ATP Madrid:(s)punti tecnici, semifinali

(S)punti Tecnici

ATP Madrid:(s)punti tecnici, semifinali

Pubblicato

il

 

TENNIS – Puntata degli (s)punti interamente dedicata alla sorprendente ascesa di Kei Nishikori, che con la sua eccellente compostezza in campo e il suo ottimo rovescio è ormai entrato a far parte della Top 10 mondiale.


La personalità (e il rovescio) di Ke

Tra i giocatori in maggiore progresso attualmente nel tour professionistico maschile (avendo 24 anni e mezzo, non lo definirei propriamente un “emergente”) il giapponese Kei Nishikori, settimana dopo settimana, è quello che a mio avviso sta dimostrando l’evoluzione positiva più convincente.

Come spesso accade ai massimi livelli del tennis, tale crescita non è tanto di tipo tecnico (non solo, quantomeno), ma come avvenuto nei mesi scorsi per Wawrinka, la molla scattata per il nipponico è decisamente di tipo mentale.

Per quanto concerne le esecuzioni dei colpi, sulla base di un footwork perfetto e strepitosa velocità di piedi, Kei ha saputo aggiungere un servizio molto migliorato a due solidissimi fondamentali a rimbalzo. Dei quali il migliore – ma di poco – è l’eccellente rovescio bimane, che gestisce da sinistra-dominante, con la mano prossimale – six – al cuore della racchetta appena appena distanziata dalla distale – dx – e l’arto quasi completamente disteso all’impatto, praticamente un dritto mancino accompagnato con la mano destra. Questo gli consente un rapidissimo e violento richiamo della testa della racchetta verso l’alto-avanti, ottenendo cross diagonali strettissimi e potenti: è un’esecuzione specularmente assai simile (grip della mano prossimale a parte, che per Kei è eastern di dritto piena e per Rafa è semiwestern)  a quella, portata da destra-dominante, di Rafa Nadal, ma ancor più fluida ed efficace non tanto come capacità di spinta ma come resa in termini di top-spin generato.

Ma come detto, a quei livelli a parte piccoli aggiustamenti di solito la tecnica esecutiva è piuttosto sedimentata, e il vero salto di qualità molte volte nasce dall’evoluzione dell’attitudine in campo, e dai miglioramenti nella capacità di gestione psicologica del match. Avevamo già avuto modo di apprezzare durante l’ottimo torneo disputato da Nishikori a Miami il suo esemplare e tranquillo atteggiamento in campo, massima concentrazione, elevatissimo standard di rendimento, concentrazione e calma totali.

Quello che mi domandavo ammirandolo a Miami, ovvero “oltre a questa granitica solidità di testa, saprà Kei salire anche di personalità quando è necessario?” ha avuto una risposta chiarissima ieri sera, nel match di semifinale vinto dal giapponese su David Ferrer. Dopo oltre due ore di partita tiratissima, tra giocatori molto simili, si è arrivati al momento decisivo: il nono game del terzo set, 5-3 e servizio Nishikori. Sono quei game dove chi è chiamato al servizio per chiudere spesso si irrigidisce, e palesa tutte in una volta incertezze magari inesistenti nei turni di battuta precedenti. Chi risponde, con l’acqua alla gola, altrettanto spesso invece tira fuori risorse inaspettate: in definitiva, sono i momenti nei quali vengono fuori nel modo più evidente le qualità mentali.

Il game in questione è durato esattamente 26 punti. Subito 40-0 e tre match point Nishikori, poi tre errori del giapponese, e da lì in avanti alternanza di parità, match point (9) e break point (2) fino alla fine. Ebbene, di questi 26 punti giocati, solo uno (uno!), ovvero una risposta di dritto alla seconda palla sulla prima parità, settimo punto quindi, è stato un vincente di Ferrer. Solo quello.

Gli altri 25 sono stati tutti, dal primo all’ultimo, o vincenti o errori – commessi quasi tutti cercando la chiusura, pochissimi veri gratuiti – di Nishikori. Pazzesco.

Impedire a un “cagnaccio da terra rossa” del calibro di David di incidere nello scambio, per 25 punti su 26, nel game decisivo di un match tirato e giocato in casa dallo spagnolo con l’ovvio contorno di tifo contro, riuscendo a comandare sempre e comunque, a costo di sbagliare, è una delle dimostrazioni di personalità più clamorose che io abbia visto negli ultimi tempi. Ci vogliono davvero i cosiddetti “attributi” per mettersi lì, con Ferrer imbufalito dall’altra parte e uno stadio intero che parteggia per lui, e semplicemente dire “la vedi la palla? Bene, da adesso, e su ogni singolo punto, ci faccio quello che voglio io, chiudo o sbaglio non importa, e ti riduco a fare lo sparring”. Mica poco.

Non tragga in inganno la flemma “zen” di Kei, pochi urli, niente “grunting”, pugnetti e auto-incitamenti rarissimi: vanno valutati i fatti e i numeri delle sue prestazioni, e se oltre alla consistenza il giapponese continuerà a mettere in campo tanta sicurezza in se stesso e tanta fiducia nel suo tennis, saranno guai per parecchi in futuro. Magari non per Rafa (ottimo in questo torneo) stasera, perchè la tenuta fisica di Nishikori, e il fastidio alla schiena, pongono qualche interrogativo sulle sue possibilità di essere al massimo, però comunque vada a finire il “Guerriero del Sol Levante” merita tutti i nostri complimenti, e il sacrosanto ingresso tra i top-10.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Ubaldo Scanagatta
Flash20 ore fa

Roland Garros, Scanagatta: “Nadal subito Zverev. Se fosse meglio così? Il teorico cammino di Sinner” [VIDEO]

Jannik Sinner - Madrid 2024 (foto Florin Baltatoiu)
Flash1 giorno fa

Roland Garros, Scanagatta: “Sinner gioca e punta al n. 1 del mondo. E magari pure al Grande Slam. Si deve sognare in grande. Dove capiterà Nadal? Il campione di 14 Roland Garros é’ una mina vagante o no? Riparte l’UbiContest” [VIDEO]

Senza categoria4 giorni fa

Scanagatta a Radio Sportiva: “La bravura di Sara Errani e le prospettive di Zverev per Parigi”[AUDIO]

Alexander Zverev - Roma 2024 (X @inteBNLditalia)
evidenza7 giorni fa

Roma, Scanagatta: “Zverev può aver salvato il torneo” [VIDEO]

Flash1 settimana fa

Roma, Scanagatta: “Meglio le donne che gli uomini. In gara tre delle prime quattro del ranking, fra gli uomini solo due dei primi otto”

Flash2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Con Paolini bye bye Roma per le italiane. 5 azzurri superstiti. Tre giocano oggi ma il clou è Nadal-Hurkacz. Per lo spagnolo addio Roma più che arrivederci?” [VIDEO]

Matteo Berrettini - Roma 2024 (foto Francesca Micheli Ubitennis)
Flash2 settimane fa

ATP Roma, Scanagatta: “Piove sul bagnato. Dopo il KO di Sinner quello di Berrettini, e sul torneo diluvia. Menomale vincono Darderi e Cobolli” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Massey: “Il tetto è in programma e dal prossimo anno le chiamate elettroniche” [VIDEO]

evidenza1 mese fa

Scanagatta: “Un errore arbitrale clamoroso fa perdere a Sinner con Tsitsipas un match quasi vinto” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Scanagatta: “Jannik Sinner batte l’avversario più duro di sempre sul rosso e conserva il secondo posto mondiale” [VIDEO]

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement