ATP Challenger Caltanissetta, le parole di Matteo Donati e Paolo Lorenzi (audio)

Flash

ATP Challenger Caltanissetta, le parole di Matteo Donati e Paolo Lorenzi (audio)

Matteo Donati e Paolo Lorenzi hanno raggiunto la finale del Challenger siciliano dopo due semifinali combattute: ecco le loro parole al termine delle rispettive partite

Pubblicato

il

 
 

Per la prima volta in carriera, Matteo Donati e Paolo Lorenzi si affronteranno, l’uno contro l’altro. E lo faranno, oggi, nell’ultimo atto del torneo Challenger di Caltanissetta, raggiunto dopo le vittorie in semifinale contro rispettivamente Guido Andreozzi e Alessandro Giannessi. Proprio al termine delle proprie semifinali, abbiamo raccolto in esclusiva alcune dichiarazioni a caldo.

 

Cominciando dal più giovane dei due, Donati ha vinto in tre set contro l’argentino Andreozzi, rimontando un set di svantaggio e chiudendo al terzo 4-6 7-5 6-2: “Lui è partito molto forte, ha spinto e ha imposto il suo gioco. Con il servizio riusciva a portare a casa molti punti mentre io no. Ero molto passivo, mentre con il passare dei game sono riuscito a trovare la chiave per scardinare la sua difesa. Ho spinto di più con il servizio, ma soprattutto con tanto cuore sono riuscito a portare a casa la partita. Devo anche ringraziare il pubblico perché nei momenti di difficoltà, avere la gente che ti sostiene ti aiuta tantissimo. Per quanto riguarda la finale, sono contento che in un torneo italiano ci sia una finale tra due italiani. Sicuramente da parte mia ci sarà un po’ di tensione, ma resto fiducioso“.

Partita invece totalmente diversa quella di Lorenzi, che dopo un primo set vinto in maniera piuttosto agevole, subisce la grande intensità di Giannessi nel secondo parziale, poi comunque vinto 7-5. “Sapevo sarebbe stata una partita molto dura, lui non ha mollato mai e io forse nel secondo set avrei potuto chiuderla prima – ha detto Lorenzi a fine gara – Lui comunque è stato bravo a giocare i punti decisivi, anche sul 5-5 ha avuto diverse occasioni per strapparmi il servizio ma io sono rimasto attaccato alla partita. Poi diciamo che sono salito di livello e ho chiuso gli ultimi 6 punti in maniera perfetta. Sono molto contento per la finale di domani, anche perché giocherò contro Donati che è un ragazzo molto bravo. In questo torneo ho visto giocare bene lui, ma anche Quinzi, e penso che entrambi possano essere il futuro del tennis maschile italiano, insieme anche a Napolitano e Cecchinato. Spero soltanto che Donati cominci a vincere da lunedì perché ci terrei a vincere“.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Wimbledon, il programma di giovedì 30 giugno: Nadal sul Centre Court, Swiatek sul Court 1

Ecco cosa proporrà il Day 4 dei Championships: il programma sul campo più importante sarà aperto dall’inglese Boulter contro Pliskova

Pubblicato

il

Nadal Wimbledon 2022

Clicca qui per ascoltare il video intero!

Wimbledon ha diramato, come fatto tutti i giorni fin qui, il programma parziale per giovedì 30 giugno, limitato a quanto accadrà sui primi due campi. Il primo match sul Centre Court a partire dalle 14.30 vedrà protagonista una giocatrice di casa non compresa tra le teste di serie, la n.118 WTA Katie Boulter, contro Karolina Pliskova. Poi toccherà a Rafael Nadal cercare di proseguire la sua striscia di imbattibilità di quest’anno negli Slam: partirà sicuramente favorito contro il lituano Ricardas Berankis, già affrontato e sconfitto negli ottavi di quest’anno all’Australian Open. Il terzo e ultimo match sarà quello tra Cori Gauff, la finalista del Roland Garros, e la romena Mihaela Buzarnescu.

Sul Court 1, alle 14 italiane apriranno Jordan Thompson e Stefanos Tsitsipas. Poi ecco la numero uno del mondo Iga Swiatek impegnata contro Lesley Pattinama Kerkhove: la polacca cercherà la vittoria consecutiva numero 37. Infine, la speranza di casa Jack Draper proverà ad avere la meglio di Alex de Minaur. Solo nelle prossime ore si avranno informazioni sull’orario di gioco del match tra Lorenzo Sonego e Hugo Gaston.

 

Continua a leggere

Flash

[VIDEO] Wimbledon, Scanagatta commenta il day 2: “Berrettini out, ora forza Sinner e Sonego”

Da Londra, il direttore Scanagatta racconta il tennis giocato e non: “Matteo onesto a sottoporsi al tampone e a ritirarsi”

Pubblicato

il

Il direttore Ubaldo Scanagatta, dopo l’editoriale, commenta in questo video il tanto tennis andato in scena nella seconda giornata di Wimbledon, partendo però da chi purtroppo non è potuto scendere in campo, cioè il n.1 italiano Berrettini.

“Giornata purtroppo caratterizzata dal ritiro di Matteo Berrettini, quello riassumeva tutte le speranze del pubblico italiano nonché secondo favorito dai bookmakers. È stato “btattuto” dal covid… un vero peccato. Lui onesto a sottoporsi al tampone e poi a decidere di non giocare”.

La situazione azzurra: “Solo Sinner, Cocciaretto e Sonego gli italiani rimasti degli undici al via”.

 

Gli articoli dal non perdere

EDITORIALEMi manca Berrettini. E manca anche a Sinner. Nadal dritto in finale? 15 le “vittime” di primo turno. Serena Williams out ma non per sempre

QUOTE DEL GIORNO

PROGRAMAM COMPLETO DI OGGI

Conferenza Rafa Nadal

Conferenza Serena Williams

Conferenza Sonego

Cronaca Paolini-Kvitova

Cronaca Musetti-Fritz

Cronaca Giorgi-Frech

Cronaca Sonego-Kudla

Continua a leggere

Flash

Wimbledon, Alizé Cornet eguaglia il record di 62 slam giocati di fila

Alizé Cornet sale a 62 partecipazioni slam di fila, raggiungendo il record di Ai Sugiyama. Poi scandalizza affermando che “A Parigi, negli spogliatoi tutti con il Covid, ma non abbiamo detto niente”

Pubblicato

il

Da Londra, la nostra inviata

Fa molto parlare di sé in questi giorni Alizé Cornet. Per la francese, classe 1990, infatti, quella di Wimbledon 2022 è la 62esima partecipazione slam di fila, eguagliando così il record detenuto finora nel tennis femminile dell’Era Open dalla giapponese Ai Sugiyama, realizzato tra il 1994 e il 2009. Il feeling tra Alizé e i major comincia nel 2007, all’Australian Open, quando la nizzarda aveva soltanto diciassette anni. Il suo miglior risultato nei tornei maggiori è un quarto di finale proprio a Melbourne, nel 2022, in cui è stata eliminata dalla futura finalista Danielle Collins.

Subito dietro ad Alizé e ad Ai, si posiziona la nostra Francesca Schiavone, con 61 partecipazioni consecutive; segue Jelena Jankovic (non ancora ufficialmente ritiratasi dalle gare) con 56. Angelique Kerber è settima avendone inanellate 51.

 

Tra gli uomini, il record è detenuto dal sempreverde 40enne Feliciano Lopez con 79 partecipazioni di fila. Martedì Feliciano ha perso al primo turno per mano del talentuoso Maxime Cressy e, pare, si sia trattato del suo ultimo slam in singolare. Si issa al secondo posto il connazionale di Lopez, Fernando Verdasco (38 anni) a 67; terzo è il nostro Andreas Seppi, anche lui 38enne, a quota 66. Roger Federer – che compirà 41 anni il prossimo 8 agosto – è quarto con 65 partecipazioni consecutive.

Dopo aver sconfitto al primo turno la kazaka Yulia Putintseva (6-3 7-6(5)), martedì Alizé ha fatto notizia anche per alcune dichiarazioni alquanto sorprendenti, commentando il ritiro di Matteo Berrettini, positivo al Covid-19. “Al Roland Garros c’è stata un’epidemia di Covid ma non ne ha parlato nessuno. Negli spogliatoi lo abbiamo avuto tutti ma non ha detto niente nessuno. Forse abbiamo avuto tutti qualche sintomo, come per esempio il mal di gola ma si è giocato lo stesso. Credo ci fosse un tacito accordo tra di noi. Ho visto ragazze portare la mascherina per evitare di contagiare gli altri… ma non aggiungo altro“.

Dichiarazioni gravi da parte della francese e, a maggior ragione, grande onore a Matteo per la sua trasparenza e correttezza.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement