La prima volta che… Jack Sock si confessa

Flash

La prima volta che… Jack Sock si confessa

Il tennista americano si racconta in una simpatica intervista al sito dell’ATP

Pubblicato

il

 

La prima volta che hai capito di amare il tennis?
Praticamente da quando ho iniziato a giocare all’età di otto anni. I miei genitori mi dicevano che sin dall’inizio ero ossessionato dalla racchetta.

Il primo torneo che hai giocato?
Avevo nove anni. Sono cresciuto a Lincoln (Nebraska), ma ho giocato il primo torneo a Kansas City in un luogo chiamato “The Plaza”. Non ero molto bravo, ma ho deciso comunque di partecipare per vedere cosa sarei stato in grado di fare.

Il tuo primo allenatore o allenatrice e la cosa più importante che ti ha insegnato?
Il mio primo allenatore a Lincoln è stato un ragazzo di nome Magnus Grahn. Mi ha insegnato a giocare il rovescio. Per molto tempo è stato il mio colpo migliore fin quando non sono cresciuto e ho dovuto affrontare ragazzi più grandi di me. A quel punto ho incontrato il mio primo allenatore a lungo termine, Mike Wolf, che qualche volta mi aiuta ancora a Kansas City, e mi ha insegnato la corretta impugnatura per il dritto.

Il primo grande momento che hai vissuto nel circuito ATP?
Probabilmente è stato il match con Andy Roddick agli US Open nel 2011. Giocavamo di venerdì, la mia prima volta sull’Arthur Ashe, e il mio primo match televisivo sulla ESPN. È stato un momento fantastico. Non potevo crederci.

Il primo animale domestico?
Ho avuto un paio di samoiedi, dei grandi cani bianchi.

La prima volta che hai volato in business class?
La prima volta in business class risale al mio secondo viaggio per l’Australia. La business class è importante soprattutto nei viaggi molto lunghi, quelli internazionali. La prima volta in Australia ho viaggiato in classe economica ed è stato molto stancante, ma dopo quell’esperienza ho capito che dovevo cambiare per la volta successiva; l’ho visto come un investimento finanziario. Ne vale la pena, di sicuro.

Il primo concerto?
È stato nel 2013. Di solito non vado a molti concerti, ma ho visto i miei primi due in una settimana. Sono stato a quello di John Legend al Nokia Theatre, e poi dopo due notti ho visto Beyonce e Jay Z allo Staples Center.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Perché credo che questo Sinner batterà questo incerto Djokovic. Ma non al quinto set

Editoriali del Direttore4 settimane fa

Australian Open: Sabalenka regina quasi scontata. Bolelli Vavassori in vista Slam. E diritti tv: Sky, Supertennis, FITP: la negoziazione langue

ATP4 settimane fa

La storia del tennis italiano chiama a sé Sinner, da De Stefani a Berrettini passando per le vittorie di Pietrangeli, Panatta, Schiavone e Pennetta

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Jannik Sinner è molto più calmo di tutti quelli che oggi lo osannano. Un anno fa era il tennista dei… senza

Senza categoria4 settimane fa

Australian Open LIVE: Sinner in semifinale, nemmeno Rublev riesce a strappargli un set!

Novak Djokovic - Australian Open 2024 (X @AustralianOpen)
Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Djokovic: “Sono scioccato, uno dei miei peggiori match di sempre”

Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Sinner tranquillizza tutti: “L’addome? Nulla di che”. Contro Djokovic alle 4.30 italiane

Australian Open4 settimane fa

Australian Open: Sinner batte Rublev e vola in semifinale con Djokovic senza aver perso un set [VIDEO]

Editoriali del Direttore3 settimane fa

Jannik Sinner non è un patriota per cui tifare perché non paga le tasse in Italia? Non sono d’accordo con Aldo Cazzullo e Massimo Gramellini

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – La grande attesa per i duellanti dai tanti punti in comune Djokovic e Sinner. Vinca il migliore? “Sperem de no”

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement