Studenti-atleti, è la svolta?

Flash

Studenti-atleti, è la svolta?

MIUR e CONI lanciano un progetto che permetterà ai ragazzi di conciliare la vita da studenti con quella da atleti e garantirsi cosi un futuro anche al di fuori dell’attività sportiva

Pubblicato

il

 

ll Programma, presentato presso il Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca, attua quanto previsto dalla legge ‘Buona Scuola’ (articolo 1, comma 7) in materia di diritto allo studio degli studenti-atleti. È realizzato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca in collaborazione con il Coni, il Cip (Comitato italiano paralimpico) e con la Lega Serie A. Inizialmente coinvolgerà un numero esiguo di studenti coinvolti nelle attività calcistiche, ma dal prossimo anno sarà esteso a tutte le discipline sportive. I giovani studenti avranno la possibilità di seguire una parte delle lezioni e comunicare con professori e compagni tramite piattaforma informatica, inoltre saranno affiancati da un tutor.

“Dare a questi giovani la possibilità di proseguire e completare gli studi è molto importante – ha dichiarato il Presidente del Coni, Giovanni Malagò – anche per garantire loro un futuro quando interromperanno l’attività agonistica, poiché sappiamo che anche dopo aver ottenuto la massima consacrazione sportiva, questi atleti non sempre hanno la certezza di avere una tranquillità lavorativa ed economica”.

Meglio tardi che mai dunque, anche in Italia finalmente lo sport potrà essere praticato senza dover rinunciare all’istruzione; un cambiamento che favorirà molte discipline, tra cui il tennis. Proprio in uno sport poco accessibile come il tennis, in cui solo i primi 200 al mondo riescono a rientrare nelle spese, diventa vitale non rinunciare all’istruzione, cosa che in alcune fattispecie diventa d’obbligo.
Federer, ad esempio, ha abbandonato gli studi a 16 anni per diventare un professionista, Becker ancora prima, basti pensare che vinse il suo primo Wimbledon a soli 17 anni. Tralasciando queste rarità però, in cui la scelta di interrompere gli studi ha dato i suoi frutti, nella maggior parte dei casi anche tennisti talentuosi non riescono a sfondare ed entrare fra i professionisti per svariati motivi. In tali casi, l’abbandono degli studi comporta un grave pregiudizio poiché l’individuo si può ritrovare nel mondo reale senza alcuna qualifica e quindi tagliato fuori dal contesto lavorativo.

Antonio De Bellis

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Perché credo che questo Sinner batterà questo incerto Djokovic. Ma non al quinto set

Editoriali del Direttore4 settimane fa

Australian Open: Sabalenka regina quasi scontata. Bolelli Vavassori in vista Slam. E diritti tv: Sky, Supertennis, FITP: la negoziazione langue

ATP4 settimane fa

La storia del tennis italiano chiama a sé Sinner, da De Stefani a Berrettini passando per le vittorie di Pietrangeli, Panatta, Schiavone e Pennetta

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Jannik Sinner è molto più calmo di tutti quelli che oggi lo osannano. Un anno fa era il tennista dei… senza

Senza categoria4 settimane fa

Australian Open LIVE: Sinner in semifinale, nemmeno Rublev riesce a strappargli un set!

Novak Djokovic - Australian Open 2024 (X @AustralianOpen)
Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Djokovic: “Sono scioccato, uno dei miei peggiori match di sempre”

Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Sinner tranquillizza tutti: “L’addome? Nulla di che”. Contro Djokovic alle 4.30 italiane

Australian Open4 settimane fa

Australian Open: Sinner batte Rublev e vola in semifinale con Djokovic senza aver perso un set [VIDEO]

Editoriali del Direttore3 settimane fa

Jannik Sinner non è un patriota per cui tifare perché non paga le tasse in Italia? Non sono d’accordo con Aldo Cazzullo e Massimo Gramellini

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – La grande attesa per i duellanti dai tanti punti in comune Djokovic e Sinner. Vinca il migliore? “Sperem de no”

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement