Wimbledon: Zverev può attendere, Berdych è ancora lontano

Wimbledon

Wimbledon: Zverev può attendere, Berdych è ancora lontano

Vittoria abbastanza semplice per Tomas Berdych nell’incontro più atteso di questa anomala domenica di Wimbledon. Alexander Zverev però non ha deluso, anche se è crollato nel finale

Pubblicato

il

 
 

[10] T. Berdych b.[24] A. Zverev 6-3 6-4 4-6 6-1 (dal nostro inviato a Wimbledon)

Stat Zverev Berdych

L’esordio nel centre court si sa che gioca brutti scherzi. Se poi sei un ragazzo che non ha neanche ventanni, magari con un grande futuro ma insomma il presente è ancora quello che è magari non sei ancora del tutto a tuo agio in un terzo turno di Wimbledon. Se poi dall’altra parte trovi Tomas Berdych, che non è e non sarà mai un Fab 4 ma se hai una classifica dal 5 in poi con te non ci perde facilmente, e che in fondo qui ha anche fatto una finale, allora la cosa più normale che ti possa capitare è perdere tre set a zero. Quindi Zverev farà bene ad essere contento del suo set vinto e del suo torneo e non angustiarsi più del dovuto per la sua uscita al terzo turno, perché se è vero che si era aperto uno spicchio di tabellone interessante è anche vero che Berdych ci avrà fatto caso anche lui e quindi starà attento a non farsi sfuggire la possibilità di arrivare, chissà, addirittura in semifinale.

 

Il ceco è partito approfittando dei timori del tedesco che teneva con qualche difficoltà il primo turno di servizio e perdeva il secondo, senza riuscire ad impensierire troppo Tomas quando rispondeva. La storia è andata avanti per due set, con Berdych che teneva tranquillamente i suoi turni e che infastidiva non poco il giovane tedesco quando rispondeva. Il break dell’ottavo game se l’aspettavano un po’ tutti, forse pure Zverev.

Quando la partita sembra ormai essersi incanalata verso una precisa direzione, forse complice – chissà – i boati che arrivavano dal lontano campo 2 (quello in cui Tsonga stava completando la sua rimonta contro Isner) forse distraevano il ceco. Che dopo non aver mai rischiato nulla sulla sua battuta la smarriva improvvisamente perdendo il servizio a zero nel quarto game e concedendo due palle break nel sesto. Riemergeva la buona stoffa del ragazzino, perché Berdych ci provava anche a recuperare rapidamente ma Zverev non mollava di un cm, trovando pure il tempo di rimproverare bonariamente uno spettatore troppo preso dal suo telefonino e di annullare tre palle per il controbreak nel settimo game.Ma tra gli urlacci di uno (Berdych che sbagliava il passante) e dell’altro (Zverev che cercava di caricarsi); tra un nastro fortunato e un servizio vincente che annullava la terza palla break di Berdych, Zverev entrava in affanno. Così alla quarta opportunità, che Berdych si guadagnava con un gran scambio, il tedesco restituiva il break tra gli “oooohhhh” di delusione di un pubblico che ormai faceva il tifo per lui (e per l’allungamento della partita: 70 sterline tanto costava il biglietto della Middle Sunday erano un po’ troppe per delle partite senza storia, Wimbledon o non Wimbledon).
Ci pensava Berdych a rincuorarli, giocando un decimo game disastroso, che cercava di recuperare troppo tardi. Il ceco andava 0/40 annullava i primi due set point ma al terzo scatenava l’urlaccio di gioia di Alexander.

In apertura di terzo set, dopo due game interlocutori, Zverev e Berdych decidono di replicare il settimo game del secondo, con nastri annessi e purtroppo per Zverev con la stessa conclusione, perché stavolta alla prima palla break, il ceco si porta sul 2 a 1 e servizio. Non si è arreso subito il tedesco che è riuscito a portarsi sul 40 pari nel game successivo, ma è stato bravo Tomas a non offrire più spiragli giocando con estrema regolarità il game. Chiuso quello, Zverev si è finalmente disunito, ha ceduto ancora la battuta e con quella il match.

Insomma non si può che ribadire quello che dicono tutti: Zverev sarà campione e già l’anno prossimo probabilmente sarà un serio candidato al titolo. Il ragazzo ha gioco, fisico, intelligenza e personalità, considerato che non è mai scontato riuscire ad adattarsi ad un palcoscenico così prestigioso. Il saluto finale del pubblico ha tanto l’aria di un appuntamento a cui il tedesco non mancherà.

Per quel che riguarda Berdych, sappiamo che queste partite riesce a portarle a casa. Sono le successive il suo problema.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Il Direttore Scanagatta commenta il tab. maschile di Wimbledon: “Berrettini non si può lamentare. Tutti duri i primi turni azzurri” [VIDEO]

“C’è la mina vagante più esplosiva nel suo quarto, Kyrgios, ma l’australiano dovrebbe battere tre avversari duri prima di lui” così Scanagatta nel suo video-commento

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - Queen's 2022 (Credit: Getty Image for LTA)

Clicca qui per ascoltare il video intero!

Il direttore Ubaldo Scanagatta commenta da Londra il tabellone principale maschile del torneo di Wimbledon.

 

Berrettini non si può proprio lamentare. Intanto ha evitato Djokovic! Poi fra le prime 4 teste di serie il meno erbivoro è Tsitsipas. C’è la mina vagante più esplosiva nel suo quarto, Kyrgios, ma l’australiano dovrebbe battere tre avversari duri prima di lui, Krajinovic (finalista al Queen’s), Tsitsipas e Shapovalov. Che ne batta quattro mi sembra improbabile data la sua discontinuità”.

Commento approfondito al tabellone maschile

Per quanto riguarda gli altri italiani impegnati:

[10] J. Sinner – (WC) S. Wawrinka
T. Griekspoor – F. Fognini
[23] F. Tiafoe – (Q) A. Vavassori
[8] M. Berrettini – C. Garin
L. Musetti – [11] T. Fritz
[27] L. Sonego – D. Kudla

“Tutti duri i primi turni degli altri 5 azzurri” afferma Scanagatta.

Il tabellone maschile di Wimbledon 2022

Continua a leggere

Flash

Wimbledon, Berrettini evita il “lato Djokovic”: teorico quarto con Tsitsipas, poi Nadal. Sinner, c’è Wawrinka

Non va male al numero uno azzurro, che finisce in uno dei due migliori quarti possibili. Non benissimo il sorteggio per gli altri azzurri: ecco il cammino teorico di tutti loro

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - Stoccarda 2022 (foto @ATPTour)

Clicca qui per ascoltare il video intero!

Il sorteggio di un tabellone è un momento tanto atteso da chi quel torneo deve giocarlo, ma anche di chi lo deve analizzare, studiare, raccontare o semplicemente vedere. E’ il momento in cui si cominciano a delineare ipotetici cammini che portano, turno dopo turno, verso la fine. O meglio, verso la finale. In questo caso parliamo di Wimbledon, terzo Slam stagionale, forse il più iconico nel nostro sport, che si disputa dal 27 giugno al 10 luglio sull’erba dell’All England Lawn Tennis and Croquet Club di Londra. Assodata l’assenza di tennisti russi e bielorussi in tabellone per le note vicende in corso nell’est Europa, in tabellone sono presenti tutti gli altri big ad esclusione di Alexander Zverev alle prese con la convalescenza post infortunio parigino.

Spostando il focus sul sorteggio che ha interessato i nostri tennisti, da evidenziare il fatto che l’urna abbia arriso a Matteo Berrettini sorteggiato nella parte bassa del tabellone, insieme a Nadal, agli antipodi rispetto al numero uno al mondo, Djokovic, che invece occupa la prima posizione della parte alta del tabellone. Berrettini, finalista della passata edizione, se la vedrà nel primo turno con il cileno tutta terra Garin, giocatore che comunque anche sull’erba non va assolutamente sottovalutato. Il cammino teorico prevede un secondo turno abbordabile contro uno tra Huesler e Grenier, un terzo turno gestibile contro Brooskby, un quarto turno contro Schwartzman (tds 12) o De Minaur (tds 19). Matteo è insomma – sulla base del suo stato di forma e della sua grande continuità nel superare avversari inferiori a lui in classifica, come evidenziato da Ferruccio Roberti – il chiaro favorito per arrivare nei quarti. Dove incontrerebbe Stefanos Tsitipas (tds n.4), uno che non ha mai brillato particolarmente in questo torneo e sull’erba in generale. Per il greco sarebbe già un risultato da sottovalutare arrivare in quarti: nel suo spicchio di tabellone troviamo Roberto Bautista Agut (tds 17) e Denis Shapovalov (tds 13), ma soprattutto la mina vagante Nick Kyrgios, che lo ha battuto ad Halle. Il premio in semifinale, come detto, sarebbe probabilmente Rafael Nadal.

 

Commento approfondito al tabellone femminile

Esordio difficile per Jannik Sinner che al primo turno troverà il talento di Stan Wawrinka che, non sarà quello di qualche anno fa, ma che comunque resta un avversario molto insidioso. Se a posto fisicamente l’altoatesino, alla ricerca della prima vittoria su erba nel circuito maggiore, resta comunque favorito. Al secondo turno ci sarebbe un possibile derby contro Fognini (che però dovrà vedersela con Griekspoor, l’olandese che lo ha battuto seccamente all’Australian Open). In un eventuale terzo turno Sinner potrebbe incrociare un altro nobile che non vuole essere considerato ancora decaduto, Sir Andy Murray. Jannik incrocerebbe poi Alcaraz a livello di quarto turno e Djokovic a livello di quarti. Non un tabellone dei più agevoli, insomma. Non benissimo neanche gli altri azzurri: Fognini-Griekspoor, Vavassori-Tiafoe, Musetti-Fritz e Sonego-Kudla sono tutti match che nascondo insidie neanche troppo velate. In particolare, il torinese (che può approfittare ancora per questo slam dello status di testa di serie, cosa che facilmente non accadrà allo US Open), ha perso da Kudla di recente, al Queen’s.

Novak Djokovic nella parte superiore del tabellone se la vedrà con il sudcoreano Kwon, poi potrebbe esserci un terzo turno contro Kecmanovic, un quarto turno con Basilashvili o Opelka, un quarto di finale con Alcaraz e una semifinale contro Hurkacz, il favorito del secondo quarto del tabellone che è sicuramente quello con all’interno meno specialisti dell’erba. La testa di serie numero 3, Casper Ruud, era infatti il più “ambito” alla vigilia per la sua poca attitudine fin qui mostrata sui tappeti verdi. Nel suo spicchio, tuttavia, non gli è andata male: ha una serie di specialisti della terra rossa come Ramos-Vinolas, Baez e Carreno Busta. Potenzialmente scivoloso il secondo turno con Humbert, che però quest’anno non se la sta passando bene. Insomma non sarebbe una sorpresa vedere Ruud in quarti di finale contro Hurkacz che troverà il finalista del torneo di Monte Carlo, Davidovich-Fokina. Altri primi turni interessanti? Derby nordamericano per Auger-Aliassime che troverà sul suo cammino l’americano Cressy, gigante buono dal serve and volley romantico. Last but not least, Carlos Alcaraz che se la vedrà con un giocatore insidioso come Struff.

Il tabellone maschile di Wimbledon 2022

Continua a leggere

Flash

Wimbledon, chi fermerà Swiatek? Alle italiane poteva andare meglio

Percorso agevole per l’indiscussa favorita Iga Swiatek. Paolini pesca Kvitova, derby Trevisan-Cocciaretto. Giorgi trova Frech e Bronzetti Li. Curiosità per Serena Williams contro Tan

Pubblicato

il

Iga Swiatek - Wimbledon 2021 (via Twitter, @Wimbledon)

Dopo oltre un lustro di incertezza e vincitrici passeggere, il tennis femminile sta tornado ad avere una sua dominatrice, e dopo il ruolo di ‘assoluta favorita‘ nel Roland Garros – poi vinto a mani basse – ora la n.1 Iga Swiatek si appresta a giocare il torneo di Wimbledon con lo stesso appellativo, nonostante in carriera abbia vinto appena 7 partite su erba (incluse qualificazioni) a fronte di 5 sconfitte. Nello Slam londinese vanta due partecipazioni, nel 2019 sconfitta al primo turno da Golubic e lo scorso anno agli ottavi sconfitta in tre set da Jabeur, mentre quest’anno la polacca esordirà contro la qualificata Jana Fett, croata di 25 anni, attuale n.254 del mondo. Nel loro primo faccia a faccia, difficile credere che Fett possa impensierire Swiatek, e anche l’eventuale secondo turno contro la vincente di [WC]Kartal-Kovinic non spaventa. Inevitabilmente le cose si complicherebbero nel terzo turno, dove l’avversaria più probabile sulla carta è una tra Cornet e Putinseva, ma la 32enne francese non spaventa più come una volta e la kazaka non è mai andata oltre il secondo turno a Londra.

Commento approfondito al tabellone maschile

Insomma guardando il tabellone principale si prospetta una prima settimana tranquilla per l’allegra Iga, che agli ottavi ha come teste di serie sulla sua strada la n.18 Teichmann e la n.13 Krejcikova. Quest’ultima però, anche lei campionessa del Roland Garros nel 2021, sta attraversando un periodo negativo (viene da tre sconfitte consecutive in singolare) ed è altamente improbabile che farà così tanta strada. I problemi, se così si possono chiamare, per Swiatek dovrebbero arrivare ai quarti dove le tenniste più minacciose sulla carta sono la n.8 Jessica Pegula e la n.9 Garbiñe Muguruza. La statunitense Pegula è una che certamente scende in campo con l’approccio giusto in ogni occasione, agguerrita e mai arrendevole, ma negli ultimi due confronti con Iga (quest’anno a Miami e a Parigi) non ha fatto granché. Muguruza è una che ha vinto su questi campi nel 2017 dunque non si può sottovalutarla, inoltre il suo basso rendimento nei tornei WTA spesso viene bilanciato da un exploit Slam, motivo in più per temerla visto quanto poco ha ottenuto quest’anno.

Il tabellone femminile di Wimbledon 2022

Restando in quello spicchio di tabellone, la mina vagante è Bianca Andreescu una che non ha ancora mai vinto un match di tabellone principale a Wimbledon avendo perso al primo turno nel 2019 e nel 2021. La canadese, agevolata dal sorteggio, esordirà contro la qualificata statunitense Emina Bektas, 29 anni, n.225 e seconda partecipazione Slam dopo gli Australian Open di quest’anno. Degno di nota anche il possibile secondo turno proprio tra Andreescu e la tds 17 Rybakina.

 

Concluso il discorso favorita, prima di passare ad altre tennisti di primo piano, approfondiamo il sorteggio delle cinque giocatrici italiane presenti nel tabellone principale. Purtroppo Giorgi, Trevisan, Paolini, Bronzetti e Cocciaretto non sono state raggiunte da nessun’altra attraverso le qualificazioni mentre a sorridere sono state Australia e Stati Uniti. Partiamo dalla nostra n.1 Camila Giorgi autrice di una grande prestazione al WTA 500 di Eastbourne, che esordirà quest’anno a Wimbledon con la polacca n.92 Magdalena Frech in un incontro inedito. Tutto dipenderà ovviamente da come deciderà di scendere in campo la testa di serie n.21, dato che è la chiara favorita, così come lo sarà nel secondo turno contro la vincente di Schmiedlova-Peterson. La prima testa di serie sulla strada di Giorgi è la n.16 Simona Halep, anche se la romena avrà un primo turno complicatissimo contro la talentuosa ceca Karolina Muchova. Match che molto probabilmente andrà in scena sul Campo Centrale visto che quando Halep era campionessa in carica, non ebbe modo di sfruttare il privilegio di giocarci perché assente, e l’attuale campionessa in carica, Barty, si è ritirata dal tennis.

In zona si trova anche Jasmine Paolini, indubbiamente la più sfortunata delle italiane, che ha pescata Petra Kvitova, due volte campionessa su questi campi seppur in tempi lontani (2011 e 2014). L’ex n.2 del mondo ha vinto i due precedenti e partirà da favorita anche questa volta, seppur il suo rendimento in questa stagione è in evidente calo. Proseguendo il tema italiane, abbiamo già la certezza di trovarne una al secondo turno dato che Martina Trevisan, testa di serie n.22 dopo l’exploit parigino, ha pescato Elisabetta Cocciaretto. Per entrambe vincere significherebbe raggiungere il secondo turno a Wimbledon per la prima volta, e trovarsi un’avversaria abbordabile tra Begu e Gorgodze. L’ultima azzurra da citare è Lucia Bronzetti, 23enne attuale n.72 che sta proseguendo la sua stagione di esordi Slam e, dopo Melbourne (dove vinse un match) e Parigi (sconfitta al 1° turno da Ostapenko), a Londra affronterà per la prima volta Ann Li, 21enne statunitense n.67.

Il tabellone femminile di Wimbledon 2022

Tornando al quadro generale, è davvero difficile considerare la testa di serie n.2 Anett Kontaveit nel novero delle favorite, visto che l’estone non vince un match dal 21 aprile (secondo turno sulla terra di Stoccarda) e non scende in campo dal primo turno del Roland Garros; Bernarda Pera quindi potrebbe già far registrare un upset non così imprevedibile. In quello spicchio di tabellone molto più insidiosa potrebbe rivelarsi la brasiliana Beatriz Haddad Maia, vincitrice in queste settimane di 12 match consecutivi su erba, striscia più lunga della storia recente dopo le 20 di Serena Williams. A Wimbledon, Haddad Maia sarà testa di serie n.23 e affronterà Juvan; possibile interessante terzo turno con Belinda Bencic.

Molte più chance di vittoria invece si possono – e si devono – dare alla n.3 Ons Jabeur: dopo l’enorme delusione parigina (sconfitta subito da Linette) siamo certi che la tunisina affronterà questo Slam con tutt’altro approccio, e al primo turno contro la qualificata svedese Mirjam Bjorklund all’esordio nel torneo, avrà tutti i favori del pronostico. Interessante in questa parte di tabellone il possibile ottavo tra Jabeur e Kerber, un confronto di stili veramente agli antipodi ma entrambi estremamente efficaci su una superficie imprevedibile come l’erba. Difficile comunque il percorso dell’ex campionessa tedesca che già all’esordio si trova l’imprevedibile Kristina Mladenovic.

Le principali attenzioni dei media locali saranno ovviamente sulla 19enne Emma Raducanu, che proprio 12 mesi fa aveva fatto splendere per la prima volta la sua stella davanti al grande pubblico, raggiungendo gli ottavi di finale a Church Road (sconfitta da Tomljanovic). Ora si presenta allo Slam di casa in condizioni fisiche ignote, con una pressione forse mai provata prima in vita sua, e affronterà un’avversaria decisamente più esperta su questa superficie: la belga Alison Van Uytvanck, fresca vincitrice del WTA 125 Gaibledon. Da una giovanissima amata dal pubblico, passiamo alla più anziana della classe: la 40enne Serena Williams. Lei invece 12 mesi fa con la caduta e il conseguente ritiro in lacrime al primo turno, aveva vissuto uno dei momenti più difficili della sua carriera e ora, senza aver disputato un match in singolare da quel giorno, si ripresenta a Wimbledon senza aspettative e senza pressione. La sorte le ha messo davanti la n.113 Harmony Tan, giocatrice francese all’esordio nel torneo. Match inedito che, al netto dell’incognita sul livello atletico di Serena, l’americana ha le carte per portare a casa.

OTTAVI TEORICI

[1] I. Swiatek – [13] B. Krejcikova
[9] G. Muguruza – [8] J. Pegula
[4] P. Badosa – [16] S. Halep
[9] C. Gauff – [6] K. Pliskova
[7] D. Collins – [10] E. Raducanu
[15] A. Kerber – [3] O. Jabeur
[5] M. Sakkari – [12] J. Ostapenko
[14] B. Bencic – [2] A. Kontaveit

Il tabellone femminile di Wimbledon 2022

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement