Serena Williams per la storia: "Zero pressione. Ho sempre sognato il Grande Slam"

Interviste

Serena Williams per la storia: “Zero pressione. Ho sempre sognato il Grande Slam”

Serena Williams è ad un passo dall’impresa che la consacrerebbe come la più forte di sempre, anche se lei non si ritiene tale: “Posso dire di essere la più forte giocatrice che ho cercato di essere, ma non la più forte di sempre”. Per lei, alla vigilia degli US Open, ultimo tassello dell’impresa, “Nessuna pressione, casomai se andrò lontano”

Pubblicato

il

Senti la pressione di poter fare il Grande Slam? 
Non sento quella pressione “fresca”. Se andrò lontano, forse inizierò a sentirla. Ma ora, non ne ho nessuna. Sono qui, come ho detto prima, per giocare e tirare fuori il meglio.

Ricordi il tuo primo match sull’Arthur Ashe Stadium?
Non lo ricordo, mi spiace. Vorrei dire che forse l’ho giocato contro Spirlea, vero? L’ho tirato fuori da un angolo della memoria. È stato molto tempo fa (ride). Mi ricordo di aver vinto e che mi sentivo veramente bene. È stato un match molto difficile, non ricordo come mi sentivo, mi ricordo solo di averlo vinto.

Nessun’altro ha mai vinto 7 US Open. Lo sapevi? Sei consapevole dei record a questo punto della tua carriera o è più un’ossessione dei giornalisti?
Credo decisamente sia una cosa su cui si focalizzano i giornalisti. Non sapevo nulla di ciò. Ma se le cose non vanno bene quest’anno fortunatamente starò qui anche l’anno prossimo e avrò un’altra occasione.

Quando eri piccola, cosa sognavi all’inizio della tua carriera? Di vincere lo US Open o magari di fare il Grande Slam? 
Ho sempre sognato di vincere gli US Open. Ho sempre sognato di fare il Grande Slam. Non avrei mai pensato di poter esserci così vicina.

La prima volta che sei venuta allo US Open, la ricordi?
La prima volta che sono venuta agli US Open, ho visto giocare Venus. È stata un’incredibile esperienza perché è arrivata in finale. È stato fantastico, essere lì ed essere parte di quel momento, di quell’esperienza. Anche se non stavo giocando, ho imparato qualcosa da lei. Credo sia stata l’esperienza più bella che qualsiasi ragazza della mia età potesse avere.

Venus nel tuo quarto. Quanto sarebbe assurdo se incontrassi Venus a questo punto, nei quarti di finale?
Meglio che se fossero gli ottavi… così la vedo.

Come ti ha mostrato supporto per questo momento?
Noi non parliamo di tennis. Davvero, non parliamo mai di tennis al di fuori forse dei doppi. Anche durante i tornei, vado in camera sua e parliamo semplicemente della vita. Siamo giocatrici di tennis, amiamo quello che facciamo. Siamo state educate fin da piccole a giocare a tennis. Alla fine della giornata siamo sorelle e facciamo un sacco di altre cose.

Due cose che ti piacciono di più degli Slam?
Difficile da dire. Un torneo lo odi fino a che non lo vinci. Quando lo vinci, è come se ti innamorassi di lui.

Come diresti che la tua età e l’esperienza ti aiutino?
Avere dell’esperienza mi ha aiutata parecchio. Ad avere ragione di molte cose. So che in alcuni match vado avanti solo grazie alla mia esperienza, mi ha aiutata davvero tanto.

Dentro di te credi di essere la più forte tennista di sempre?
No, non posso starmene seduta qui e dire questo. Ma posso stare seduta qui e dire che sono la più forte giocatrice che ho cercato di essere. Leggo i numeri, credo in quei numeri. Differenti generazioni e differenti epoche hanno differenti campioni e differenti livelli di giocatori. È veramente difficile paragonare una generazione ad un’altra Le cose cambiano: la potenza, la tecnica, la tecnologia.

Cosa rende lo stadio Ashe un posto speciale per te?
È il più grande stadio per un tennista al mondo. Il più grande palcoscenico del mondo, qui a New York. Non c’è nulla di più grande o di meglio. Credo che parli da solo.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Ubaldo Scanagatta
evidenza6 giorni fa

Roland Garros, Scanagatta: “Nadal subito Zverev. Se fosse meglio così? Il teorico cammino di Sinner” [VIDEO]

Jannik Sinner - Madrid 2024 (foto Florin Baltatoiu)
Flash7 giorni fa

Roland Garros, Scanagatta: “Sinner gioca e punta al n. 1 del mondo. E magari pure al Grande Slam. Si deve sognare in grande. Dove capiterà Nadal? Il campione di 14 Roland Garros é’ una mina vagante o no? Riparte l’UbiContest” [VIDEO]

Senza categoria1 settimana fa

Scanagatta a Radio Sportiva: “La bravura di Sara Errani e le prospettive di Zverev per Parigi”[AUDIO]

Alexander Zverev - Roma 2024 (X @inteBNLditalia)
evidenza2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Zverev può aver salvato il torneo” [VIDEO]

Flash2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Meglio le donne che gli uomini. In gara tre delle prime quattro del ranking, fra gli uomini solo due dei primi otto”

Flash3 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Con Paolini bye bye Roma per le italiane. 5 azzurri superstiti. Tre giocano oggi ma il clou è Nadal-Hurkacz. Per lo spagnolo addio Roma più che arrivederci?” [VIDEO]

Matteo Berrettini - Roma 2024 (foto Francesca Micheli Ubitennis)
Flash3 settimane fa

ATP Roma, Scanagatta: “Piove sul bagnato. Dopo il KO di Sinner quello di Berrettini, e sul torneo diluvia. Menomale vincono Darderi e Cobolli” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Massey: “Il tetto è in programma e dal prossimo anno le chiamate elettroniche” [VIDEO]

evidenza2 mesi fa

Scanagatta: “Un errore arbitrale clamoroso fa perdere a Sinner con Tsitsipas un match quasi vinto” [VIDEO]

ATP2 mesi fa

ATP Montecarlo, Scanagatta: “Jannik Sinner batte l’avversario più duro di sempre sul rosso e conserva il secondo posto mondiale” [VIDEO]

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement