US Open, spunti tecnici da bordocampo: Lendl e Murray, l'atteggiamento di un grande coach

(S)punti Tecnici

US Open, spunti tecnici da bordocampo: Lendl e Murray, l’atteggiamento di un grande coach

Al riparo del nuovissimo tetto dell’Arthur Ashe Stadium, il campione di Wimbledon e delle Olimpiadi Andy Murray lavora sui colpi di inizio gioco. Ma la cosa interessante sono le attenzioni che gli riserva Ivan Lendl

Pubblicato

il

 

granollers murray lendl

La rubrica tecnica da bordocampo andrà oggi in onda in forma ridotta, non per uno sciopero, ma a causa della pioggia che ha bloccato tutte le attività all’aperto. Nella stessa situazione, lo scorso anno non sarebbe stata colpita una singola pallina fino a dopo pranzo e oltre, ma la grande novità 2016 di Flushing Meadows, inaugurata operativamente ieri sera per un primo scroscio, è il super-tetto retrattile del centrale. Grazie alla disponibilità di Chris Widmayer, il capo ufficio stampa e rapporti con i media degli US Open, che mi ha “infiltrato” ufficiosamente al “court level”, ho potuto assistere all’allenamento a porte – e tetto – chiusi di Andy Murray sull’unico “court” agibile dell’impianto. L’Arthur Ashe versione indoor, visto dal campo, è uno spettacolo, d’altronde è lo stadio di tennis più grande del mondo.

Curiosamente, Murray divideva il terreno di gioco proprio con il suo avversario di tre ore dopo, Marcel Granollers, uno a destra, l’altro a sinistra con i rispettivi sparring partner e coach, scelta obbligata visto che entrambi avevano diritto a fare il warm-up. Vediamo in testa al pezzo un’immagine molto simpatica della situazione, Marcel in un momento di pausa osserva Andy che palleggia sotto la supervisione di Ivan Lendl, mentre Josè Maria Arenas, il suo allenatore, gli spiega cosa dovrà cercare di fare proprio quando più tardi affronterà lo scozzese, e gli mima l’esecuzione del colpo.

Per quanto concerne la tecnica, il training di Andy è stato totalmente focalizzato su servizio e risposta, con grande attenzione al primo, soprattutto l’esecuzione delle seconde palle in kick e slice, che come è noto sono un po’ il suo tallone d’Achille. Ma la cosa che mi ha colpito è stato l’atteggiamento di Ivan lendl, che vi invito a osservare dal punto di vista del linguaggio non verbale.

murray lendl us open 7

Qui sopra, Ivan consegna le palle ad Andy, indicandogli di servire al centro.

murray servizio 3

Andy esegue, Ivan è attentissimo.

murray lendl us open 6

Non perfetta l’esecuzione, ci si esercita ancora.

murray servizio 4

Molto meglio, possiamo vedere anche noi la maggiore centralità dell’asse di equilibrio di Andy. Si passa al colpo che tanti anni fa fece le fortune del Lendl giocatore, ovviamente il dritto.

murray dritto lendl 2

Impatto buono, ma Ivan non sembra soddisfatto, ci si lavora in progressione, palla dopo palla.

murray dritto lendl

Ottima la spazzolata, si passa al rovescio.

murray rovescio lendl

Bene, ma non benissimo, ancora qualche minuto su questo colpo.

murray lendl us open 4

Va bene, per oggi siamo a posto, si va al massaggio e allo stretching in vista del match.

murray lendl us open 9

Come detto, tecnicamente poco da commentare. Ma se con Ivan al suo fianco Andy ha ottenuto le più grandi affermazioni della carriera, un motivo c’è, e si può intuire molto chiaramente dal piccolo fotoracconto che abbiamo messo insieme. Scorrete di nuovo le immagini, e guardate la mimica e la postura di Ivan: sempre con lo sguardo fisso sull’allievo, concentrato come e più del suo giocatore, gli gira intorno senza togliergli gli occhi di dosso un istante, da un lato all’altro, rimanendo poi a torreggiare su di lui fino al momento di fare la borsa e lasciare il campo. Non sono un esperto in materia di interpretazione psicologica ed emotiva dei gesti, ma personalmente quello che mi viene in mente è un orso che cura e protegge il suo cucciolone, con atteggiamento paterno, pacato ma autorevole.

Probabilmente, più che l’apporto tecnico – che di certo è di livello altissimo, ci mancherebbe altro con uno come Lendl – quello di cui Murray ha bisogno, e che gli dà tranquillità e sicurezza, è precisamente questo. La stabilità emotiva è una parte fondamentale nel tennis di un campione, e questa sorta di “guscio virtuale”, invisibile ma percepibile anche da bordocampo, che Ivan gli disegna intorno pattugliandone attentissimo i confini, sia fisici sia psicologici, e che abbiamo documentato con le immagini di oggi, è il rifugio di cui Andy ha evidentemente bisogno per poter dare il meglio di sè. Bravo Lendl, un bellissimo esempio di attenzione e dedizione al ruolo.

 

 

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
ATP4 settimane fa

Trattative Sky-FITP-Supertennis. A che punto è la negoziazione dei diritti-tv

Flash4 settimane fa

Diritti TV SKY e FITP: ecco lo scenario di questa aspra negoziazione infinita [VIDEO]

evidenza3 settimane fa

In Svizzera è polemica sulle On di Roger Federer. La risposta: “In Vietnam paghiamo oltre il minimo salariale”

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam: Sinner: “Fra uno Slam e una medaglia olimpica scelgo la seconda. Non vedo l’ora di conoscere i migliori atleti del mondo” [AUDIO]

evidenza3 settimane fa

Richard Krajicek: “Piatti mi disse di Sinner ‘diventerà un campione’”. Jannik al servizio è come Djokovic: la battuta è un extra, ma quando gli serve la mette dentro” [VIDEO INTERVISTA]

Flash3 settimane fa

Ubaldo da Rotterdam: “Sinner sulle orme di Camporese? Siamo qui apposta”

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam, il viaggio di Sinner continua: “Bisogna anche divertirsi. Io ho trovato le persone giuste al momento giusto” [AUDIO]

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam, Sinner: “Contento del numero 3 ma le cose più importanti sono altre” [AUDIO]

ATP2 settimane fa

Griekspoor, prima “vittima” delle 12 di fila di Jannik: “Per me Sinner è il più forte tennista del mondo” [AUDIO ESCLUSIVO]

Flash4 settimane fa

Mattarella: “Azzurri, in Coppa Davis ho visto un vero spirito di squadra” (Cocchi, Primavera) Campioni d’Italia (Guerrini) Sinner porta il tennis al Quirinale (Piccardi) Italdavis in festa, Sinner incoronato da Mattarella (Mei, Schito)

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement