Fed Cup: Italia attenta! Cornet e Garcia non mollano mai

Fed Cup

Fed Cup: Italia attenta! Cornet e Garcia non mollano mai

Pubblicato

il

Nella splendida cornice del 105 Stadium di Genova (organizzazione perfetta della MCA di Ernesto De Filippis) Errani, Vinci, Giorgi e Knapp proveranno a superare le transalpine guidate dalle loro punte di diamante, note per la loro combattività, con Amelie Mauresmo in panchina. Chi schiererà Barazzutti come seconda singolarista?

Messo in archivio il primo Slam dell’anno, il circuito femminile riparte dalla Fed Cup, tradizionale competizione riservata alle rappresentative nazionali e che vede le nostre ragazze protagoniste da quasi un decennio con ben 4 trofei conquistati.
Il 1° turno dell’edizione 2015 vedrà l’Italia opposta alla Francia, sfida che giocheremo in casa, per la precisione e Genova, nella splendida cornice del 105 Stadium, dove per l’occasione è stato allestito un campo in terra battuta indoor grazie alla sapiente organizzazione della MCA di Ernesto Defilippis che come sempre non ha lasciato nulla al caso.

Capitan Barazzutti ha optato per un equilibrato mix tra le vecchie leve e quelle nuove, convocando al fianco delle navigate e titolate Errani e Vinci, la sempre più lanciata Camila Giorgi e Karin Knapp (queste ultime due comunque già convocate e splendide protagoniste nella trasferta in terra americana nel 1° turno della scorsa edizione).
Amelie Mauresmo ha invece puntato sulla combattività e la tenacia di Alize Cornet, che sembra nel circuito da secoli ma che ha appena 25 anni, e di Caroline Garcia, che dopo aver fatto pronosticare da giovanissima un futuro più che radioso e dopo aver apparentemente deluso le aspettative, è tornata in auge con un ottimo 2014 che l’ha portata a ridosso delle posizioni che contano (attualmente nr. 30 dell ranking).
Al fianco delle probabili singolariste Amelie Mauresmo ha convocato Kristina Mladenovic e Pauline Parmentier, che sono più conosciute nel circuito come doppiste (la Mladenovic in coppia con l’ungherese Babos ha giocato e perso la finale di Wimbledon dello scorso anno contro le nostre Errani/Vinci) e che potrebbero essere schierate anche in coppia su un eventuale 2 pari.

 

Vediamo quali sono le indicazioni che i primi tornei dell’anno ci hanno dato sulle componenti dei due team.

ITALIA

Sara Errani ha iniziato l’anno maluccio, complice anche una preparazione fisica deficitaria per malanni vari. Dopo un paio di uscite anche pesanti nei primi turni dei primi tornei l’abbiamo vista in buona ripresa agli Australian Open, dove è stata eliminata al 3° turno per mano di una ottima Wickmayer, ma Sara è stata avanti un set ed un break prima di finire Ko. Insomma, ci sembra sulla via del recupero, Garcia e Cornet non saranno avversarie tenere, ma una Errani in buone condizioni si deve sempre battere.
All’insegna della costanza l’inizio della stagione di Roberta Vinci, senza particolari sussulti, ma con un buon quarto di finale ad Hobart ed un secondo turno a Melbourne, eliminata dalla futura semifinalista Makarova. La tennista tarantina compirà il 18 febbraio 31 anni e quindi ha imboccato probabilmente la parte finale della carriera, ma il suo gioco atipico ed il suo tocco nonché l’abilità sotto rete la rendono indigesta a molte giocatrici, soprattutto a quelle facenti parte della nuova generazione, poco avvezza ad affrontare avversarie del genere.
Camila Giorgi è sicuramente (quante volte lo abbiamo detto e lo abbiamo sentito dire) la nostra tennista con le maggiori potenzialità. Le sue accelerazioni sono capaci di mettere in difficoltà chiunque, manca sicuramente la continuità. Inutile tornare a parlare dell’ottavo di finale perso agli Australian Open contro Venus Williams, l’occasione sprecata è stata clamorosa.
Ma il futuro è nelle mani di Camila, sicuramente un’arma importante nelle mani di Barazzutti.
Infine Karin Knapp, uscita prematuramente nello Slam australiano, ma la Halep al 1° turno non era di certo un buon sorteggio. Anche per lei i quarti ad Hobart ad inizio stagione. Sicuramente Karin è più pericolosa sulle superfici veloci, probabilmente a Genova sarà la quarta forza del team azzurro, comunque sempre affidabile.

FRANCIA

Amelie Mauresmo come detto mette le sorti del suo team nelle mani di Alizé Cornet e Caroline Garcia. Non crediamo infatti possano essere schierate in singolare Mladenovic e Parmentier, innanzitutto perché maggiormente a loro agio sul veloce, ma anche perché sicuramente più esperte in doppio.
La punta di diamante delle transalpine è Alizé Cornet, da ben 10 anni nel circuito, nr.11 come best ranking nel 2009, tornata in auge l’anno scorso dopo alcuni problemi fisici che l’avevano limitata nei risultati. La Cornet quest’anno ha giocato una buona Hopman Cup al fianco di Benoit Paire (oltretutto era la campionessa in carica avendo vinto l’anno scorso la manifestazione in compagnia di Jo-Wilfried Tsonga) e poi dopo un’uscita prematura a Sydney ha raggiunto il 3° turno a Melbourne, battuta in due set dalla Cibulkova.
Caroline Garcia ha appena 21 anni ed al momento è nr. 30 nel ranking. Messasi in luce alcuni anni fa al 1° turno del Roland Garros quando si trovò un set avanti con la Sharapova,  ha raggiunto il 3° turno agli Australian Open, battuta dalla Bouchard dopo però aver eliminato con autorità al 1° turno la Kuznetsova.
Viene dalla miglior stagione nel circuito professionistico, assolutamente da temere.

 

PRECEDENTI TRA LE NAZIONALI

La Francia conduce 6-3 nei precedenti, ma le azzurre hanno vinto gli ultimi 3.

Il predominio transalpino fu interrotto a Nancy nel 2006, anno d’oro del nostro tennis femminile culminato con la prima vittoria nella manifestazione. Il miracolo fu realizzato da Francesca Schiavone, che nel primo singolare battè la Dechy ma che soprattutto sull’1-1 si prese il lusso di battere Amelie Mauresmo, recuperando sia nel primo che nel secondo singolare un set di svantaggio. Toccò poi a Flavia Pennetta chiudere con la Dechy la contesa.
L’anno dopo a Castellaneta Marina Francesca si superò. Prima pareggiò i conti liquidando in appena due set la malcapitata Mauresmo, poi dopo che Mara Santangelo era praticamente crollata contro la stessa Mauresmo sotto un sole cocente (il match fu anche sospeso per l’alta temperatura che superò nell’occasione i 40°), la Schiavone si dimostrò contro la Golovin più che mai “leonessa”. Sotto 5-2 nel terzo set l’azzurra decise di cambiare marcia e con l’aiuto del pubblico rovesciò situazione e sfida, portandoci prima sul 2-2 e poi in coppia con Roberta Vinci vincendo il doppio decisivo. Dopo il punto finale Francesca dichiarò:” Dopo aver vinto il singolare non mi sono più seduta, ero adrenalinica al punto giusto, se mi fossi fermata sarebbe stata la fine”.
La supremazia italiana degli ultimi anni del tennis italiano femminile su quello francese si palesò nell’ultima sfida giocata ad Orleans, dove addirittura rifilammo un sonoro cappotto alle padrone di casa.
Ma a dire il vero decisivo fu il primo singolare, dove Flavia Pennetta annullò un match point alla Mauresmo prima di vincere in tre set scatenando le proteste francesi per un gesto alquanto volgare al giudice di sedia (il classico dito medio) dopo una chiamata dubbia che non fu punito. Il tutto avvenne proprio sul match point della Mauresmo. Flavia era già stata ammonita in precedenza, se avesse avuto un altro warning avrebbe perso il punto e di conseguenza il match……ed invece per le francesi fu l’inizio della fine

 

ITALIA-FRANCIA 3-6

20 Maggio 1970, Friburgo, clay, outdoor, World Group 2° Round
Francia-Italia 2-1

Pericoli- De Roubin 6-2 6-2
Chanfreau- Riedl 6-0 6-0
Chanfreau/Spinoza- Lazzarino/Pericoli 6-3 8-6

 

30 Aprile – 6 Maggio 1979, Madrid, clay, outdoor, World Group 2° Round
Francia-Italia 2-1

Marzano- Thibault 6-4 1-6 6-2
Durr- Simmonds 2-6 6-3 6-3
Durr/Thibault- Marzano/Simmonds 6-3 7-5

 

19-25 Luglio 1982, Santa Clara, hard, outdoor, World Group Consolation Round
Francia-Italia 2-1

Simon Glinel- Rossi 3-6 6-4 6-2
Vanier- Simmonds 6-1 6-3
Murgo/Simmonds- Thibault/Vanier 1-6 6-4 6-4

 

20 Luglio 1994, Francoforte, clay, outdoor, World Group 2°Round
Francia-Italia 3-0

Halard- Farina 2-6 6-4 6-2
Pierce- Cecchini 6-0 6-3
Halard/Tauziat- Grand/Grossi 6-4 6-1

 

21-22 Luglio 2001, Vittel, hard, outdoor, World Group Play-off Quarterfinal
Francia-Italia 4-1

Mauresmo- Camerin 6-4 6-0
Testud- A.Serra Zanetti 6-4 7-5
Mauresmo- A.Serra Zanetti 6-2 6-0
Testud- Camerin 6-3 6-1
Casoni/Vinci- Dechy/Razzano 4-6 6-2 6-4

 

10-11 Luglio 2004, Rimini, clay, outdoor, World Group Quarterfinal
Italia-Francia 2-3

Mauresmo- Farina 6-2 6-1
Pierce- Schiavone 6-3 6-4
Mauresmo- Schiavone 7-6(2) 6-2
Farina- Loit 6-3 2-6 6-2
Garbin/Vinci- Golovin/Pierce 6-0 7-6(5)

 

22-23 Aprile 2006, Nancy, clay, indoor, World Group 1° Round
Francia-Italia 1-4

Schiavone- Dechy 6-7(5) 6-3 6-3
Mauresmo- Pennetta 6-1 6-1
Schiavone- Mauresmo 4-6 7-6(4) 6-4
Pennetta- Dechy 6-4 6-2
Santangelo/Vinci- Loit/Razzano 6-1 6-4

 

14-15 Luglio 2007, Castellaneta Marina, clay, outdoor, World Group Semifinal
Italia-Francia 3-2

Golovin- Garbin 6-3 2-6 6-2
Schiavone- Mauresmo 7-5 6-3
Mauresmo- Santangelo 6-7(5) 6-0 6-4
Schiavone- Golovin 6-4 2-6 7-5
Schiavone/Vinci- Bremond/Dechy 4-6 6-1 6-2

 

7-8 Febbraio 2009, Orleans, hard, indoor, World Group 1° Round
Francia-Italia 0-5

Pennetta- Mauresmo 2-6 7-6(7) 6-4
Schiavone- Cornet 6-1 2-6 8-6
Pennetta- Cornet 6-2 6-2
Errani- Mauresmo 6-3 6-4
Errani/Vinci- Bremond/Dechy 6-4 6-4

 

PRECEDENTI TRA LE GIOCATRICI

Errani-Cornet 4-1

2008 Charleston, clay, R32, Cornet 6-3 2-6 6-3
2012 Monterrey, hard, R16, Errani 6-2 6-3
2013 Acapulco, clay, S, Errani 6-2 6-1
2013 Toronto, hard, R16, Errani 7-5 7-6(3)
2014 Parigi, hard, S, Errani 7-6(3) 3-6 7-6(5)

 

Errani-Garcia 0-2

2014 Madrid, clay, R16, Garcia 6-2 4-6 6-3
2014 Wimbledon, grass, R128, Garcia 2-6 7-6(3) 7-6(5)

Non ci sono precedenti della Errani né con la Mladenovic né con la Parmentier

Vinci-Cornet 3-0

2007 Bogotà, clay, R16, Vinci 6-2 6-3
2011 US Open, hard, R64, Vinci 6-2 6-3
2013 Miami, hard, R16, Vinci 2-6 6-4 6-4

Non ci sono precedenti della Vinci con Garcia, Mladenovic e Parmentier

Giorgi-Cornet 1-2

2014 Australian Open, hard, R64, Cornet 6-3 4-6 6-4
2014 Katowice, hard, F, Cornet 7-6(3) 5-7 7-5
2014 Strasburgo, clay, R32, Giorgi 6-4 1-6 6-3

Non ci sono precedenti della Giorgi con Garcia, Mladenovic e Parmentier

Knapp-Cornet 2-2

2006 Bari, clay, Q, Cornet 6-4 4-6 6-2
2007 Catania, clay, Q, Knapp 6-2 6-3
2007 Biella, clay, Q, Knapp 4-6 6-4 7-6(5)
2013 Marrakech, R16, Cornet 1-6 7-5 6-0

Knapp-Garcia 2-1

2014 Doha, hard, R64, Knapp 6-4 6-1
2014 Norimberga, clay, Q, 6-7(11) 6-4 6-4
2014 Montreal, hard, R64, 6-2 6-7(5) 6-1

Knapp-Mladenovic 1-1

2011 Padova, clay, F, Mladenovic 3-6 6-4 6-0
2011 Roma-Tevere, clay, S, Knapp 7-5 6-1

Knapp-Parmentier 1-0

2015 Shenzen, hard, R32, Knapp 6-3 6-3

 

PRONOSTICO

Non sarà una sfida semplice, guai a sottovalutare le francesi che si faranno trovare pronte per approfittare di una eventuale cattiva giornata delle nostre ragazze per centrare il colpaccio.

Crediamo che non ci siano dubbi su Sara Errani titolare, mentre Barazzutti potrebbe essere indeciso sulla seconda singolarista. La Giorgi parte favorita sulla Vinci per stato di forma e per maggiore freschezza fisica, Roberta potrebbe eventualmente tornare utile come jolly sia nella seconda giornata che in un eventuale doppio decisivo al fianco della Errani.
Probabilmente sarà fondamentale la prima giornata. Se diamo per scontata le presenza della nostra nr.1 in singolare, battere la Garcia (che l’ha battuta due volte l’anno scorso) sarà fondamentale, una sconfitta di Sara sarebbe linfa vitale per le francesi, che se coscienti di potersela giocare non mollano mai la presa e combattono fino all’ultimo punto.

Non bisognerà lasciare nulla al caso e stroncare da subito le velleità delle nostre avversarie

Ci ripetiamo, Italia favorita ma occhio alle francesi

ITALIA 60% – FRANCIA 40%

Continua a leggere
Commenti

Fed Cup

BJK Cup, play-off: Canada, Ucraina, Lettonia e Gran Bretagna sul 2-0

Equilibrio tra Argentina e Kazakistan così come tra Olanda e Cina e tra Polonia e Brasile. Oggi si concludono le sfide

Pubblicato

il

Jelena Ostapenko - Billie Jean King Cup 2021 (via Twitter, @BJKCup)

Oltre alla sfida di Cluj tra Romania e Italia sono in corso altre sette sfide valide per i play-off della Billie Jean King Cup, le cui vincenti saranno ammesse alle qualificazioni per le Finals 2022. Dopo la prima giornata tutto abbastanza facile per la Gran Bretagna contro il Messico e per l’Ucraina contro il Giappone.

Al National Tennis Center di Londra Katie Boulter e Heather Watson faticano solo nel primo set dei loro rispettivi incontri chiudendo poi in scioltezza i loro match. La prima regola con il punteggio di 7-5 6-0 la messicana Zacarias, la seconda con un similare 7-5 6-1 completa il 2-0 britannico contro la Olmos. A Chornomorsk, sulla terra rossa, vita facile per le ucraine contro il Giappone orfano di Naomi Osaka. Elina Svitolina lascia 5 giochi a Chihiro Muramatsu (6-3 6-2), Marta Kostyuk uno in più a Yuki Naito (6-3 6-3).

Sul 2-0 anche il Canada in Serbia e la Lettonia contro l’India. Sul veloce di Kraljevo Fernandez supera Olga Danilovic dopo tre combattuti set (7-5 4-6 6-4) e a seguire Rebecca Marino supera 6-4 7-6(8) Nina Stojanovic. Nordamericane ad un passo dai Qualifiers 2022. Qualche problemino per la Lettonia contro l’India anche se alla fine della prima giornata si è come da pronostico sul 2-0 per le padrone di casa a Jurmala. Jelena Ostapenko impiega infatti 2 ore e 25 minuti per superare in tre set la quasi sconosciuta Raina (nr. 147 WTA) con il punteggio di 6-2 5-7 7-5. Passata la paura Sevastova dà il 2-0 alla Lettonia superando in tranquillità Tandi (6-4 6-0).

Equilibrio invece nelle altre 3 sfide. Parità dopo la prima giornata tra Polonia e Brasile a Bytom. Magdalena French aveva dato l’1-0 alle padrone di casa superando Meligeni Rodrigues 6-4 6-3 ma nel secondo singolare Laura Pigossi ha ristabilito la parità superando in tre set Urszula Radwanska (7-6 (9) 3-6 6-2). A ‘s-Hertogenbosch sembrava una passeggiata di salute per l’Olanda contro la Cina. Ma dopo la facile vittoria di Kiki Bertens contro Xinyu Wang (6-2 6-0) ci pensava l’altra Wang Xiyu a rovesciare il pronostico contro Arantxa Rus e portare in parità le asiatiche (6-1 3-6 6-2).

 

Infine 1-1 anche sulla terra rossa di Cordoba tra Argentina e Kazakistan. Yulia Putinsteva rimonta la tenace Nadia Podoroska battuta 2-6 6-4 6-0 ma la sorpresa arriva dal secondo singolare, dove Maria Luise Carle (nr. 415 WTA) supera al terzo Elena Rybakina (6-4 3-6 6-0)

Continua a leggere

Fed Cup

Billie Jean King Cup: Romania-Italia 0-2. Cocciaretto e Trevisan non tradiscono

Vittoria al cardiopalma per Martina, che salva due match point a Buzarnescu. Tutto facile per Cocciaretto contro Bara

Pubblicato

il

Inizia nel migliore dei modi per la nazionale azzurra la sfida di play-off contro la Romania nella Billie Jean King Cup (ex Fed Cup). Nel cemento indoor della Sala Polivalenta di Cluj le italiane guidate da Tathiana Garbin (senza la numero 1 Camila Giorgi, positiva al coronavirus) hanno vinto i primi due match di singolare, andando a riposo sul 2-0. La Romania non sta certamente schierando la sua formazione migliore: mancano infatti le prime cinque giocatrici della nazione, ovvero Simona Halep, Patricia Maria Tig, Sorana Cirstea, Irina Camelia Begu e Ana Bogdan. Non per questo il risultato che potrebbe acquisire l’Italia vincendo il tie (la qualificazione ai preliminari del tabellone di BJK Cup 2022) avrebbe meno valore.

La prima sfida è tutta nel segno di Elisabetta Cocciaretto. Scesa in campo da numero 2, ha battuto nettamente Irina Bara, n.132 WTA, in un’ora e mezza di partita con il punteggio di 6-1 6-4, recuperando da uno svantaggio di 0-3 nel secondo parziale dopo aver dominato il primo. Per Elisabetta è la quarta vittoria con i colori della nazionale azzurra: le prime tre sono state preziosissime (e anche più nette rispetto a quella su Bara). Le ha messe a segno lo scorso anno in Estonia e hanno permesso alle nostre ragazze di giocare questo match di play-off.

Il secondo match invece è stato un autentico dramma, durato oltre tre ore. Martina Trevisan ha superato Mihaela Buzarnescu (n.137 WTA) al tie-break del terzo set (7 punti a 5), finendo il match in lacrime. Una vittoria che ha il freddo valore del 2-0 per la squadra, ma ha un significato inestimabile per lei. Anzi, probabilmente ce lo spiegano quelle lacrime alla stretta di mano e l’abbraccio con Tathiana. Martina infatti aveva vinto un solo match in questo 2021, quello nel primo turno di qualificazione a Dubai contro Rodionova. La striscia di sconfitte stava per allungarsi oggi, perché nel terzo set (durato la bellezza di 103 minuti) è stata a un passo dalla sconfitta.

Prima si sono rifilate un 6-2 per parte. Poi è iniziata una sfilza di break, che ha portato la rumena a servire per il match sul 5-4. Martina è stata tenace e nonostante non si stesse esprimendo al meglio (complici alcuni fastidi fisici) è riuscita a salvare due match point consecutivi (40-15) e anche a non lasciarsi condizionare dal disappunto per aver perso il servizio sul 5-5 con numerose chance di tornare avanti nel punteggio. Ha recuperato ancora una volta il break e non si è distratta nel lungo Medical Time Out di Buzarnescu che ha preceduto il tie-break. Qui si è portata avanti 5-3 per poi chiudere il match alla prima occasione.

Sabato si continua con gli altri due singolari: salvo imprevisti, Cocciaretto incrocerà proprio Buzarnescu, mentre a Trevisan toccherà Bara.

Continua a leggere

Fed Cup

Billie Jean King Cup, i playoff: Cocciaretto-Bara il primo incontro

A Cluj, l’Italia affronta la Romania priva di Halep; Trevisan-Buzarnescu il secondo match. In campo anche Ostapenko, Svitolina e Bertens per le rispettive nazionali

Pubblicato

il

Elisabetta Cocciaretto - Guadalajara 2021 (Foto Facebook Abierto Zapopan 2021)

La squadra azzurra di Billie Jean King Cup torna in campo nella giornata di oggi contro la Romania, a oltre un anno di distanza dal successo sulla Croazia a Tallinn che è valso l’accesso ai playoff, inizialmente previsti per il 17 e 18 aprile del 2020 prima di essere rinviati al 2021. Il gruppo a disposizione di Tathiana Garbin include Elisabetta Cocciaretto, Martina Trevisan, Giulia Gatto-Monticone, Jasmine Paolini e Bianca Turati, alla sua prima convocazione. Gli incontri saranno visibili su Supertennis dalle 14:30 di oggi e dalle 13 di domani.

Il tie si svolgerà presso la Sala Polivalenta di Cluj (cemento indoor), e vedrà l’Italia opposta ad una formazione decisamente rimaneggiata, visto che saranno assenti le cinque migliori giocatrici rumene (Halep, Tig, Cirstea, Begu e Bogdan). Le selezioni di Monica Niculescu hanno quindi incluso… sé stessa (N.173 in singolare e 55 in doppio), oltre a Irina Maria Bara (N.132 in singolare e 124 in doppio), Mihaela Buzarnescu (137 in singolare e 114 in doppio) e Elena Gabriela Ruse (168 in ambo le specialità).

Il primo incontro di oggi, a partire dalle 14:30 italiane, sarà Bara-Cocciaretto, a cui farà seguito Buzarnescu-Trevisan. Domani, invece, si inizierà alle 13 con Bara-Trevisan, poi Buzarnescu-Cocciaretto e infine il doppio Niculescu/Ruse vs Gatto-Monticone/Paolini.

 

Questi gli altri incontri di playoff:

REGNO UNITO-MESSICO

  • Sede: National Tennis Centre, Londra
  • Superficie: cemento indoor

Incontri di oggi (a partire dalle 15 italiane):

  • K. Boulter vs M. Zacarias
  • H. Watson vs G. Olmos

Incontri di sabato (a partire dalle 12:30 italiane):

  • H. Watson vs M. Zacarias
  • K. Boulter vs G. Olmos
  • H. Dart/H. Watson vs F. Contreras Gomez/G. Olmos

SERBIA-CANADA

  • Sede: Sport Hall Ibar, Kraljevo
  • Superficie: cemento indoor

Incontri di oggi (a partire dalle 14 italiane):

  • O. Danilovic vs L.A. Fernandez
  • N. Stojanovic vs R. Marino

Incontri di sabato (a partire dalle 11 italiane):

  • N. Stojanovic vs L.A. Fernandez
  • O. Danilovic vs R. Marino
  • O. Danilovic/A. Krunic vs S. Fichman/C. Zhao

LETTONIA-INDIA

  • Sede: National Tennis Centre Lielupe, Jurmala
  • Superficie: cemento indoor

Incontri di oggi (a partire dalle 17 italiane):

  • J. Ostapenko vs A. Raina
  • A. Sevastova vs K.K. Thandi

Incontri di sabato (a partire dalle 15 italiane):

  • A. Sevastova vs A. Raina
  • J. Ostapenko vs K.K. Thandi
  • D. Marcinkevica/D. Vismane vs S. Mirza/A. Raina

UCRAINA-GIAPPONE

  • Sede: Elite Tennis Club, Chornomorsk
  • Superficie: terra outdoor

Incontri di oggi (a partire dalle 10 italiane):

  • E. Svitolina vs C. Muramatsu
  • M. Kostyuk vs Y. Naito

Incontri di sabato (a partire dalle 10 italiane):

  • E. Svitolina vs Y. Naito
  • M. Kostyuk vs C. Muramatsu
  • L. Kichenok/N. Kichenok vs S. Akita/H. Sato

ARGENTINA-KAZAKISTAN

  • Sede: Córdoba Lawn Tennis Club, Córdoba
  • Superficie: terra outdoor

Incontri di oggi (a partire dalle 16 italiane):

  • N. Podoroska vs Y. Putintseva
  • M.L. Carle vs E. Rybakina

Incontri di sabato (a partire dalle 15:30 italiane):

  • N. Podoroska vs E. Rybakina
  • M.L. Carle vs Y. Putintseva
  • M.L. Carle/N. Podoroska vs A. Danilina/Y. Shvedova

OLANDA-CINA

  • Sede: Maaspoort Sports & Events, s-Hertogenbosch
  • Superficie: terra indoor

Incontri di oggi (a partire dalle 13 italiane):

  • K. Bertens vs Xiyu Wang
  • A. Rus vs Xinyu Wang

Incontri di sabato (a partire dalle 13 italiane):

  • K. Bertens vs Xinyu Wang
  • A. Rus vs Xiyu Wang
  • L. Pattinama Kerkhove/D. Schuurs vs S. Zhang/S. Zheng

POLONIA-BRASILE

  • Sede: Hala Na Skarpie, Bytom
  • Superficie: cemento indoor

Incontri di oggi (a partire dalle 14 italiane):

  • M. Frech vs C.M.R. Alves
  • U. Radwanska vs L. Pigossi

Incontri di sabato (a partire dalle 13 italiane):

  • M. Frech vs L. Pigossi
  • U. Radwanska vs C.M.R. Alves
  • W. Falkowska/P. Kania Chodun vs G. Ce/L. Stefani

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement