volentieri sbagliava direzione e trovava l’avversaria, o addirittura spediva fuori colpi che di solito divora. Sintomatica è stata la scelta di un serve&volley infruttuoso che è valso alla spagnola il break del 3-2. Ma d’altronde, quando poi mostrava la vera belva che è in lei, dopo piccoli black out, infilava vincenti in serie, che le permettevano di vincere i game dove partiva sotto 0-30. È così che, con buona pace della Suarez-Navarro, Serena conquistava i tre game di fila valevoli per il set, con l’opportunità di servire nel secondo.

La spagnola chiamava il coach, come ormai è solita fare ad ogni fine set. Ciò, apparentemente sembrò essere servito, dato che la Suarez-Navarro strappava di nuovo il break alla americana, in apertura di set. Ma il vero tabù è stato il servizio, che quest’oggi ha annullato tutti i vantaggi acquisiti con i break. Ma la colpa da addossare alla spagnola non era tanto in battuta, quanto nei punti cruciali, dove non ha saputo sfruttare le palle game capitatele sul 0-1 e poi sul 1-2, pur tenendo molto bene lo scambio. Stranamente, è riuscita però a tenere il servizio non appena la Williams balzava in vantaggio 3-2, e per di più a 0. Questo però le è stato per poco tempo di buon auspicio, e non ha contribuito ad invertire la tendenza negativa. Dal 3-3 la Williams-valanga infatti la travolgeva impetuosa, infilando come in chiusura di primo set, una tripletta di game, che le valevano il match. 

Per la Suarez-Navarro questa sconfitta non ha un sapore così negativo, considerato che ha raccimolato in un match quanto era riuscita a fare nei 3 precedenti assieme. Per la Williams la 650esima vittoria in carriera, che la immette nell’olimpo del tennis assieme a giocatrici del calibro di Martina Navratilova, Chris Evert, Steffi Graf, Virginia Wade, Arantxa Sánchez-Vicario, Lindsay Davenport, Conchita Martínez, Evonne Goolagong Cawley, Billie Jean King e Venus Williams. Se dovesse vincere anche domani eguaglierebbe proprio la sorella, a quota 651.

M. Sharapova b. S. Stosur 6-4 6-3 (Laura Guidobaldi)

Masha e Sammy: scende in campo la potenza oggi a Madrid sull’Arantxa Sanchez Vicario. Ma se la prima sfodera un tennis sempre a mille accompagnato da una concentrazione pressoché incrollabile e “glaciale”, l’altra, a volte, vanifica le proprie “fucilate” a causa di una pericolosa fragilità emotiva. In realtà Maria Sharapova e Samantha Stosur, pur essendo entrambe due grandi picchiatrici, sono comunque molto diverse, innanzitutto per temperamento ed emotività.

Maria, quando perde, riesce ad essere ancora più temibile, proprio come una tigre che, ferita, può diventare ancora più pericolosa e mortale. Sammy è invece troppo spesso preda ma soprattutto di se stessa, dei fantasmi che si impossessano di lei nei momenti complicati del match, perdendo così in efficacia e lucidità e lasciandosi così sopraffare dall’avversaria. È accaduto infatti nella memorabile finale del Roland Garros vinta dalla nostra Francesca Schiavone che, dal canto suo, ha giocato una partita perfetta. Tuttavia Samantha ha saputo comunque raggiungere traguardi importanti, come alzare un trofeo dello slam, quello dello US Open nel 2011, disputando una finale impeccabile contro Serena. Certo però che la Sharapova è molto più abituata alle vittorie di quanto non lo sia Sammy.

Oggi quello tra la siberiana, attuale n. 9 del ranking e l’australiana, ora n. 19, è il 15° incontro, con Masha che conduce per 12 vittorie a 2; quindi, almeno sulla carta, la russa parte nettamente favorita.

Il match parte all’insegna dell’equilibrio poiché entrambe le giocatrici dimostrano efficacia e costanza al servizio, evitando così di subire il break fino al 5-4. Sul 2-3 0-30 la Sosur recupera con autorità, piazzando servizi calibrati e pesanti, per aggiudicarsi poi anche il 6° gioco e pareggiare i conti. Sia Maria che Samantha spingono a tutta, scaraventandosi sulla palla con tutto il peso del corpo e mirando gli angoli e alle righe. Concentrate e solide, nessuna delle due intende concedere tregua all’altra. La Sharapova ora sale 4-3, mettendo a segno ottimi servizi e fendenti che non perdonano. La Stosur annulla nuovamente le distanze, dimostrandosi centratissima, sia al servizio che con il palleggio da fondo, alternando “fucilate” micidiali a back che scendono bassi e velenosi. Ma Maria va avanti come un rullo compressore, spara e spara, ritrovandosi 5-4. Comunque, la russa dà prova anche di un notevole tocco, sorprendendo l’australiana con un ammirevole taglio di rovescio che muore dopo la rete. Ed ecco che, nell’attimo che conta davvero, sul 4-5 30-30, la Stosur stecca malamente un rovescio concedendo così alla Sharapova un setpoint; setpoint che poi la tennista di Brisbane trasforma lei stessa a favore della siberiana sbagliando malamente da fondo campo. Insomma, la tensione emotiva gioca ancora un brutto scherzo a Sam Stosur; Maria rimane invece imperturbabile e ottimizza immediatamente l’unica possibilità di intascare la prima frazione, che fa sua per 6-4

Nel secondo set la russa sale in cattedra : ha una palla break sull’1-0, annullata però dall’australiana; ce n’è un’altra che Maria ottiene grazie ad un piazzato contropiede e, ancora una volta, con soluzioni potenti e un dritto al volo, Sam riesce ad azzerarla per poi raggiungere il pareggio sull’1-1. L’equilibrio continua ad essere protagonista fino al 3-2. Samantha si trova 2-3 e servizio e concede adesso ben 3 palle break con Sharapova che sale 40-0. L’australiana ne salva 2 ma, alla terza, un’altra malauguratissima stecca di rovescio, permette alla russa di salire 4-2 e servizio e mettere una seria ipoteca sull’incontro. E invece…ecco che Maria, per la prima volta nel match, vacilla, si mostra fragile, permettendo a Sammy di effettuare il controbreak a zero e salire 3-4 e servizio.

Ma l’australiana, ancora una volta, non riesce ad approfittare dell’attimo di defaillance dell’avversaria: cede nuovamente il servizio e la bionda siberiana si riprende il vantaggio, sale 5-3 con la possibilità di servire per il match. La tennista di Brisbane spinge disperatamente a mille ma i suoi siluri escono inesorabili. Maria sale 30-0. Un impeccabile attacco della Stosur con volé di rovescio finale spiazza la russa che poi caccia a rete un facile rovescio.

Adesso è il servizio a tradire Masha che, con un malcapitato doppio fallo, offre all’avveraria la possibilità del controbreak. Ma anche questa volta l’australiana fallisce e, non solo c’è nuovamente il pareggio, ma con un dritto lungolinea lungo, la Stosur concede un matchpoint all’avversaria. Sulle fucilate della russa, Samantha sbaglia ancora mettendo il dritto a rete e Maria Sharapova chiude l’incontro per 6/4 6/3. Masha continua dunque la sua corsa sulla terra rossa madrilena, terra rossa sulla quale l’anno scorso è arrivata in finale contro Serena Williams. Domani l’aspetta la n. 2 del mondo e del seeding, la cinese Na Li.

A. Radwanska b. R. Vinci 6-1, 6-1 (Oscar Lanti)

Niente quarti di finale a Madrid per Roberta Vinci, ma l’impresa era davvero proibitiva: la 31enne tarantina, numero 20 del tennis mondiale, non ce l’ha fatta a superare Agnieszka Radwanska, che l’ha battuta con un doppio 6-1. Si è esaurito di fronte alla numero 3 del ranking lo slancio della vittorie ottenute contro Hantuchova (all’esordio) e al secondo turno contro la danese ex numero 1 al mondo, Caroline Wozniacki.

Nel primo set la Radwanska parte fortissimo e strappa la battuta fin da subito alla pugliese, portandosi sul 3-0. La Vinci non riesce a trovare contromisure valide e perde ancora il servizio, permettendo alla polacca di volare sul 6-1. Il secondo set è la fotocopia della prima frazione, con la tarantina capace di vincere solo il primo game, prima di subire una serie di sei giochi consecutivi che fanno calare il sipario sul match.

Nessun rimpianto, dunque, per la Vinci che si piega per la settima volta alla 25enne di Cracovia, con l’unico successo datato nel lontano 2006, nel primo confronto diretto. La Radwanska si qualifica così ai quarti di finale dove ora affronterà la Garcia, giustiziera di Sara Errani.

C.Garcia b. S. Errani 6-2, 4-6, 6-3 (Oscar Lanti)

Finisce al giovedi’ il Premier Mandatory di Madrid per i colori azzurri perchè, dopo l’eliminazione di Roberta Vinci, arriva anche quella di Sara Errani. Deludente e inaspettata la battuta d’arresto della bolognese con Caroline Garcia (6-2, 4-6; 6-3), arrivata agli ottavi grazie ai ritiri di Kerber e Kirilenko.

Inizio di partita subito sprint per la transalpina che si porta sul 3-0 e servizio, mentre la Errani tenta di rientrare in partita ma nel settimo gioco spreca quattro palle del contro-break. Sciupate queste occasioni, l’azzurra si demoralizza e consegna il primo parziale con il punteggio di 6-2.

Nel secondo set, Sara reagisce bene imponendo il proprio gioco e riuscendo a portarsi avanti sul 3-1.  La Garcia però è brava a ricucire lo strappo e a ristabilire la parità. Sara si mantiene lucida davanti al tentativo di rimonta, prima si porta avanti 5-3 e dopo va a conquistare la seconda frazione per 6-4.

L’inerzia sembra tutta dalla parte della numero 11 del ranking ad inizio terzo set ed infatti la Errani si involava sul 2-0. Ma Caroline riesce a colmare il gap sino al 3-3 per piazzare poi l’allungo decisivo che le fa alzare le braccia al cielo dopo 2 ore e 10 minuti di lotta. Sconfitta pesante per Sara anche in ottica ranking. La romagnola doveva difendere a Madrid la semifinale del 2013, stessa situazione che si ripeterà anche a Roma e al Roland Garros.

Continua a leggere
Commenti

Ranking

WTA Ranking: Barty chiude da regina. Conferme e delusioni del 2019, Italia nel baratro

L’australiana termina la stagione in vetta. Un anno fa era n.15. Barty non è l’unica ad aver migliorato la propria classifica: in top 20 ci sono 8 nuove atlete rispetto alla fine del 2018. Giorgi conclude l’anno al n.98

Pubblicato

il

Ashleigh Barty (via Twitter, @WTA)

Con la vittoria alle Finals di Shenzhen Ashleigh Barty chiude la stagione al n.1 del ranking per la prima volta in carriera. Primato meritatissimo in virtù dei titoli conquistati durante il 2019. Oltre alle Finals, ricordiamo il titolo a Parigi, quelli di Miami e di Birmingham. Esattamente dodici mesi si laureava campionessa a Zhuhai e si assestava al n.15 della classifica. Un balzo di 14 posti che l’ha portata non solo in top ten ma addirittura al n.1, con un vantaggio di 1911 punti sulla seconda, Karolina Pliskova.

TOP 10 E TOP 20 – Rispetto al 2018, ci sono molte novità. Abbiamo 8 nuovi ingressi in top 20, di cui 2 direttamente in top 10. Si tratta di Bianca Andreescu (n.5), che un anno fa era addirittura n.178, e Belinda Bencic (n.8), che registra un bel +29 posti. Rientra nelle venti Johanna Konta (n.12, +27) accanto a cinque esordienti: Sofia Kenin (n.14 e ben 38 posti in più), Petra Martic (n.15, +17), Marketa Vondrousova (n.16, +51), Alison Riske (n.18, +45) e Donna Vekic (n.19, +15).

Chi sono invece quelle che mancano all’appello? Salutano il gruppo delle migliori Sloane Stephens, che precipita dal n.6 al n.25, Anastasija Sevastova, che passa dal n.12 al n.27,  Julia Goerges (n.28, -14), Qiang Wang (n.29, -9) e Garbiñe Muguruza (n.36, -18). Quelle però in maggiori difficoltà sono Caroline Wozniacki, un anno fa n.3 mentre quest’anno è in discesa di 35 posti (n.38),  Caroline Garcia (n.45, -26) e Daria Kasatkina, dal n.10 al n.69 nell’arco di un anno.

 

Mantengono la posizione di un anno fa Kvitova (n.7), Bertens (n.9) e Sabalenka (n.11). Rispetto al finale di stagione 2018, migliorano la propria classifica Pliskova, che sale dal n.8 al n.2, Osaka (n.3, +2) e Serena (+6, n.10). Simona Halep, che ha chiuso per due stagioni al n.1, quest’anno si deve accontentare di terminare al n.4, ma con uno Slam in più nel palmares. Retrocede leggermente Svitolina (n.6, -2) mentre crolla Kerber, precipitando dal n.2 al n.20.

Le giocatrici comprese in top 25 capaci di chiudere la stagione al loro best ranking sono, oltre ovviamente a Barty,
Martic (14), Riske (18), Vekic (19), Muchova (21) e Yastremska (22).

IL DETTAGLIO DELLA TOP 50

Variazione Nazionalità Giocatrice Anni Punti Tornei
0 [AUS] Ashleigh Barty 23 7851 15
0 [CZE] Karolina Pliskova 27 5940 19
0 [JPN] Naomi Osaka 22 5496 17
1 [ROU] Simona Halep 28 5462 17
-1 [CAN] Bianca Andreescu 19 5192 15
2 [UKR] Elina Svitolina 25 5075 22
-1 [CZE] Petra Kvitova 29 4776 17
-1 [SUI] Belinda Bencic 22 4745 25
1 [NED] Kiki Bertens 27 4245 27
-1 [USA] Serena Williams 38 3935 10
3 [BLR] Aryna Sabalenka 21 3120 24
-1 [GBR] Johanna Konta 28 2879 17
0 [USA] Madison Keys 24 2767 15
-2 [USA] Sofia Kenin 20 2740 24
0 [CRO] Petra Martic 28 2617 18
0 [CZE] Marketa Vondrousova 20 2390 12
1 [BEL] Elise Mertens 23 2290 26
1 [USA] Alison Riske 29 2210 24
1 [CRO] Donna Vekic 23 2205 23
-3 [GER] Angelique Kerber 31 2175 22
5 [CZE] Karolina Muchova 23 1864 15
2 [UKR] Dayana Yastremska 19 1825 24
-1 [GRE] Maria Sakkari 24 1820 23
-3 [USA] Amanda Anisimova 18 1793 17
-2 [USA] Sloane Stephens 26 1737 20
-1 [EST] Anett Kontaveit 23 1645 19
0 [LAT] Anastasija Sevastova 29 1617 23
0 [GER] Julia Goerges 31 1610 21
0 [CHN] Qiang Wang 27 1563 20
0 [RUS] Anastasia Pavlyuchenkova 28 1560 22
0 [USA] Danielle Collins 25 1558 18
0 [TPE] Su-Wei Hsieh 33 1505 24
0 [CZE] Barbora Strycova 33 1491 21
0 [KAZ] Yulia Putintseva 24 1460 25
0 [RUS] Ekaterina Alexandrova 24 1425 28
0 [ESP] Garbiñe Muguruza 26 1412 16
0 [KAZ] Elena Rybakina 20 1401 27
0 [DEN] Caroline Wozniacki 29 1383 16
1 [CHN] Saisai Zheng 25 1375 25
-1 [FRA] Kristina Mladenovic 26 1360 27
0 [RUS] Veronika Kudermetova 22 1351 27
0 [POL] Magda Linette 27 1320 27
0 [SWE] Rebecca Peterson 24 1275 23
0 [LAT] Jelena Ostapenko 22 1250 27
0 [FRA] Caroline Garcia 26 1235 25
0 [CHN] Shuai Zhang 30 1216 25
1 [BEL] Alison Van Uytvanck 25 1175 24
-1 [CHN] Yafan Wang 25 1165 25
0 [SLO] Polona Hercog 28 1145 24
0 [BLR] Victoria Azarenka 30 1115 18

CASA ITALIA

La nota dolente è che Camila Giorgi perde ancora 4 posizioni e chiude quest’annata da dimenticare al n.98. L’Italia rischia di non avere giocatrici in top 100 a inizio 2020, quando a Camila scadranno i punti ottenuti in Australia. Un anno fa Giorgi concludeva la stagione migliore della sa carriera al 26esimo posto. Questa invece sarà la stagione peggiore dal 2011, quando si fermò per la pausa invernale al n.149. Segnaliamo, tra le altre, i 39 posti in più di Sara Errani che torna al n.200 dopo aver raggiunto la finale all’ITF di Asuncion, dove ha perso da un’altra italiana, Elisabetta Cocciaretto (+60, n.215).

Camila Giorgi
Classifica WTA Variazione Giocatrice Punti Tornei
98 -4 Camila Giorgi 680 17
117 2 Jasmine Paolini 571 29
153 8 Martina Trevisan 393 25
175 5 Giulia Gatto-Monticone 350 24
199 2 Martina Di Giuseppe 297 28
200 39 Sara Errani 297 20
215 60 Elisabetta Cocciaretto 281 15
311 29 Martina Caregaro 177 16
315 -5 Stefania Rubini 173 20
343 -5 Jessica Pieri 149 24
356 -4 Lucia Bronzetti 140 25
364 0 Cristiana Ferrando 134 20
371 -4 Bianca Turati 128 14
397 -11 Deborah Chiesa 112 22
411 1 Camilla Scala 106 16
429 -25 Federica Di Sarra 100 15
430 -5 Lucrezia Stefanini 99 20
447 -9 Claudia Giovine 93 15
454 -13 Gaia Sanesi 92 18
463 9 Camilla Rosatello 89 14

NEXT GEN RANKING

Dayana Yastremska supera Amanda Anisimova al n.3 nel ranking Next Gen. Entra per la prima volta in classifica Katarina Zavatska, nella posizione più bassa, il n.10. (Nel Next Gen ranking del 2018 rientrano le giocatrici nate dopo il 1° gennaio 1999).

Posizione Variazione Giocatrice Anno Classifica WTA
1 0 Bianca Andreescu 2000 5
2 0 Marketa Vondrousova 1999 16
3 1 Dayana Yastremska 2000 22
4 -1 Amanda Anisimova 2001 24
5 0 Elena Rybakina 2000 37
6 0 Iga Swiatek 2001 61
7 0 Cori Gauff 2004 68
8 0 Anastasia Potapova 2001 93
9 0 Varvara Gracheva 2000 105
10 Katarina Zavatska 2000 110

NATION RANKING

L’unica novità della classifica di fine anno per compagini nazionali è l’ingresso del Kazakistan al n.10. Esce dalla top 10 la Svizzera. (Il Nation Ranking si ottiene sommando il ranking delle prime tre giocatrici di ciascuna nazione).

Posizione Variazione Nazione Punteggio
1 0 Repubblica Ceca 25
2 0 Stati Uniti 37
3 0 Ucraina 98
4 0 Russia 106
5 0 Cina 114
6 0 Germania 121
7 0 Bielorussia 128
8 0 Francia 145
9 0 Australia 148
10 Kazakistan 149

Continua a leggere

WTA

Per Barty è un trionfo da N.1: sue le Finals di Shenzhen

Grande prova dell’australiana che supera in due set Svitolina e si porta a casa l’assegno più ricco della Storia del tennis, 4,4 milioni di dollari

Pubblicato

il

Ashleigh Barty - WTA Finals Shenzhen 2019 (foto via Twitter, @WTAFinals)

[1] A. Barty b. [8] E. Svitolina 6-4 6-3

La più classica delle ciliegine sulle torte. Coronando la stagione che l’ha vista conquistare la prima posizione mondiale e il primo titolo Slam in carriera a Parigi, Ashleigh Barty ha vinto le WTA Finals, di scena per la prima volta a Shenzhen, in Cina. Per riuscire in quest’ennesima impresa del suo meraviglioso 2019, la tennista australiana ha dovuto spezzare un incantesimo chiamato Elina Svitolina, che l’aveva ipnotizzata in tutti i cinque precedenti scontri diretti. Nell’occasione più importante a prevalere è stata però Barty, in due set, con il punteggio di 6-4 6-3, facendo valere il suo tennis, composto di continue variazioni di angoli e ritmo. La regolarità e solidità da fondocampo di Svitolina non si è rivelata sufficiente per contrastare il suo talento.

Grazie a questo successo la 23enne di Ipswich consolida ulteriormente la sua leadership, portandosi a 1900 punti di distanza da Karolina Pliskova. Nella prima parte di 2020 potrebbe addirittura incrementare il vantaggio. E dire che qualcuno dopo il Roland Garros la riteneva una numero uno pro tempore.

 

Il MATCH – Inizio di match segnato dal dominio del servizio. Le due tenniste danno il loro meglio con questo fondamentale, lasciando le briciole a chi sta in ribattuta. Quando si entra nello scambio comincia ad emergere però il tanto prevedibile quanto tutto sommato gradevole tema tattico della partita. È Barty a costruire gioco, con il suo ampissimo arsenale di colpi: rovesci in slice, dritti a sventaglio e colpi al volo. Svitolina pure fa la Svitolina, ovvero si getta su ogni palla, cerca di limitare al massimo gli errori, e di tenere alto il ritmo.

Nel nono gioco, guadagnarsi la prima palla break, grazie ad un recupero straordinario, è proprio la tennista ucraina. Barty però riesce a salvarsi e ad andare avanti per 5 a 4, mettendo così pressione alla battuta alla propria avversaria. E Svitolina, che fino a quel momento era stata impeccabile nei suoi turni di battuta, si squaglia, mette poche prime e regala diversi set point. Il terzo è quello buono per la giocatrice aussie che chiude con una risposta vincente su una seconda molto morbida il primo set in suo favore, dopo tre quarti d’ora di gioco.

Di marca molto diversa il secondo parziale. Seguendo il suggerimento del suo allenatore Andrew Bettles, Svitolina tenta di essere meno remissiva e più propositiva. La tattica paga ed è lei ad ottenere un primo allungo, andando 2 a 1 e servizio. Purtroppo per Svitolina, dall’altra parte della rete c’è un’avversaria alquanto ispirata. Da sotto 0-30, Barty mette in fila una serie di punti magistrali, alternando diverse soluzioni tecniche. Con uno smash vincente, l’australiana realizza l’immediato controbreak. Non paga, Barty strappa il servizio nuovamente alla sua avversaria nel sesto gioco, salendo 4 a 2.

Svitolina è però nota per essere un osso duro ed è determinata a confermare il titolo conquistato dodici mesi fa. La 25enne di Odessa rimane mentalmente in partita e accorcia le distanze, sfruttando un passaggio a vuoto di Barty. La partita è ora più che piacevole e i break si susseguono. Quello decisivo giunge nell’ottavo di gioco. Svitolina fa fatica a contenere sulla seconda e soprattutto non appena Barty la mette sul tocco va completamente in palla. L’australiana va così a servire per il match e senza alcuna esitazione porta a casa l’incontro e le WTA Finals dopo poco meno di un’ora e mezza di gioco. Più che le percentuali di prime in campo o i punti vinti con la seconda, a raccontare l’esito di questo match è la differenza notevole nella mole di vincenti ed errori tra le due tenniste. Ovviamente a favore di Barty. A conferma di una tennista che spesso impone il suo gioco sulle avversarie. E questa è una qualità da n.1.

Continua a leggere

WTA

WTA Finals: Pliskova spegne la luce, Barty ne approfitta e vola in finale

L’australiana perde il primo set contro un’ottima Pliskova, poi dilaga. In finale sfiderà Elina Svitolina

Pubblicato

il

Ashleigh Barty - WTA Finals Shenzhen 2019 (foto via Twitter, @WTAFinals)

[1] A. Barty b. [2] Ka. Pliskova 4-6 6-2 6-3

Sarà Ashleigh Barty la seconda finalista delle WTA Finals 2019. L’australiana se l’è vista brutta contro Karolina Pliskova, praticamente perfetta per un set e mezzo, ma, dopo aver ottenuto il break nel secondo parziale, è stata in grado di cambiare marcia e di portare a casa il match. Barty torna dunque avanti nei precedenti contro la ceca (3-2), ma soprattutto domenica potrà tentare di coronare la propria stagione da sogno contro Elina Svitolina, che l’ha sconfitta in tutti i cinque precedenti incroci

IL MATCH – La partita si prospetta combattuta fin dagli esordi. In particolare il servizio di Barty è quello che scricchiola di più anche perché Pliskova entra in campo con coraggio su ogni seconda, trovando anche soluzioni vincenti. L’australiana salva, con due rovesci vincenti e un ace, tre palle break già nel primo gioco, poi altre due nel terzo. Successivamente è lei ad avere la chance di strappare il servizio all’avversaria, ma non riesce a sfruttarla e sul 2-2 è infine costretta a capitolare all’ottava occasione concessa. Dopo questi primi cinque game di grande lotta, seguono improvvisamente quattro turni di servizi rapidi e indolori che conducono Pliskova a servire per chiudere il primo set. Un po’ di tensione della ceca regala a Barty l’occasione di rientrare. Pliskova però si riscuote e, supportata da servizio e dritto, archivia il primo set col punteggio di 6-4.

 

Il secondo set si apre sulla falsariga del primo con Pliskova molto arrembante e una Barty invece un po’ in difficoltà, soprattutto col dritto. L’australiana sbaglia troppo e subisce l’aggressività della ceca, ritrovandosi sotto 0-40 nel terzo gioco. Con l’ausilio dell’avversaria, riesce però a risalire la china e a tenere il servizio, non prima di aver annullato anche una quarta palla break. Nel gioco successivo, quasi dal nulla, Pliskova incappa in qualche errore di troppo e regala il break a Barty. Da questo momento la partita cambia volto. L’australiana infatti allunga sul 4-1 e comincia a prendere il comando degli scambi. Al servizio non soffre quasi per niente, contrariamente al difficile primo set, il dritto in manovra ora funziona a meraviglia e lo slice fa ammattire Pliskova. Costretta a colpire spesso in posizione scomoda o fuori equilibrio, la ceca cede nuovamente la battuta e il set col punteggio di 6-2.

Nel parziale decisivo i servizi tornano ad essere dominanti da entrambe le parti: nei primi cinque game si vedono solo tre punti vinti dalla giocatrice in risposta. Nel sesto però, Pliskova combina un pasticcio, come nel secondo parziale, e spedisce Barty avanti 4-2. La ceca palesa tutto il suo nervosismo quando, dopo l’ennesimo dritto in rete, scaglia con violenza la propria racchetta sul campo di gioco. Le chance per lei sono infatti pochissime perché Barty sta servendo benissimo adesso. Un piccolo momento di difficoltà arriva sul 5-3, al momento di chiudere, quando Barty che fino ad allora aveva concesso appena due punti in tutto il set con la battuta a disposizione, viene costretta ai vantaggi da una orgogliosa Pliskova. La ceca annulla infatti con coraggio due match point, ma deve poi arrendersi al terzo.

Il Ranking WTA aggiornato
Bencic si ritira, Svitolina in finale
Gironi, tabellone e risultati delle WTA Finals

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement