Bonfiglio: Stati Uniti protagonisti, fuori le ultime italiane

Flash

Bonfiglio: Stati Uniti protagonisti, fuori le ultime italiane

Le ultime due rappresentati azzurre salutano gli Internazionali d’Italia juniores: si tratta di Federica Bilardo e Tatiana Pieri

Pubblicato

il

 

È un tripudio di stelle e strisce, con quattro americani sui 16 giocatori rimasti in gara nei due tabelloni di singolare. Non un dominio, quello statunitense, ma una presenza forte: certamente sufficiente per risultare la nazione più rappresentata ai quarti di finale del 58° Trofeo Bonfiglio. Con tante chance di arrivare in fondo, per giunta, specie tra i ragazzi. Con quel Trent Bryde che anche giovedì ha impressionato, seppur in modo differente dal solito. Ma prima va detto che anche le due ultime bandierine tricolori si sono ammainate nella giornata dedicata agli ottavi. La prima in ordine cronologico a salutare gli Internazionali d’Italia Juniores è stata la lucchese Tatiana Pieri, costretta a lasciar strada alla statunitense di origini nigeriane Whitney Osuigwe, figlia di Desmond, da 19 anni coach alla IMG Academy di Bradenton (Florida), dove è nata. Dopo un primo set concluso al tie-break, l’azzurra ormai alla quarta (e ultima) partecipazione al Bonfiglio ha strappato soltanto solo due game alla sua avversaria da poco diventata 15enne (nata il 17 aprile 2002). Avventura finita anche per la siciliana Federica Bilardo. Dopo un primo set filato via senza particolari insidie e con la partita saldamente in mano, il tennis mancino della palermitana ha cominciato a essere meno efficace e soprattutto più falloso. Specialmente nel servizio e specialmente nel tie-break del secondo parziale, quando ha piazzato tre doppi falli molto pesanti nell’economia del gioco decisivo. Il terzo set ha seguito poi lo stesso copione, con qualche errore di troppo nei momenti delicati e una seconda di servizio, quella dell’azzurra, troppo aggredibile. Fino al 6-3 conclusivo che ha lasciato entrambi i tabelloni privi di italiani, come nel 2014 (seconda volta nelle ultime 6 edizioni, cioè dalla vittoria di Quinzi del 2012 in poi).

E così in assenza di nostri rappresentanti è lo zio Sam a farla da padrone. Trent Bryde in primis (la più alta testa di serie rimasta in gara, la 4). Il 17enne di Atlanta si è mostrato capace di uscire da una situazione molto complessa liberandosi dalla rete di smorzate e colpi in backspin del colombiano Nicolas Mejia, bravo a impostare una partita impegnativa, fatta di una percentuale abnorme di drop-shots, e a portarsi a casa il primo set. Altro yankee a fare bene è stato Oliver Crawford, 6-3 6-2 in un derby tutto a stelle e strisce Sangeet Sridhar. Nulla da fare invece, nel derby dei Sebastian, per l’altro americano Korda, figlio dell’ex n.2 Atp Petr, sconfitto dall’argentino Baez. Il poker Usa così si è andato a completare nel tabellone femminile grazie ad Ann Li, che nel primo match di giornata ha eliminato la testa di serie n.2 del torneo Amina Anshba per 6-4 7-5. Chiudendo con il torneo maschile, riflettori puntati anche sull’australiano Alexei Popyrin, testa di serie n.14, che ha rifilato un doppio 6-4 al cinese di Taipei Chun Hsin Tseng. Ma soprattutto sul coreano Uising Park che – non senza sorprendere – ha impiegato tre set per affossare il biondissimo tedesco Rudolf Molleker, uno dei più attesi della vigilia nonostante la decima posizione nel seeding. Venerdì la terra rossa del Tc Milano Alberto Bonacossa mette in scena, a partire dalle 11.00, tutti i quarti di finale su 4 campi, prima le ragazze e poi i ragazzi.

 

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Perché credo che questo Sinner batterà questo incerto Djokovic. Ma non al quinto set

Editoriali del Direttore4 settimane fa

Australian Open: Sabalenka regina quasi scontata. Bolelli Vavassori in vista Slam. E diritti tv: Sky, Supertennis, FITP: la negoziazione langue

ATP4 settimane fa

La storia del tennis italiano chiama a sé Sinner, da De Stefani a Berrettini passando per le vittorie di Pietrangeli, Panatta, Schiavone e Pennetta

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Jannik Sinner è molto più calmo di tutti quelli che oggi lo osannano. Un anno fa era il tennista dei… senza

Senza categoria4 settimane fa

Australian Open LIVE: Sinner in semifinale, nemmeno Rublev riesce a strappargli un set!

Novak Djokovic - Australian Open 2024 (X @AustralianOpen)
Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Djokovic: “Sono scioccato, uno dei miei peggiori match di sempre”

Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Sinner tranquillizza tutti: “L’addome? Nulla di che”. Contro Djokovic alle 4.30 italiane

Australian Open4 settimane fa

Australian Open: Sinner batte Rublev e vola in semifinale con Djokovic senza aver perso un set [VIDEO]

Editoriali del Direttore3 settimane fa

Jannik Sinner non è un patriota per cui tifare perché non paga le tasse in Italia? Non sono d’accordo con Aldo Cazzullo e Massimo Gramellini

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – La grande attesa per i duellanti dai tanti punti in comune Djokovic e Sinner. Vinca il migliore? “Sperem de no”

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement