Andy Murray: tre finali vinte a Wimbledon, inclusa quella olimpica, e zero set perduti (video con Gianni Clerici)

Editoriali del Direttore

Andy Murray: tre finali vinte a Wimbledon, inclusa quella olimpica, e zero set perduti (video con Gianni Clerici)

La vera sorpresa non è la vittoria, pronosticata dai più. Ma l’aver servito meglio di Raonic. Oltre ad aver risposto da fenomeno: il canadese ha fatto solo 8 aces

Pubblicato

il

 

WIMBLEDON – Un Andy Murray praticamente irresistibile. Formidabile come sempre alla risposta, ma assolutamente straordinario anche al servizio. Quasi di più direi, se non fosse che Raonic su certe seconde palle avrebbe potuto rispondere meglio e quello è il suo limite. Andy ha mostrato una solidità nervosa a prova di bomba (le bombe di Raonic) quando rispondeva, ma la continuità con cui ha tenuto il servizio lungo tutto il match per me è stata ancora più impressionante. O quantomeno più inattesa.

 

Tralasciamo pure il fatto che durante il torneo lui – peraltro favorito dal fatto che i due avversari più temibili, Djokovic e Federer, glieli hanno tolti di mezzo Querrey e Raonic – è stato almeno una spanna (forse due) superiore a tutti quelli che ha incontrato. Infatti salvo i due set di black-out con Tsonga – ma, attenzione, occorsi quando lui era in vantaggio per due set a zero…e poi gli ha comunque affibbiato un 6-1 senza storia nel quinto- non ha mai perso un set, ha dominato tutti gli avversari della prima settimana. Ok, non erano straordinari, Broady, Lu e Millman… poi però ha dovuto fronteggiare anche il temibile (seppur nell’occasione deludente) Nick Kyrgios, colui cui tanti pronosticano un futuro da n.1 o top 5. Quindi, dopo il mezzo passo incerto con Tsonga, ecco tre set a zero e triplice, periodico 6-3 a Berdych, il primo dei secondi. Poi altri 3 set a zero, 6-4, 7-6 (3), 7-6 (2) a Raonic senza mai cedere un solo servizio, ma tenendoli tutti con facilità impressionante salvo quello nel quale – ma soltanto dopo 2 h e 12 minuti di finale quando nessuno avrebbe scommesso un copeco sulla rimonta del canadese – ha concesso le sole due palle break del match.

Approfitto per ricordare che l’ultimo campione di Wimbledon capace di rimontare in finale 2 set di handicap fu Henri Cochet nel 1927, dopo aver rimontato da 0-2 sia nei quarti sia in semifinale! Insomma, non è cosa che accada tutti i giorni, mi pare.

Andy non ha tremato nemmeno in quelle sole due occasioni in cui avrebbe potuto farlo: le ha annullate con una prima di servizio esterna e con un’altra “prima” a cui ha fatto seguire un palleggio sostenuto fin quando Raonic ha sbagliato il rovescio. Tutto qui. Per il resto un match assolutamente perfetto al servizio. Eppure come non ricordare che agli inizi di carriera si criticava di Murray proprio la debolezza del secondo servizio. Imputandogli scarsa personalità, poco coraggio. Soprattutto dopo le tre finali perse in Australia senza vincere un set la stampa britannica lo crocifisse. Era quando ricordavano sempre che era scozzese. Prima che… diventasse britannico, con la conquista dell’oro olimpico prima (2012) con il primo trionfo a Wimbledon nel 2013, 76 anni dopo Fred Perry.

Eppoi come ha giocato i tiebreaks! Non ha sbagliato una palla, mentre Raonic ha patito l’esordio in una grande finale. Tutti oggi erano curiosi di constatare se nel confronto fra la miglior battuta (o quasi con Karlovic e Isner) e la miglior risposta (o quasi, con Djokovic…) del circuito, avrebbe avuto la meglio l’uno oppure l’altro. Insomma, fra le incertezze di ogni vigilia, oggi si credeva che il match avrebbe anche potuto essere deciso, in ultima ipotesi, dal servizio di Raonic. E ciò pur dando per scontata la maggior completezza dello scozzese. Proprio nessuno si sarebbe aspettato che Murray sarebbe stato superiore…

SEGUE A PAGINA 2

Pagine: 1 2

Continua a leggere
Commenti

Editoriali del Direttore

Roland Garros – Il caldo opprimente, la libertà dello scooter, i posti vuoti per i troppi biglietti agli sponsor, il riscatto del tennis donne, Zverev-Ruud forse migliore di Alcaraz-Djokovic

Muchova-Sabalenka, Swiatek-Haddad Maia hanno creato spettacolo e suspence. La bielorussa però…sciupona. Djokovic, l’ultimo dei Mohicani lotterà per sé, per il 23mo Slam ma anche per gli altri Fab 4. E’ l’ultimo che può respingere l’assalto di Alcaraz e dei giovani rampanti. Sarà davvero un gran match?

Pubblicato

il

Il tris di Swiatek sembra aleggiare nell’aria calda, opprimente e insolita di Parigi. Non ricordo, in 47 anni che vengo al Roland Garros e negli ultimi 20 che ci vengo con uno scooter della Piaggio – in passato erano le classiche, tradizionali Vespe, adesso sono MP3 350cc  con le tre ruote, così non si casca e si parcheggia facile –  un altro torneo nel quale abbia fatto sempre così caldo da dover restare in maglietta anche la sera tardi. Fino a un paio d’anni fa non c’erano nemmeno le sessioni serali. Mi dilungo sul meteo…, perché sembra impossibile che invece nel Bel Paese, quando parlo con i miei familiari che vivono in diverse parti d’Italia mi dicono che il tempo continua a essere invece orribile. E non da ieri soltanto. Una rivoluzione climatica con uno scambio meteo Italia-Francia? Beh almeno questo non è colpa della politica, di questo o quel Governo.

Il tris di Swiatek sembra aleggiare nell’aria calda, opprimente e insolita di Parigi. Non ricordo, in 47 anni che vengo al Roland Garros e negli ultimi 20 che ci vengo con uno scooter della Piaggio – in passato erano le classiche, tradizionali Vespe, adesso sono MP3 350cc  con le tre ruote, così non si casca e si parcheggia facile –  un altro torneo nel quale abbia fatto sempre così caldo da dover restare in maglietta anche la sera tardi. Fino a un paio d’anni fa non c’erano nemmeno le sessioni serali. Mi dilungo sul meteo…, perché sembra impossibile che invece nel Bel Paese, quando parlo con i miei familiari che vivono in diverse parti d’Italia mi dicono che il tempo continua a essere invece orribile. E non da ieri soltanto. Una rivoluzione climatica con uno scambio meteo Italia-Francia? Beh almeno questo non è colpa della politica, di questo o quel Governo.

Qua mi sono sempre bagnato molto più che a Wimbledon, però a giudicare dalle migliaia di scooter – in gran parte proprio Piaggio con le tre ruote (che hanno avuto qua evidentemente molto più successo che in Italia, chissà perché) – che circolano a Parigi e che parcheggiano fra Porte d’Auteuil, Porte Molitor e il Bois de Boulogne, si vede che lo scooter, e spesso sono davvero grossi gli scooter che sfrecciano sulle varie “Routes Periferique”, è un mezzo popolarissimo, tanto da farmi pensare che allora il maltempo nel quale io mi sono imbattuto in tanti passati Roland Garros non sia stato una regola, ma l’eccezione che la conferma. Altrimenti di scooter non se ne venderebbero così tanti e qui sono tantissimi parcheggiati proprio ovunque anche i motorini Uber (più vari competitor), a nolo orario,  come da noi in certe città italiane capita per le biciclette e le auto “Enjoy” , ma non mi è capitato ancora di vedere anche per i motorini.

 

Certo è anche che qui, in certe strade, e non solo sui perennemente ingolfatissimi Champs Elisèe, si resta facilmente imbottigliati nel traffico, in code insopportabilmente infinite. Ecco perchè lo scooter diventa un gran bel salvagente.

Va detto poi, e chiudo questa inutile parentesi, che la reputazione di Wimbledon ostaggio della pioggia è dovuta certamente anche al fatto che se lì, in Church Road, cade anche la pioggerellina più ridicola, purtroppo sull’erba non si può giocare e gli incontri vengono sospesi. Anche tre, quattro volte nello stesso giorno. Quando a Parigi, come a Roma, si continuerebbe tranquillamente a giocare. Insomma, salvo che per quest’anno nella Roma più acquazzonata di sempre, se piove da noi e a Parigi di solito non ci si fa caso. A Wimbledon ci se ne accorge tutti e soprattutto se ne accorgono quei poveri inservienti che tirano e srotolano su e giù di continuo quei pesantissimi tappeti che devono restare alti tipo tende sui courts, a scanso guazza sottostante.

Piuttosto anche qui come a Roma c’è la piaga dei posti venduti, e venduti assai a caro prezzo, agli sponsor e ai clienti degli sponsor. Così spesso – si sarà visto e notato in tv – quelli che sarebbero i posti migliori, sono spesso vuoti. Perché a quel tipo di quei clienti, evidentemente, interessa più fare atto di presenza al Roland Garros, un must, p.r. o semplici chiacchiere con un bicchiere di champagne in mano, piuttosto che guardare il tennis e scoprire chi siano Ruud e Rune.

Molti francesi che pure ho incrociato al Roland Garros, mica al Louvre, non sanno ancora chi sia Alcaraz. L’ho scoperto con un certo raccapriccio. E quando dico loro con aria un minimo scandalizzata: “Ma suvvia, è il numero uno del mondo!” reagiscono con un: “Ma davvero? E non è Djokovic?”.

L’altro giorno un signore che era appena uscito da una di quelle elegantissima suite ha chiesto a una hostess elegantissima in camiseta Lacoste: “Ma Nadal quando gioca?”.

Non ho voluto sentire la risposta. Temevo di sentire anche dalla hostess una risposta incerta, interlocutoria. Per carità, è meglio che sappiano chi sia stato Carlo Magno.

Soltanto per Roger Federer si va sul sicuro: tutti sanno che lui, il Mito, la Leggenda, si è ritirato. Meno male che almeno questo non è sfuggito a nessuno dei presenti.

Siamo messi così. Il tennis è sempre più un business colossale. E chi lo organizza mira a far ciccia, cioè soldi, e se l’immagine di uno stadio semideserto a bordo campo non è una buona immagine il promoter miope oggi dice: “Chissenefrega. L’importante è che loro comprino i biglietti e noi si aumenti l’incasso”. Ma alla lunga andrà sempre così?

In Francia forse è anche per il risultato di questa politica che ha fatto sì, però, che di tennisti francesi competitivi non se ne vede più neppure l’ombra. Quest’anno, come nel 2021, hanno perso tutti prima del terzo turno. Per una federazione ricca, ricchissima, come quella francese che ha un carico di dipendenti vicino al migliaio, e un cespite di entrate monstre come il Roland Garros è un bello smacco.

Per fortuna, e non solo per fortuna, sia dato a Cesare…(Binaghi) quel che è di Cesare, in Italia non è così. Però qui mi sono imbattuto in diverse persone che mi hanno chiesto: “Ma perché a Roma si vedeva spesso lo stadio così vuoto? Vendevano i biglietti troppo cari?”.

Ho spiegato a chi aveva la pazienza di ascoltarmi, che a) a Roma quest’anno avevamo avuto un tempo da lupi, mai vissuto prima a quel modo, b) ma anche che la programmazione non era stata spesso indovinata, c) che troppe volte si era creduto di far bene pensato piegandosi anche alle richieste dei giocatori italiani più viziati per programmarli sul più “cozy” Pietrangeli, straboccante di folla, mentre sul “centrale” venivano programmati incontri poco appetitosi. Assai prevedibilmente poco appetitosi, a dire il vero, se in contemporanea se ne giocavano altri con tutti gli azzurri sul Pietrangeli che la gente non abbandonava neppure quando diluviava perché…”chi va via perde il posto all’osteria”.

Errori che probabilmente l’anno prossimo non verranno ripetuti. Almeno non in questa misura, io spero. Anche qui, già che ci sono lo dico, i prezzi di chi passa 10 ore in questo magnifico posto…sono però fuori di testa, assolutamente esagerati, e la qualità del cibo non fa davvero onore alla tradizione della cucina francese. Per mangiare crepes, waffles, gelati (confezionati e dai 4,80 euro in su) e svuotare il portafogli si fanno code lunghissime. Del resto anche al Foro Italico l’alimentazione è davvero “very cheap”, pizze, panini, hamburger, hot-dog, come se abitassimo in America e non nel Bel Paese famoso nel mondo per la sua cucina. Ristoranti di modesta qualità e prezzi esosi, mal assistiti da servizi igienici non frequentabili. A quest’ultimo proposito organizzerei, durante i prossimi Internazionali d’Italia, una giornata in cui i dirigenti FITP e gli ospiti degli sponsor BNL, BMW, EMU e partner vari, fossero obbligati a servirsi dei servizi igienici che spettano ai normali spettatori. Chissà, forse le cose cambierebbero.

 Angelo Binaghi ha promesso che in futuro ci sarà qualche posto coperto in più (non solo il tetto per il 2026) di modo che quando piove come quest’anno l’unico riparo non sia più il proprio ombrello. Ma anche un ristorante in più di discreto livello senza che il conto si riveli un furto con scasso, non guasterebbe. Certo lì al Foro gli spazi sono quelli che sono.

Al Roland Garros, soprattutto dopo essersi allargati fino al Simonne Mathieu, sono ben altri. E all’Orangerie si mangia come in un ristorante serio. Chic.

Finalmente, portate pazienza, ora scrivo di tennis giocato. Non mi diverto sempre a vedere tennis femminile.Troppo spesso è a senso unico. Pensate alle precedenti partite di Iga Swiatek, 6-0, 6-0 a questa e a quest’alra una miseria di game concessi, 14 set di fila vinti in 7 match anche contro la promessa Coco Gauff, finalista un anno fa. Dov’è la suspence?

Ieri giovedì l’eccezione. Due partite piene di pathos, di situazioni avvicenti, ben giocate come nei primi due set di Sabalenka Muchova, prima di un terzo set con un calo di qualità e quell’altalena di tante partite femminili che non è facile spiegare se non sei un…coach mentale.

Quando Aryna Sabalenka sale a forza di missili, sul 5-2, prima di avere e mancare il matchpoint sul 5-4, il match sembra finito. La Muchova aveva già vinto comunque il suo sorprendente torneo, mi stavo apprestando a scrivere.

Macchè, “it is never over until is over”. La Sabalenka prima si distrae, poi dilapida, quindi si innervosisce.  Dal 5-2 in suo favore perderà 5 game di fila, la partita, l’approdo alla finale, il possibile n.1 WTA. A un certo punto la serie negativa la vede con 4 punti all’attivo e 16 al passivo. Quasi soltanto a lei, almeno fra le grandi sebbene sia capace di fare anche due doppi falli a fila quando il momento è capitale e ha un matchpoint, succedono certi improvvisi prolungati scivoloni.

Muchova, 27 anni, 2 di più di Sabalenka, non crede ai suoi occhi. Anni fa il suo medico, dopo l’ennesimo infortunio, le aveva suggerito di abbandonare il tennis. Di ritirarsi. Lei era precipitata oltre il 200mo posto. Ma non si è ritirata. E sabato lei.n.43 del mondo, giocherà la sua prima finale Slam contro quella Swiatek che lei battè nel 2018 nell’unico precedente. Solo che Iga era ancora una bambina e lei, ventiduenne, solo una promessa incompiuta

Iga in questo torneo era a rischio trono: la Sabalenka minacciava di spodestarla. Invece la sconfitta della bielorussa e la contemporanea vittoria della polacca sulla tenace brasiliana Haddad Maia le garantisce il possesso della corona anche dopo questo Roland Garros sia che lei vinca il quarto Slam e il terzo RG di fila, sia che perda dalla sorprendente Muchova.

Beatriz sognava di emulare Maria Ester Bueno, la campionessa del suo Paese che trionfò in 7 Slam, ma non è ancora arrivato il momento del suo primo. Ha perso nettamente il primo set, ma nel secondo si è arrampicata al tiebreak e perfino a un setpoint. Le è mancata un po’ di agilità, annullarle due matchpoint con grande garra non le è bastato.

Ha fatto tremare Iga e si può rallegrare per un grande torneo che probabilmente, con la nuova fiducia acquisita, non sarà l’ultimo.

Oggi c’è attesa spasmodica per la prima semifinale, Alcaraz-Djokovic, Next Gen vs Old Gen. Conflitto più generazionale di questo non si poteva programmare. Ognuno giocherà per sé, ma un pochino anche per i coetanei. Alcaraz ha preferito fare ieri giovedì un po’ di palestra, senza tennis. Invece Djokovic ha giocato un’oretta abbondante sul campo 5 con uno sparring partner, Carlos Gomez Herrera.

E se invece la semifinale più bella fosse quella che giocheranno dopo Ruud e Zverev? Se uno dei protagonisti della prima semifinale giocasse molto al di sotto della propria reputazione, Djokovic per uno stato di forma ancora incerto messo magari a dura prova per il caldo, Alcaraz per uno stato di tensione cui non può essere ancora del tutto abituato – un conto è aver vinto 22 Slam, un altro averne vinto uno solo – ecco che la seconda semifinale potrebbe inopinatamente diventare la migliore. Per come ho visto giocare Ruud contro Rune e Zverev in questi giorni, sono quasi certo che giocheranno entrambi molto bene. E per il contrasto di stile dei due giocatori lo spettacolo non mancherà. Il duello fra il diritto a sventaglio di Ruud e il magnifico rovescio di Zverev sembra poterlo garantire. Nella prima semifinale, invece, lo show potrebbe essere eccelso, ma anche deludente. Quando le attese sembrano eccessive…tante volte in passato è accaduto che siamo rimasti con un palmo di naso. Speriamo allora invece che tutti e due giochino al meglio. 

Continua a leggere

Editoriali del Direttore

Roland Garros: Djokovic-Alcaraz arriva troppo presto? Per Novak forse sì

Stasera Rune-Ruud. Chi vince partirà favorito contro il vincente di Zverev-Etcheverry. Ma c’è chi crede al duello serbo-spagnolo come ad una finale anticipata. Infuria il caso Sabalenka-Svitolina

Pubblicato

il

Novak Djokovic - Roland Garros 2023 (foto Roberto dell'Olivo)

Daniil Medvedev ha fatto un gran dispetto a Novak Djokovic vincendo Roma. Eh sì. Lo ha scavalcato in classifica mondiale e poi il sorteggio del Roland Garros ha piazzato Novak nella stessa metà tabellone di Carlitos Alcaraz. E il sorteggio non ha fatto un favore al serbo, semmai lo ha fatto ad Alcaraz.

Sì, perché il Djokovic visto sin qui, a Montecarlo (Musetti), Banja Luka (Lajovic) Roma (Rune) e Parigi (con Davidovich Fokina e Khachanov) non mi è sembrato davvero il miglior Djokovic.

Ma il serbo, come capitava anche a Nadal, più partite gioca e meglio gioca. Per lui sarebbe stato meglio approdare alla finale con Alcaraz piuttosto che affrontarlo già in semifinale (sempre che alla finale ci fossero semmai arrivati entrambi eh).

 

Il Djokovic del primo set e mezzo con Khachanov è stato quasi imbarazzante, senza nulla togliere ai progressi del russo n.11 del mondo (che Sonego poteva battere).

Ma certo Alcaraz contro Tsitsipas fino a quando non si è distratto un po’, sul 6-2,6-1,5-2 e primi match point, è sembrato di un altro pianeta. Rispetto a chiunque. Aveva lasciato 7 game a Shapovalov, 7 a Musetti (vabbè 7 anche a Cobolli, e 5 a Taro Daniel nei 3 set vinti su 4), stava per lasciarne solo 5 a Tsitsipas. Carlitos faceva paura. Mazzate di dritto, incrociate come a sventaglio, rovesci debordanti lungolinea a sorprendere l’ateniese ogni qualvolta lasciava scoperto il proprio angolo destro per coprire con il dritto 7 metri e mezzo degli 8 e 23 centimetri della riga di fondo. E come aveva sospinto Tsitsi verso i teloni di fondocampo, zac, l’implacabile, irridente smorzata. Sempre vincente o quasi.

Sembrava quasi che Tsitsipas non fosse il quinto tennista del mondo. E ripensavo a Musetti che almeno qualche colpo bello e vincente era riuscito a giocarlo. Tsitsi quasi neppur quello. La critica è stata severa con Musetti, neo n.17 ATP a partire dal prossimo lunedì, ma allora come avrebbe dovuto trattare Tsitsipas?

E allora mi dicevo: ma Djokovic come farà ad arginare questa furia spagnola?

Però, però poi mi sono anche detto: visto quel che è successo a Khachanov? Djokovic che sembrava in giornata no, ha finito da dominatore.

Già, perché Nole, indiscutibilmente il miglior ribattitore del mondo, nel primo set aveva fatto la miseria di 6 punti in 5 turni di battuta di Khachanov. 4 turni persi a 15, uno a 30.

Fino al quarto game del secondo set Djoko non era riuscito ad arrivare a 40. Ok, Khachanov serviva bene, ma quel Djokovic non era Novak. Forse era Marko, il fratello. Fino al tiebreak e al primo game del terzo set…Marko Djokovic non era stato capace di conquistarsi una pallabreak, limitandosi ad arrivare a 40 pari quattro volte in 11 game di risposta.

Al tiebreak era giunto avendo collezionato 13 errori gratuiti di dritto, alcuni davvero clamorosi, come quello che aveva consentito a Khachanov di raggiungere il 3 pari. E i dritti vincenti erano meno della metà di quelli sbagliati. Aveva però cominciato a servire meglio e a tenere molto più agevolmente i suoi game di servizio. A zero quello del 5-4, a zero quello del 6-5, game per solito delicati.

E poi la svolta cruciale, nel tiebreak: 7 punti a zero!

Lì Djokovic è tornato vicino a quello che ha vinto 22 Slam e cerca il 23mo per lasciarsi alle spalle per sempre Nadal, mentre Khachanov si è lasciato andare al punto da beccare un 6-2 senza alcuna reazione perché sul servizio di Novak gli ha strappato un solo punto e perso altri tre game a zero.

La grande occasione di battere un Djokovic dimesso – e sarebbe stata soltanto la seconda volta in 10 duelli – era svanita. Lui Karen… pollo, mi permetto di dire. Perché bastava poco di più. Nole era nervoso e in sua balìa.

Poi, invece non c’è più stata storiaPerò date ad Alcaraz il Djokovic dei primi due set e Carlitos ne farà un sol boccone.

Quante volte però i fenomenali Fab-Four (o 3 via) cominciavano uno Slam in modo incerto e poi nell’arco delle due settimane salivano esponenzialmente di rendimento? Non so se questi 2 set finali con Khachanov sono bastati a Djokovic a sentirsi forte come ai bei tempi, a dargli quella fiducia che forse si era un tantino incrinata.

Credo che gli avrebbe fatto bene giocare e vincere un’altra partita, per arrivare supercompetitivo nel faccia a faccia con Alcaraz.

Il quale Alcaraz potrebbe aver imparato la piccola lezione che gli ha dato il finale del match con Tsitsipas: invece di stare attento e far di tutto per chiudere sul 5-2 del terzo set si è un po’ ingolosito, ha esagerato nel giocare troppe palle corte, nel giocare lob liftati più narcisisti che efficaci, e si è ritrovato 5 pari e poi al tiebreak con un Tsitsipas di nuovo carico che faceva il pugnetto.

Per il greco, che ha quel rovescio così così, non c’è stato nulla da fare per coltivare il sogno della rimonta. Alcaraz ha avuto bisogno del sesto matchpoint per chiudere (3 prima del tiebreak), ma né lui né Juan Carlos Ferrero hanno tremato neanche per un attimo.

“Sul 5-2 mi sono un po’ deconcentrato” ha confessato il ragazzo di Murcia che, come dimenticarlo?, ha smesso i panni del teenager soltanto il 5 maggio scorso.

Beh, di certo Ferrero gli dirà prima di venerdì, che se si permettesse una simile leggerezza contro Djokovic probabilmente la pagherebbe cara. Novak gli monterebbe in testa.

Capsco, a questo punto, che avendo vissuto una intensa giornata caratterizzata dalle due partite di quarti di finale della metà alta del tabellone, ho trascurato le chance di vittoria finale di chi sta nella metà bassa, cioè del vincitore del primo “quarto” fra il risorto Zverev e l’argentino Etcheverry e forse ancor più dei protagonisti del derby scandinavo Ruud-Rune. (N.B. sull’appartenenza alla Scandinavia della Danimarca, peraltro, si può discutere). Io so solo che i loro derby, fin da quello nei quarti qui a Parigi un anno fa e poi la semifinale di Roma che ha rovesciato l’esito favorevole per 4 volte a Ruud, per me è sempre stato fastidioso. Sì, per il mio bloc-notes. Di solito riporto infatti sulla colonna sinistra l’iniziale del cognome di chi batte. E quando proprio due tennisti hanno la stessa iniziale rimedio con la seconda lettera del cognome. Ma qui c’è un RU contro un altro RU…e lo spazio in un piccolo bloc-notes è un tesoro prezioso da proteggere. Vabbè, scusate l’eccesso di personalismo.

Fra Ruud e Rune, fra Rune e Ruud, ce n’è uno che è la quintessenza dell’educazione e del fairplay. E l’altro che ne è la negazione. C’è bisogno che spieghi a chi mi riferisco?

Però fra i due secondo me Rune è più cavallo da Gran Premio. Se vincesse il suo primo Slam non sarebbe poi una sorpresa pazzesca, salvo il fatto che Alcaraz in questo momento sembra una spanna superiore a tutti. Mentre Ruud, nonostante due finali in altrettanti Slam, qui e a New York, non mi convince mai del tutto perché lo si possa definire un grande talento, un grande campione. Forse perché è troppo ragazzo perbene, troppo modesto, senza lampi…nemmeno quelli di maleducazione!

Chiudo qui perché dell’altro fatto del giorno, con la foto più cliccata di tutto il torneo Iryna Sabalenka che aspetta alla rete Elina Svitolina come se non sapesse che la Svitoliana la mano non gliela avrebbe mai stretta – ne abbiamo scritto a lungo e avrete certo letto anche le dichiarazioni delle due ragazze.

Sabalenka, costretta a presentarsi in conferenza stampa, è finita sotto il fuoco incrociato di tutti i giornalisti perché non aveva indovinato la mossa di sottrarsi alle loro domande al termine delle ultime due partite.

La colpa, oltre che sua che aveva richiesto l’esenzione per troppo stress mentale, era stata anche del torneo che aveva bleffato, inventandosi la balla di aver dato vita a una conferenza stampa ridotta, quando invece si era trattato della registrazione di un monologo bielorusso. Un autogol evitabilissimo. Perché era chiaro che sarebbe venuto fuori…il segreto di Pulcinella.

Elina Svitolina è stata coerente con la decisione sua e delle altre ragazze ucraine, giusta o sbagliata che possa essere la loro scelta. Non meritava quindi i buuh che l’hanno seguita all’uscita. E forse Sabalenka poteva evitare quella che è parsa un po’ una sceneggiata. Situazioni difficili da vivere e, all’esterno, da interpretare. Di certo con la tragedia quotidiana che stanno vivendo le famiglie ucraine – e quasi tutte le tenniste ucraine la stanno vivendo sulla loro pelle e quella dei loro cari – chi vorrebbe che sport e politica non si sfiorassero non si trova nella loro situazione e penso che non possa capirla appieno. Il rischio che un qualsiasi giudizio diventi superficiale c’è tutto.

Continua a leggere

Editoriali del Direttore

Roland Garros – Il dubbio è: Djokovic è sempre lui o no? Se lo è la probabile semifinale Djokovic-Alcaraz sembrerà una finale anticipata

Djokovic ha perso una sola volta con Khachanov, Alcaraz mai con Tsitsipas. Ancora rimpianti per la sconfitta di Sonego. E Rune si conferma un gran maleducato

Pubblicato

il

Un brutto e triste risveglio, come ho detto anche nel video, ritrovarsi al Roland Garros senza un tennista italiano da seguire nei tabelloni principali.

Ci siamo fermati agli ottavi, e a domenica, con i due Lorenzo, Musetti e Sonego. E i rimpianti soprattutto per la partita di Sonego ci sono e tanti. Poteva vincere sia secondo sia terzo set, con un pizzico di fortuna in più e oggi sarei qui a presentare il match Sonego-Djokovic invece che ad aspettare di constatare se Djokovic è ancora lui.

Se Nole fosse ancora il vero Nole probabilmente anche il miglioratissimo Khachanov, non avrebbe via di uscita. Il russo  è stato battuto dal serbo 8 volte su 9 è l’unica volta che vinse fu a Bercy, il torneo dove non sai mai se chi lo gioca va lì perché ci deve andare, ma se è ormai qualificato per le finali ATP che cominciano di lì a pochi giorni si impegna il giusto.

 

Se Nole non fosse il vero Nole beh, allora anche Sonego avrebbe potuto giocare le sue carte.

Ma dei se e dei ma sono piene le fosse e ci tocca soltanto sperare che le cose vadano meglio sull’erba di quanto sono andate sulla terra battuta, una volta nostro terreno di maggior raccolta.

Da qualche anno a questa parte però, Berrettini bi-campione al Queen’s e finalista a Wimbledon, Sinner nei quarti in Church Road, forse otteniamo migliori risultati oltre Manica.

Intanto contro lo scorrettissimo Rune Francisco Cerundolo ha dimostrato che Sinner non aveva perso a Roma da un pisquano qualsiasi.

Magra consolazione, direte, ma pur sempre consolazione. Mi è sembrato davvero poco competitivo, anche se è stato un break avanti nel secondo set, Grigor Dimitrov con Zverev. Il bulgaro che aveva lasciato soltanto 8 game a Altmaier, sarebbe stato più competitivo e determinato contro Sinner? Non lo sapremo mai.

Piuttosto quanti avevano dato per molto probabile l’approdo di Jannik ai quarti di finale, non avevano fatto i conti con il recupero di Sasha Zverev, il quale ora non giocherà più da n.3 del mondo, ma nemmeno da n.27 come è adesso.

Insomma questo Zverev sarebbe stato un osso duro anche per un buon Sinner. Era la zona ancora più bassa, quella dove si è infilato Etcheverry,quella che avrebbe potuto essere un buon terreno da conquistare, grazie anche al k.o. di primo turno di Daniil Medvedev.

Ma Sinner era piazzato più, fra Dimitrov e Zverev, quindi è inutile piangere sul latte versato altrove. L’argentino ha dominato Nishioka quindi non sarà un avversario comodissimo neppure per il risorto Zverev.

Ma non c’è dubbio che il quarto più interessante della metà bassa lo giocheranno nella giornata di mercoledì Ruud e Rune, con il danesino che vorrebbe ripetere il risultato della semifinale di Roma, dopo che dal norvegese aveva perso 4 volte su 4. Intanto non si è fatto né in qua né in là quando si è trattato di “rubare” un punto importante ai danni di Cerundolo. Aveva fatto rimbalzare la palla due volte e lo sapeva benissimo. Si è preso il punto con la complicità dell’arbitro dalla voce baritonale ma distratto.

Io penso però che il vincitore del torneo uscirà dalla metà alta del tabellone. Oggi si affrontano Djokovic e Khachanov e in serale Alcaraz e Tsitsipas, con i primi che hanno dominato i confronti diretti: 8-1 come già detto il serbo sul russo, 4-0 lo spagnolo sul greco,.

Se Djokovic batte Khachanov vuol dire che sta bene e che allora la probabile semifinale  Alcaraz-Djokovic potrebbe essere presentata con un po’ di spregiudicatezza come una finale anticipata. A Roma Djokovic perse da Rune, ma non era il vero Djokovic.

Per quanto riguarda il torneo femminile dall’alto in basso abbiamo questi accoppiamenti nei quarti: Swiatek-Gauff (che fu la finale lo scorso anno), Haddad Maia-Jabeur – e qui c’è almeno un po’ di fantasia geopolitica, una polacca contro un’americana, una brasiliana contro una tunisina –mentre nella metà bassa e in campo oggi ci sono tutte tenniste dell’Europa dell’Est, Muchova e Pavlyuchenkova – con la prima che ha fatto stragi di azzurre (Trevisan e Giorgi) e la seconda che 2 anni fa fece finale qua ma oggi è n.333 WTA perché è stata a lungo infortunata – Svitolina e Sabalenka per un altro duello che si concluderà senza una stretta di mano.

La Svitolina, un po’ perché sposata con Gael Monfils e mamma di un erede nato ad ottobre, un po’ perché ucraina, è stata adottata dal pubblico francese come se fosse nata e cresciuta sugli Champs Elysées. Se dovesse vincere la porterebbero sotto l’Arco di Trionfo. Intanto ieri ha riservato alla Kasatkina lo stesso trattamento rivolto alla Blinkova. Nessuna stretta di mano. La Kasatkina non si faceva illusioni ma c’è rimasta male, sia per il comportamento orribile del pubblico francese, sia per il mancato gesto della Svitolina perché lei in fondo è stata una delle poche russe che ha provato a esporsi un po’. Cosa che non ha fatto, ad esempio, la bielorussa Aryna Sabalenka che anzi –sulla scia di Naomi Osaka – è riuscita convincere i deboli organizzatori a riunire un gruppo qualificato di giornalisti scelti dalla stessa organizzazione. Non avrebbe dovuto essere tollerato. Ma i giornalisti oramai sono tutti talmente appiattiti che nessuno osa più opporsi a niente. Del resto basta leggere le domande le trascrizioni delle domande fatte ai tennisti per rendersi conto di quanto l’autonomia, la indipendenza dei giornalisti, la loro personalità sia scaduta.

E’ responsabilità dei vari organismi che gestiscono il tennis questa assenza di un minimo di verve nelle conferenze stampa. I giocatori vengono istruiti per non dire nulla di interessante e ci riescono benissimo. Negli altri sport non è così. Poi ci si lamenta se nel tennis, in parallelo con il progressivo e inevitabile prepensionamento dei FabFour,  mancano le personalità. Quelle che ci sarebbero vengono soffocate. E va a finire che le sole interviste che vengono lette ovunque sono quelle “inarrestabili” di Kyrgios che gioca pochi mesi l’anno, cioè quando gli va.. 

E’ un errore, anche culturale, di chi si occupa della comunicazione del nostro amato sport. Si sentono dire solo le cose più scontate, ammantate di dichiarazioni politically correct. Sandra Mondaini, pace all’anima sua, direbbe al suo Raimondo Vianello: “Che noia che barba, uffa che noia che barba!”.

Vabbè, oggi ero di cattivo umore e vi ho spiegato perché. Agli azzurri impegnati nelle fasi finali dei grandi tornei, ormai mi ci ero abituato. Non vorrei tornare a …digiunare come mi è toccato fare per 40 anni. 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement