Accadde Oggi: per Monica Seles Toronto è dove scompaiono i fantasmi

Accadde Oggi

Accadde Oggi: per Monica Seles Toronto è dove scompaiono i fantasmi

17 agosto 1997: a quattro anni dalla terribile aggressione Monica Seles vince il suo 40esimo titolo. A Toronto aveva vinto anche il suo primo titolo dopo l’incidente

Pubblicato

il

Quando dici Monica Seles, è facile che un altro ti risponda Günter Parche. Sembra che la carriera della prodigiosa ragazza statunitense abbia dovuto lottare, più che contro le sue avversarie che già dominava regolarmente prima di compiere 20 anni, contro il folle gesto di un tifoso ossessionato. L’aggressore che quel 30 aprile 1993 sotto il cielo di Amburgo le squarciò la pelle tra le scapole con un coltello, spingendosi a una manciata di centimetri dalla colonna vertebrale, era “soltanto” un tifoso sfegatato di Steffi Graf che non accettava la precocità e lo sconfinato talento tennistico della tennista nata a Novi Sad.

Se c’è un luogo che per Monica Seles è stato curativo sotto il profilo tennistico, questo luogo – e questo torneo – è senz’altro Toronto. Proprio sul cemento canadese Monica vince il suo primo titolo dopo essere tornata nel 1995, a due anni dalla follia che ancora si faceva fatica a raccontare. Si tratta anche del primo torneo giocato dalla statunitense, che entra in tabellone con il ranking di “numero 1 bis” concessole dalla WTA non senza qualche mugugno delle sue colleghe. Per tutta risposta Seles vince il torneo lasciando un game alla semifinalista Sabatini e un altro alla finalista Coetzer.

Dopo aver vinto anche l’edizione di Montreal del 1996 Monica Seles torna a Toronto nel 1997 e vince ancora. Perdendo qualche game in più dei soli 14 del 1995, ma comunque senza smarrire neanche un set. E sconfiggendo in finale il 17 agosto la tedesca Anke Huber, incontrata e battuta ai quarti due anni prima. La finale non offre grandissimo spettacolo e si conclude con un doppio fallo della tedesca, perché effettivamente si era capito che Seles da queste parti non era così facile a perdere.

Quando Monica, allora numero 2 del mondo, si arrende nella finale del Canadian Open 1999 di Toronto alla n.1 Martina Hingis sta perdendo appena la sua seconda partita in terra canadese della sua carriera. La prima e fino a quel momento unica sconfitta era arrivata nel 1992 contro Arantxa Sanchez, sempre in finale. Sì, perché qui Monica Seles arriva sempre in finale. Ha giocato sei volte per fare sei finali, vincendone quattro. 

Chi poteva essere in grado di imporle una sconfitta prima dell’ultima partita del torneo, se non quella che con ogni probabilità verrà consegnata alla storia come la tennista più vincente di sempre? Una ventenne Serena Williams, quarta testa di serie del torneo, la batte 7-5 7-6 nel 2001. A Toronto, per la rigorosa turnazione di quella che nel frattempo ha preso a chiamarsi Rogers AT&T Cup. Monica non giocherà più in Canada, e non per il terrore a causa del quale si era imposta di non mettere più piede in Germania dopo l’incidente del 1993.

Forse perché non voleva più essere sconfitta da altri che non si chiamassero Serena Williams. Del resto se n’era già accorta nel 1997 a Chicago, sconfitta da una Serena ancora sedicenne: “i miei giorni da numero 1 sono contati“, disse Monica tra lo stupefatto e l’ammirato. Non avrebbe avuto torto.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Ubaldo Scanagatta
evidenza1 settimana fa

Roland Garros, Scanagatta: “Nadal subito Zverev. Se fosse meglio così? Il teorico cammino di Sinner” [VIDEO]

Jannik Sinner - Madrid 2024 (foto Florin Baltatoiu)
Flash1 settimana fa

Roland Garros, Scanagatta: “Sinner gioca e punta al n. 1 del mondo. E magari pure al Grande Slam. Si deve sognare in grande. Dove capiterà Nadal? Il campione di 14 Roland Garros é’ una mina vagante o no? Riparte l’UbiContest” [VIDEO]

Senza categoria1 settimana fa

Scanagatta a Radio Sportiva: “La bravura di Sara Errani e le prospettive di Zverev per Parigi”[AUDIO]

Alexander Zverev - Roma 2024 (X @inteBNLditalia)
evidenza2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Zverev può aver salvato il torneo” [VIDEO]

Flash2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Meglio le donne che gli uomini. In gara tre delle prime quattro del ranking, fra gli uomini solo due dei primi otto”

Flash3 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Con Paolini bye bye Roma per le italiane. 5 azzurri superstiti. Tre giocano oggi ma il clou è Nadal-Hurkacz. Per lo spagnolo addio Roma più che arrivederci?” [VIDEO]

Matteo Berrettini - Roma 2024 (foto Francesca Micheli Ubitennis)
Flash3 settimane fa

ATP Roma, Scanagatta: “Piove sul bagnato. Dopo il KO di Sinner quello di Berrettini, e sul torneo diluvia. Menomale vincono Darderi e Cobolli” [VIDEO]

ATP2 mesi fa

ATP Montecarlo, Massey: “Il tetto è in programma e dal prossimo anno le chiamate elettroniche” [VIDEO]

evidenza2 mesi fa

Scanagatta: “Un errore arbitrale clamoroso fa perdere a Sinner con Tsitsipas un match quasi vinto” [VIDEO]

ATP2 mesi fa

ATP Montecarlo, Scanagatta: “Jannik Sinner batte l’avversario più duro di sempre sul rosso e conserva il secondo posto mondiale” [VIDEO]

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement