Damiano Tommasi: “Se un atleta vince da dopato, paghi anche la sua federazione!”

Editoriali del Direttore

Damiano Tommasi: “Se un atleta vince da dopato, paghi anche la sua federazione!”

Pubblicato

il

 

TENNIS – L’ex calciatore è stato il solo, al recente convegno sul doping indetto dal CONI, ad aver espresso un concetto originale. Ma condivisibile. Doping e combine di scommettitori, due modi per truffare il prossimo.Ma le federazioni non sanno mai niente. Non pagano pegno, ma anzi…

Quando Damiano Tommasi, ex calciatore di sicura personalità e intelligenza nonché presidente dell’Assocalciatori, ha sostenuto Demetrio Albertini che ha perso le elezioni della FIGC, battuto dal presidente Carlo Tavecchio, sì quello delle banane e di “Opti Poba che gioca in serie A”, ho pensato – conoscendo i meccanismi elettorali delle federazioni sportive e i vari inciuci- che probabilmente non aveva vinto il miglior presidente.

Tommasi è stimato da tutti, per le scelte che ha fatto nel passato da calciatore e nel presente da dirigente. Non è mai stato un personaggio banale.

Sensazione che mi sono confermato quando ho saputo del suo intervento al convegno sul doping indetto dal CONI, pochi giorni dopo la deflagrazione del caso Carolina Kostner che rischia squalifiche più lunghe dell’ex fidanzato Schwazer che si dopava.

Tommasi è stato l’unico fra gli intervenuti a far notare la pericolosità della logica di premiare in termini di investimenti le federazioni che raccolgono migliori risultati in ambito internazionale e a sostenere che “Potrebbe essere un buon segnale quello di penalizzare le federazioni in caso di scandali per commissariamento o eventuali casi di positività”.
Pienamente d’accordo con lui, Sandro Donati, consulente Wada (l’agenzia mondiale antidoping) una delle poche personalità del mondo dello sport che non abbia mai avuto peli sulla lingua a proposito di doping -ha scritto numerosi libri che hanno raccontato tanti aspetti della battaglia antidoping così ricca di ipocrisie – e anche di federazioni che “andrebbero penalizzate nel caso in cui si dimostrino complici od omissive per fatti legati al doping”.
In effetti cosa succede oggi? Semplicemente che le federazioni sportive ottengono dal CONI soldi in rapporto ai risultati internazionali dei loro atleti. Risultati che naturalmente sono loro stesse a stimolare (e chiedo scusa per l’uso del verbo stimolare) garantendo premi legati alla conquista di una medaglia olimpica che atleti di certe discipline minori altrimenti non vedrebbero mai.
Ma se qualcuno di quegli atleti poi risulta dopato, o anche implicato in qualche scandalo, tipo scommesse nel calcio come nel tennis ed in altri sport, l’atleta dichiarato colpevole viene squalificato – quando il “reato” non viene prescritto – e sputtanato, ma quella federazione che si era avvalsa di quelle sue prestazione truccate dal doping o anche da una combine, dopo aver preso a suo tempo i soldi per quei risultati, se li tiene. Non li rende mai. Cadono dalle nuvole i nostri dirigenti, non sanno mai nulla, non si sono accorti di nulla. Tutt’al più dichiarano: “Se verranno trovati colpevoli fra i nostri tesserati siamo noi la parte lesa”.

Troppo comodo.
Il giro d’affari dei prodotti dopanti è pari a 200 miliardi di euro secondo rapporti presentati a vari convegni da persone preparate. Più o meno la stessa cifra che procura alle società di betting il giro di scommesse nel tennis.
Ma le federazioni, tutte eh, non solo le nostre, se qualcuno si macchia di quella che è una vera truffa, una frode nei confronti degli altri atleti “puliti” che non si drogano o anche degli scommettitori ignari che non sospettano combine dei giocatori, chiudono un occhio, quasi sempre due. Pilatescamente.
Sandro Donati ha dichiarato al collega Dario Pellizzari di Panorama (lo stesso che una volta ha scritto di uno scandalo che riguardava la FIT): “Il doping è un fenomeno tipico di tutti i Paesi al mondo e prevede alcuni denominatori comuni. Mi riferisco ad esempio ai medici ‘dopatori’, che diventano meta di riferimento per atleti di nazionalità diversa. Ma pure ad alcuni manager, che indirizzano gli atleti che fanno parte della loro scuderia, spesso eterogenea per discipline sportive e passaporto, presso i centri trasfusionali che permettono le emotrasfusioni. Ecco perché non si può fare un discorso legato a un singolo Paese, è un problema generale, che coinvolge tutti in tutto il mondo. Le Federazioni sportive internazionali hanno evitato per anni di affrontarlo di petto. Ora chi è più avanti di tutti in questo ambito è la Federazione ciclistica internazionale, perché messa in difficoltà dagli scandali che si sono succeduti negli ultimi tempi, ha deciso di dare un giro di vite al fenomeno con misure radicali ed efficaci. E’ la federazione che meglio di altre affronta il monitoraggio degli atleti attraverso il sangue per quello che viene chiamato ‘passaporto biologico’. Nelle altre federazioni, è una procedura che viene usata col contagocce oppure per niente”.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Ubaldo Scanagatta
Flash19 ore fa

Roland Garros, Scanagatta: “Nadal subito Zverev. Se fosse meglio così? Il teorico cammino di Sinner” [VIDEO]

Jannik Sinner - Madrid 2024 (foto Florin Baltatoiu)
Flash1 giorno fa

Roland Garros, Scanagatta: “Sinner gioca e punta al n. 1 del mondo. E magari pure al Grande Slam. Si deve sognare in grande. Dove capiterà Nadal? Il campione di 14 Roland Garros é’ una mina vagante o no? Riparte l’UbiContest” [VIDEO]

Senza categoria4 giorni fa

Scanagatta a Radio Sportiva: “La bravura di Sara Errani e le prospettive di Zverev per Parigi”[AUDIO]

Alexander Zverev - Roma 2024 (X @inteBNLditalia)
evidenza7 giorni fa

Roma, Scanagatta: “Zverev può aver salvato il torneo” [VIDEO]

Flash1 settimana fa

Roma, Scanagatta: “Meglio le donne che gli uomini. In gara tre delle prime quattro del ranking, fra gli uomini solo due dei primi otto”

Flash2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Con Paolini bye bye Roma per le italiane. 5 azzurri superstiti. Tre giocano oggi ma il clou è Nadal-Hurkacz. Per lo spagnolo addio Roma più che arrivederci?” [VIDEO]

Matteo Berrettini - Roma 2024 (foto Francesca Micheli Ubitennis)
Flash2 settimane fa

ATP Roma, Scanagatta: “Piove sul bagnato. Dopo il KO di Sinner quello di Berrettini, e sul torneo diluvia. Menomale vincono Darderi e Cobolli” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Massey: “Il tetto è in programma e dal prossimo anno le chiamate elettroniche” [VIDEO]

evidenza1 mese fa

Scanagatta: “Un errore arbitrale clamoroso fa perdere a Sinner con Tsitsipas un match quasi vinto” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Scanagatta: “Jannik Sinner batte l’avversario più duro di sempre sul rosso e conserva il secondo posto mondiale” [VIDEO]

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement